Ultime notizie

POLITICA

Kenyatta sfida la magistratura al Madaraka Day

"Responsabile di scelte che pesano sull'economia nazionale"

02-06-2021 di redazione

Il Presidente Uhuru Kenyatta ha scelto Kisumu, terza città del Kenya e tradizionale roccaforte del suo alleato ma storico avversario Raila Odinga, per il tradizionale discorso della Festa della proclamazione d’Indipendenza della Nazione, il Madaraka Day.
Da qui, assorbendo qualche fischio di protesta da parte di una parte ancora viva di cittadini che abbinano storicamente alla rivalità politica quella tribale tra i Luo del Lago Vittoria e i Kikuyu, simbolo del potere di cui la famiglia Kenyatta è da sempre l’incarnazione, il Presidente ha ricordato l’importanza di Kisumu nel processo d’Indipendenza del Paese ed il ruolo fondamentale del padre di Raila Odinga, Jaramogi Oginga, nel rilascio di Mzee Jomo Kenyatta dalla detenzione illegittima da parte dei colonialisti britannici, per poi scagliarsi in maniera neanche tanto soft contro la magistratura.
“Una nazione progressista è una nazione che è in continua conversazione con se stessa – ha esordito Kenyatta - Questo perché la nazione è un processo negoziato che ha bisogno di allineamenti e aggiustamenti costanti nella ricerca della perfezione.L'autogoverno non è un fine in sé; è un mezzo per un fine più grande. Ma perché la libertà e i diritti umani siano realizzati, il paradosso delle scelte deve essere risolto”.
Il riferimento voluto è al recente pronunciamento da parte dell’Alta Corte, che ha ritenuto incostituzionale la proposta di Kenyatta e Odinga di modificare la costituzione per giungere ad una repubblica parlamentare con un Presidente eletto dal popolo e un Primo Ministro nominato da deputati e senatori. L’iniziativa BBI (Costruire ponti insieme) in realtà propone anche altri cambiamenti, inasprendo la lotta alla corruzione, promuovendo la parità di genere e superando le anacronistiche barriere del tribalismo. Ma il motivo predominante è la spartizione dei poteri e se i giudici hanno visto nella BBI un palese conflitto d’interesse di Kenyatta, che di fronte all’impossibilità di essere rieletto per il terzo mandato, potrebbe lasciare il ruolo all’ex leader dell’opposizione Odinga e restare in sella al Governo come Primo Ministro.
“Dall'annullamento di un'elezione presidenziale nel 2017 al tentativo di fermare la volontà del popolo espressa attraverso il BBI, la magistratura ha testato i nostri limiti costituzionali, ma non li ha infranti – ha detto Kenyatta - Dobbiamo seguire lo Stato di diritto e obbedire alle decisioni dei tribunali, ma anche la voce sovrana e suprema del popolo del Kenya deve essere seguita”.
E’ il riferimento al referendum che secondo Kenyatta e Odinga sarebbe lo strumento ideale per approvare la BBI.
“Quando nel 2017 sono state annullate le elezioni presidenziali, abbiamo perso 1 trilione di scellini come economia in soli 123 giorni – ha ricordato il Presidente - I cittadini non possono portare il fardello di veder perdere il 30% del bilancio nazionale ogni cinque anni a causa della politica tossica.
E non è certo la magistratura ad aver subito il peso di questa scelta, ma è stato il popolo che ha visto svanire programmi di sviluppo e risorse per gentile concessione della magistratura”.
Nelle parole forti del Presidente che ritiene quindi poco responsabile e deleteria per l’economia e il benessere dei cittadini la decisione dell’Alta Corte, c’è la volontà di proseguire nell’appello per arrivare al referendum e proseguire l’attività della BBI fino alle prossime elezioni del 2022 senza rivalità e caos.
Kenyatta ha proseguito il suo discorso citando i lavori di sviluppo portati a termine, tra infrastrutture e accordi internazionali: dalla ferrovia che collegherà Nairobi all’Uganda al Porto di Lamu, dalle strade asfaltate in tutto il Paese alla tecnologia. “Tutto questo - ha concluso – per mettere fine alla povertà della dignità, quello per cui i Governi del Kenya indipendente si battono da sempre”.

TAGS: politica kenyaeconomia kenyamagistratura kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

A un mese dalle nuove elezioni, il Kenya si appresta a vivere giorni complicati.
Fortunatamente non dal punto di vista delle tensioni di strada e di piazza, che sembrano per ora scongiurate anche grazie ai proclami di pace che sono...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Esattamente cinquant’anni fa, il 5 luglio 1969, il Kenya perdeva in...

LEGGI L'ARTICOLO

Gli esperti di economia mondiale prevedono un 2019 al top per il Kenya.
Questi i dati e di conseguenza l'augurio di grandi società internazionali come, tra le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da questa mattina alle 6 si tengono regolarmente le elezioni presidenziali in Kenya.
Si tratta delle ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La politica del riciclo e dell’eliminazione della plastica attuata da Ruanda, Kenya e ora anche Tanzania sta influenzando anche...

LEGGI L'ARTICOLO

Il rimpasto del Governo voluto dal Presidente Uhuru Kenyatta per fronteggiare una crisi politica dovuta a scandali e truffe che hanno coinvolto alcuni ministri, ha fatto sì che al Ministero del Turismo tornasse una vecchia conoscenza degli imprenditori e dei...

LEGGI TUTTO

Il Governo ha ripreso i colloqui per terminare i lavori dello scalo internazionale di Malindi.
In un incontro con i vertici delle autorità aeroportuali della KAA, il Ministero dei Trasporti del Kenya nei giorni scorsi ha ribadito che Malindi rientra...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Secondo la ricerca "Africa Risk-Reward Index", pubblicata da Nkc African Economics, il Kenya e l'Etiopia sono i Paesi leader del prossimo futuro nel Continente Nero.
Il rapporto, che mette a confronto investimenti, PIL, sicurezza e molti altri fattori di supporto all'economia,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya saluta il suo secondo Presidente della Repubblica dopo il Padre della Patria...

LEGGI L'ARTICOLO

Oltre sette mesi di crisi politica con due elezioni, ricorsi, minacce, giuramenti, manifestazioni ed ogni altra varietà di incidenti diplomatici e non.
Ora, con una conferenza stampa tanto improvvisa quanto sorprendente, il ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da un'approfondita e quotidiana lettura della situazione politica attuale in Kenya, emerge sicuramente un quadro confuso e di difficile interpretazione di quel che potrebbe accadere il 26 ottobre, giorno delle nuove elezioni presidenziali. Ma anche immediatamente prima e subito dopo.

Il Fondo Monetario Internazionale ha considerato nei giorni scorsi la svalutazione dello Scellino keniota e considerato che la moneta del Kenya rimarrà su valori bassi, rispetto a dollaro ed euro, almeno per 4 mesi.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L’Italia finanzierà “Let it not happen again”, un progetto contro la violenza sulle donne in Kenya, tramite...

LEGGI L'ARTICOLO

Originariamente era il "Kenyatta Day", il giorno che ricordava la data di nascita di Jomo, primo Presidente del Kenya indipendente, 20 ottobre 1889.
Dal 2010, dopo la stesura della nuova costituzione, la festa nazionale è stata dedicata anche

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono due milioni i nuovi poveri del Kenya dall’inizio dell’emergenza Covid-19.
E’ un rapporto...

LEGGI L'ARTICOLO

Convegno a Nairobi sul Referendum Costituzionale organizzato in collaborazione con Senza Bavaglio Centro Studi per il Giornalismo.
Parteciperanno il costituzionalista Lorenzo Spadaccini, professore all’università di Brescia, il professore di economia Giovanni La Torre ed il senatore del Movimento Cinque Stelle...

LEGGI TUTTO