Ultime notizie

RACCONTI

Nonno Kazungu, il Corona e il rispetto

La pandemia vista dall'entroterra di Malindi

28-10-2020 di Freddie del Curatolo

Nel tranquillo villaggio di Kakoneni, nel mezzo della grande vallata del Galana, la vita come sempre scorreva tranquilla.
Il virus sembrava non essere mai passato da quelle parti. Le uniche restrizioni riguardavano la mancanza di soldi per acquistare un po’ più di farina, la mancanza endemica dell’acqua buona dai rubinetti della Mawasco che costringeva a filtrare quella del fiume che però, secondo gli esperti della NEMA che erano venuti qualche settimana prima ad effettuare rilevamenti, era sempre più inquinata. Tanto che talvolta transitava un ippopotamo più gonfio del solito a pancia in su.
Nonno Kazungu aveva qualche soldino da parte, ma riteneva immorale potersi permettere di preparare il suo té con l’acqua minerale, quindi costringeva la terza moglie Conjestina a farsi 7 chilometri a piedi fino al pozzo dei cinesi, dove pagava l’acqua pulita 10 scellini al litro.
Mentre sorseggiava il suo “chai” seduto all’ombra del grande ficus, arrivò il nipote Kitsao.
Da tempo, per colpa della pandemia, le scuole erano chiuse e i ragazzi, a parte giocare a pallone e andare a caccia di serpenti, non sapevano come impegnare il tempo senza dover spendere soldi.
Il passatempo preferito sarebbe stato anche per loro smanettare con il telefonino, ma in pochi a 13 anni se ne potevano permettere uno.
“Ciao Nonno, vado a Malindi”
“E la mascherina dov’è?”
“Ce l’ho in tasca, se dovessi incontrare la polizia...”
“Dovresti indossarla sempre, però...”
“Ma nonno...il Corona è un’invenzione!”
“No, figliolo, non è un’invenzione. Il virus esiste”
“E allora diciamo che è un’esagerazione”
“In che senso, saputello?”
“Nel senso che ogni giorno in Kenya muoiono 1000 persone di malaria, 200 di tubercolosi, 100 di cancro e solo una decina di Corona. Mi spieghi perché dobbiamo metterci la mascherina, non si può andare a scuola, dobbiamo tenere le distanze, bisogna rientrare presto a casa?”
“Perché c’è una piccola differenza dalle altre malattie, nipote. Il virus si attacca da persona a persona e quindi, anche se muore meno gente e solo una piccola percentuale si ammala in maniera grave, quelle persone dipendono dal tuo rispetto. Sei tu che potresti uccidere il nonno, sono gli studenti che potrebbero aver contagiato il Preside di Mombasa che stava bene ma è morto”.
“Quindi tutto il casino che è successo nel mondo è una questione di rispetto?”
“E’ una questione che tutti possono contagiare tutti, che non riguarda solo noi poveri o solo chi fuma tante sigarette, che non ti devi proteggere dalle zanzare o cercare di usare acqua pulita. Tu magari sei asintomatico e attacchi il Corona a un padre di famiglia che muore soffocato”.
“Come sei tragico, nonno...di qualcosa si deve pur morire. E perché per gli incidenti stradali nessuno la pensa così?”
“Così come, Kitsao?
“Siccome guidando potresti andare addosso ad un’altra automobile o investire una persona, allora nessuno deve più guidare, oppure si guida a 40 all’ora, non ci si sorpassa mai e la notte non si guida per niente”.
“Beh, il paragone è un po’ azzardato, mio genietto. Il virus tu non sai di averlo, lo prendi per la tua cattiva condotta o disattenzione. L’automobile ce l’hai sotto il culo e dovresti sapere come guidarla, le regole sono molto più serie e vengono sanzionate. Infatti nessuno ti arresterà mai se contagi il nonno, mentre se sei colpevole di un incidente mortale te la passerai maluccio”.
“Però questa cosa del Corona non mi convince...troppe persone, troppi Governi e aziende ci hanno marciato sopra”.
“Succede sempre così, nipote. Ognuno fa i propri interessi e sfrutta la situazione. Siamo una razza di pecore pronte a trasformarsi in avvoltoi. Sarebbe come prendersela  con i farmacisti o gli impresari delle pompe funebri. O con i giornalisti che montano le notizie per farsi leggere”
“O con i politici che cercano il consenso...”
“Wow, che frase da adulto, mio piccolo Kitsao”
“L’ho letta in un post di Facebook...ora ti saluto che mi aspettano, vado a uccidere qualche anziano. Ma non ti bacio, con te rispetto le distanze nonno, perché ti voglio bene!”

TAGS: nonno kazunguracconti kenyacorona kenyapandemia kenyacovid-19 malindi

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Una storia appassionante, di tempi che furono e di chi sogna di riviverli, fino a tornare dove i racconti che ha ascoltato nacquero.
E' il Kenya di "Il signore delle pianure", il libro dello scrittore spagnolo Javier Yanes, pubblicato in Italia...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Non stiamo parlando certo di un best seller internazionale, nonostante l'autore abbia una penna di tutto rispetto, ma di certo è il libro su Malindi che ha venduto di più in Italia. 
Alfredo "Freddie" del Curatolo mette a frutto la...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Nonno Kazungu sa che ogni uomo non camminerà mai solo...

LEGGI IL RACCONTO

Per il quarto giovedì di seguito, tutto esaurito e grande attenzione con applausi convinti al Baby Marrow di Malindi, per la rassegna di racconti, poesie e musica "Io conosco il canto dell'Africa" ideata e condotta da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata di racconti sul Kenya e sull'etnia Mijikenda questo martedì a Figino Serenza in provincia di Como.
Con ingresso gratuito, nella splendida ed elegante cornice di Villa Ferranti, sede della biblioteca comunale, il direttore di Malindikenya.net presenta "Il Viaggio dei Mijikenda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

anche l'ex Ministro e parlamentare malindino Dan Kazungu, ora Ambasciatore del Kenya in Tanzania, ad assistere alla ripresa dei lavori della Kenya Urban Rural Authority, l'ente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una lunga giornata dagli amici del Kilili Baharini di Malindi, conclusa con una cena conviviale a parlare e ricevere consigli sul futuro della cittadina turistica e sul rilancio dell'economia in questo angolo di costa.
L'alleanza tra il Ministro delle Risorse...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

“Lavatevi le mani e disinfettatevi, evitate le folle e rispettate la distanza sociale, camminate da soli e...

LEGGI L'ARTICOLO

“Nonno, cosa vuol dire – recessione - ?”
La voce di Kitsao non era petulante come quando esigeva che gli fosse restituita la calcolatrice, con cui nonno Kazungu litigava da due ore per fare i conti di quanto gli avevano...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Nella vallata del Galana il tramonto ha spesso i colori della papaya matura ma non...

LEGGI IL RACCONTO

Il Ministero del Turismo ha finalmente messo a punto il protocollo ufficiale per la riapertura ...

LEGGI L'ARTICOLO

La giornata è a dir poco epocale, qui a Kakoneni. Precisiamo: non che la Natura stia soffrendo più di tanto il cambiamento climatico, l’effetto serra, le marmitte catalitiche e le altre simpatiche novità introdotte dall’ingordigia umana.
Il grande baobab ha...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Il Governatore della Contea di Kilifi Amason Kingi ha incontrato ieri nella sede della Croce Rossa la...

LEGGI L'ARTICOLO

A grande richiesta lo spettacolo di musica, racconti ironici, poesie e cabaret di Freddie del Curatolo e Marco "Sbringo" Bigi, replica per due serate speciali a Watamu e Malindi.
Martedì 16 gennaio Freddie e Sbringo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

“Corona non c’è, Corona non c’è”
Te lo dicono in italiano, anche perché i ...

LEGGI L'ARTICOLO

Un viaggio durato esattamente due mesi, ogni settimana a Malindi.
Una carrellata di racconti, poesie, canzoni, suggestioni nella sala del Baby Marrow Art & Food Gallery di Malindi, tra un piatto della cena e un drink.
Freddie del Curatolo ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO