Ultime notizie

ANIMALI

Saltarupi dello Tsavo, chi l'ha visto?

Il Kenya torna a popolarsi di oreotraghi, difficilissimo fotografarli

20-07-2021 di Leni Frau

Lo Tsavo Ovest torna a popolarsi di saltarupi, le piccole antilopi di roccia che prediligono la savana ma specialmente i massicci e le colline rocciose, ma riuscire a vederli e a fotografarli sarà sempre un miracolo.
Per la loro propensione a cercare ambienti rocciosi, uno dei loro habitat naturali è sempre stato il parco nazionale dello Tsavo, particolarmente la zona di Taita Hills dove si ergono piccole montagne ideali per il microclima e le piante amate dal saltarupi. Qui si trova la maggior parte di questi esemplari che, oltre al Kenya, si possono trovare sulle montagne, ma difficilmente in luoghi troppo freddi, di tutta l’area Subsahariana.
Il suo nome scientifico è “Oreotragus” e in italiano si chiama proprio Oreotrago, anche se è meglio conosciuto con il nome che ne declina la peculiarità principale. Infatti potremmo anche definirlo uno “stambecco nano africano”.
In swahili viene più semplicemente chiamato “Mbuzi ya mawe” (capra delle pietre), mentre in inglese torna la dicitura “saltarocce”, ovvero Klipspringer.
Le dimensioni del saltarupi non superano il mezzo metro, con le femmine che possono essere leggermente più alte, ma di pochi centimetri.
Il loro manto è di color terra con striature bianche e sfumature più scure.
I maschi hanno le corna appuntite che possono superare i 15 centimetri.
Difficili da vedere, per la loro velocità nel saltare e nascondersi tra dirupi, canyon e scarpate, quindi in luoghi non comodi per fare safari, oltretutto la loro attività è più frequente di notte e alla mattina presto, i saltarupi vivono in piccoli branchi o semplicemente in coppia, con i loro cuccioli. Difficilmente un gruppo supera i 10 elementi. Di giorno esce allo scoperto per riposare e predilige farlo al sole, così come durante le ore che precedono l’oscurità.
Questo piccolo esemplare di antilope si deve guardare da predatori come il leopardo, il servalo, il caracal oltre che proteggere i propri cuccioli da babbuini, sciacalli, iene e aquile.

 

TAGS: saltarupioreotragotaita hillsanimali tsavo

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Quasi ogni giorno un incendio, grande o piccolo, devasta un pezzo di Parco...

LEGGI L'ARTICOLO

Finalmente è arrivata la pioggia dopo oltre otto mesi di siccità.
Lo Tsavo si stava giorno dopo giorno desertificando, costringendo i suoi animali a prolungate sofferenze nella disperata ricerca di acqua e cibo per la loro sopravvivenza.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli sforzi fatti fino ad ora per garantire acqua agli animali del Parco Nazionale dello Tsavo e al suo ecosistema potrebbero non bastare.
La savana più vicina alla costa del Kenya rischia l’estinzione in 15 anni, se non si provvede...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tristezza è grande per gli appassionati di savana che, dopo tanti safari, avevano imparato a riconoscerlo.
Satao II, uno dei pochi elefanti dalle zanne giganti rimasti in Kenya, i "big tuskers" (secondo le stime ce ne sarebbero non più di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si affievolisce lentamente il grosso incendio divampato l’altra notte nella vasta area attorno...

LEGGI L'ARTICOLO

Un devastante incendio divampato questa notte sta distruggendo migliaia di acri di...

LEGGI L'ARTICOLO

E' finalmente operativo il Ponte di ferro che collega il Parco Nazionale dello Tsavo Est con la parte nord della fetta di savana più estesa del Kenya.
Un collegamento che non solo fino ad ora non era possibile, ma che...

LEGGI TUTTO

Sono già venti le contee del Kenya che hanno lanciato l'emergenza siccità e che chiedono al Governo aiuti ...

LEGGI L'ARTICOLO

Elefanti in trappole. 
Sembra una cosa impossibile, ma purtroppo non lo è. 
Una delle conseguenze della campagna in corso, per negare ai bracconieri l’uso delle armi da fuoco, e stata quella di indirizzarli all’uso dei metodi tradizionali, andati in disuso...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Per pochi secondi la terra ha tremato in Kenya, verso le 19.20 di domenica sera.
L'epicentro del...

LEGGI L'ARTICOLO

E' sempre più emergenza siccità in tutto il Kenya e anche sulla costa.
Due sporadici acquazzoni dei giorni scorsi tra Malindi e Watamu non hanno migliorato la situazione che sta stringendo d'assedio allevatori ed agricoltori.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nuovi cartelli di avviso in tre lingue per non sporcare la savana del Parco Nazionale keniota dello Tsavo.
Sotto l'egida "Amici dello Tsavo" agiscono i fautori di queste iniziative per la tutela dell'ambiente e della fauna, Adriano e Giovanna Ghirardello,...

LEGGI TUTTO

E’ stata un’edizione emozionante, quella di quest’anno dell’East African Safari Classic, il ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dagli animali c'è sempre da imparare: guardate cosa succede nello Tsavo quando un vecchio elefante cerca di accoppiarsi con un'elefantessa troppo giovane. E' il branco stesso ad impedirglielo, fermandolo e minacciandolo! (grazie a Giovanna e Adriano Ghirardello per il contributo)

Ancora due anni per vedere la strada asfaltata da Malindi alle porte del Parco Nazionale dello Tsavo.
Non sarà pronta quindi per il 2018 come previsto in un primo momento, la strada che per ora presenta 12 km di asfalto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Almeno due famiglie di elefanti dello Tsavo Est e della Galana Conservancy sono usciti dal parco e hanno...

LEGGI L'ARTICOLO