Ultime notizie

INVESTIMENTI

Se Calvin Klein è 'Made in Kenya'

Un'azienda keniana produce grandi marchi

24-05-2023 di Freddie del Curatolo

Da tempo sosteniamo che le aziende occidentali che hanno aspirazioni di grande distribuzione dovrebbero sondare le possibilità di aprire stabilimenti in Kenya. Per questo ci spendiamo per convincere gli imprenditori italiani a fare un pensierino su questo paese e sondarne il mercato.
Benchè il governo si stia aprendo solo ultimamente ad accordare sgravi fiscali e dare assistenza burocratica a chi decide di investire nel paese, ci sono segnali che questa possa essere la stagione giusta, complice anche il bisogno del Kenya, che ha grandissimi margini di crescita, di uscire da una grave crisi economica.
Una delle testimonianze di queste opportunità è approdata, via social, alle cronache nazionali.
Un post della casa di moda americana Calvin Klein, che pubblicizzava una polo verde in cui appariva l’etichetta “Made in Kenya” è diventato virale in Africa.
Molti allo stesso tempo si sono chiesti: “ma veramente un marchio di grande qualità come Klein produce alcuni suoi capi in Kenya?”
Per adesso ci eravamo abituati al florilegio di marche contraffatte, di cui il Kenya è pieno, oppure a quel che si trova sui banchi dei “mitumba”, le bancarelle dell’usato che arriva in balle da una tonnellata dall’Europa. Allora sì che si possono trovare i boxer di Calvin Klein a 5 euro.
Invece ad Athi River c’è un’azienda originaria dello Sri Lanka, la cui apertura è stata favorita ed inaugurata dall’allora presidente Uhuru Kenyatta nel 2020, che produce indumenti per il conglomerato americano della moda Phillips-Van Heusen, che possiede marchi come Tommy Hilfiger e Calvin Klein, oltre alla popolarissima multinazionale dei jeans Levi's.
La “Mas Intimates” attualmente dà lavoro ad oltre 3000 keniani, ha immesso nell’economia del paese quasi 9 milioni di dollari e spedito capi di abbigliamento per un valore di oltre 24 milioni di dollari con l’etichetta “Made in Kenya". La presenza globale di Mas Intimates si estende su 17 Paesi. L'azienda esporta i suoi capi principalmente negli Stati Uniti e in Canada, oltre che in altre parti del mondo come Australia, Messico e Giappone.L’azienda fa parte delle aziende tessili della Zona Economica Speciale (EPZ) dell’hinterland di Nairobi che sono esentate dal pagamento delle tasse per i primi anni. La proprietà di Mas Intimates, che dispone anche di servizi di serigrafia e ricamo interni, ha dichiarato di voler aumentare il numero di dipendenti attuali a 7.000 entro il 2025.

TAGS: modamarchiaziendeinvestimentitessileathieconomia

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

La tradizione e l’eccellenza della sartoria su misura italiana ha presentato a Nairobi le sue creazioni e l’arte...

LEGGI L'ARTICOLO

Da una multinazionale italiana che ha deciso di investire in Kenya arriva un importante aiuto al...

LEGGI L'ARTICOLO

Già pronti 30 milioni di euro da parte di investitori nazionali e stranieri per lanciare progetti industriali nella Contea di Kilifi.
Lo ha annunciato il Governatore Amason Kingi a margine del convegno di Kilifi sull'economia e gli investimenti nella contea...

LEGGI TUTTO

Secondo la ricerca "Africa Risk-Reward Index", pubblicata da Nkc African Economics, il Kenya e l'Etiopia sono i Paesi leader del prossimo futuro nel Continente Nero.
Il rapporto, che mette a confronto investimenti, PIL, sicurezza e molti altri fattori di supporto all'economia,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Secondo un’indagine condotta da una delle più importanti società di consulenza alberghiera, sono ben...

LEGGI L'ARTICOLO

Le rose rosse di San Valentino sono sempre più keniote.
Proprio in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Fondo Monetario Internazionale ha considerato nei giorni scorsi la svalutazione dello Scellino keniota e considerato che la moneta del Kenya rimarrà su valori bassi, rispetto a dollaro ed euro, almeno per 4 mesi.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Governi di Kenya e Italia sempre più coinvolti in programmi di scambi e sviluppo, dopo il recente incontro del Vicepresidente del Kenya William Samoei Ruto con il Vice Premier italiano Luigi Di Maio e con il Ministro degli Affari Esteri...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una tassa a fin di bene per le aziende di tutto il mondo che utilizzano animali per promuovere le loro...

LEGGI L'ARTICOLO

C’è anche l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) tra quelle che ...

LEGGI L'ARTICOLO

I rapporti bilaterali tra Italia e Kenya proseguono e si rafforzano.
Il neo Ambasciatore d'Italia in Kenya Alberto Pieri ha incontrato a Nairobi il Vice Presidente del Kenya William Ruto, confermando gli ottimi rapporti tra le due...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una ricerca pubblicata dal Nairobi Stock Exchange in partnership con Geopoll, Kantar, Brand Leadership e Africapractice rivela quali... 

LEGGI L'ARTICOLO

Dall'Italia arrivano finalmente spiragli di luce per la costa keniota. 
Dopo una stagione terribile, per colpe non certo di Malindi e Watamu, ma di congiunture astrali mondiali che tra crisi economica, terrorismo internazionale e paure ingiustificate (virus ebola a migliaia...

LEGGI TUTTO

A partire dalla prossima settimana la linea ferroviaria veloce tra Nairobi e Mombasa avrà una corsa supplementare.
Il servizio espresso partirà da mercoledì 1 novembre...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La National Environment Management Authority, braccio esecutivo del Ministero dell'Ambiente keniano, ha presentato la sua proposta per vietare la produzione e la distribuzione delle bottiglie di plastica nel Paese, a partire dal prossimo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il fashion e la voglia di vacanza si trasferiscono da Nairobi a Malindi e inaugurano...

LEGGI L'ARTICOLO