Ultime notizie

STORIE

Suor Maria Carola, la Venerabile che diede la vita in Kenya

La storia della missionaria del Cottolengo onorata da Papa Francesco

26-11-2020 di redazione

Tra i cinque beati e venerabili annunciati ieri da Papa Francesco c’è anche una suora italiana del Cottolengo che diede letteralmente la vita per aiutare i poveri in Kenya.
Si tratta di Suor Maria Carola Cecchin, che per 20 anni, dal 1905 al 1925 fu insieme ad altre sorelle e missionari della Consolata nelle terre kikuyu di Meru e dintorni.
Proprio dal periodico “Incontri” della Famiglia Cottolenghina apprendiamo la storia di Suor Maria Carola.
Quinta di dieci figli, nasce il 3 aprile 1877 a Cittadella (Padova), dove viene battezzata col nome di Fiorina. La sua fanciullezza scorre normalmente. Di poche parole, semplice ma determinata, ama solitudine e preghiera. I genitori la additano come esempio da imitare per mitezza, laboriosità, intelligenza, generosità e amore alla famiglia. In casa è l’angelo delle piccole cure e delle attenzioni amorose per i suoi cari, felice solo di vederli contenti, senza nulla cercare per sé. A 18 anni, dopo un corso di Esercizi Spirituali, risponde alla chiamata di Cristo e decide di abbracciare la vita religiosa.
Il 27 agosto 1896 entra tra le suore Vincenzine nella Piccola Casa della Divina Provvidenza di Torino, e inizia la sua formazione. Il 2 ottobre 1897 veste l’abito religioso e inizia il Noviziato col nome di suor Maria Carola. Nell’Epifania del 1899 la Professione religiosa
Il 28 gennaio 1905 parte per il Kenya con la spedizione formata da sei suore cottolenghine e due fra i primi Missionari della Consolata del canonico Giuseppe Allamano, il quale già fin dal 1903 aveva chiesto al canonico Ferrero, Padre della Piccola Casa la collaborazione delle suore cottolenghine. Suor Maria Carola vive la sua donazione totale e gioiosa nelle incombenze quotidiane più umili, annunciando il Regno di Dio e operando per l’evangelizzazione e la salvezza delle anime. Sostenuta dalla preghiera, accetta i sacrifici, le ansie, le difficoltà della lingua, del clima e del diverso contesto culturale.
Spinta dal “Caritas Christi urget nos”, svolge ininterrottamente per venti anni la sua attività di “madre e sorella” dei più poveri, in situazioni estremamente difficili. Visita malati nei villaggi e catechizza con parole e gesti di carità le giovani a Limuru, a Tuthu, a Iciagaki, dove è nominata superiora.
Come tale è poi inviata a Magoiri, a Wambogo tra i Kikuyu, a Egoji e da ultimo a Tigania nel Meru, dove si ammala gravemente. Suor Maria Carola si trova combattuta tra sete di anime e crollo morale e fisico di tante consorelle desiderose di rivedere la Piccola Casa. Lei, per libera scelta sua, sarà l’ultima a lasciare il Kenya.
La mattina del 11 ottobre 1925, quando già stava male, Sr Maria Carola con una sorella diede l’addio a quella missione e sole iniziarono un avventuroso e rischioso viaggio di ritorno attraverso il Mar Rosso. Durante la traversata si aggrava e il 13 novembre 1925 muore. La sua bara sarà sepolta “là, tra le onde del Mar Rosso”. Dopo un processo durato due anni, Papa Francesco ha dichiarato “Venerabili” le virtù eroiche della serva di Dio Maria Carola Cecchin  della Congregazione delle Suore di San Giuseppe Benedetto Cottolengo, nata il 3 aprile 1877 a Cittadella (Italia) e morta sul piroscafo mentre rientrava dal Kenya all’Italia il 13 novembre 1925.

TAGS: suora kenyavenerabile kenyamissioni kenyacottolengo kenyaconsolata kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

A Meru, dove ancora aiutava a distanza tante famiglie, lo ricordano come una presenza benedetta. Fratel...

LEGGI L'ARTICOLO

Un’altra suora italiana e missionaria della Consolata in Kenya sarà proclamata beata.
Dopo la Beata Irene Stefani, beatificata nel maggio del 2015, (LEGGI QUI L'ARTICOLO)  è la volta di un altro personaggio femminile la cui...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' stata celebrata lo scorso fine settimana a Nyeri, cittadina a nord di Nairobi, la beatificazione della suora italiana Irene Stefani. 
La beatificazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un grave lutto avvolge la comunità italiana di Malindi, ci ha lasciato uno dei decani della "colonia" italiana.
Il costruttore bresciano Renato Marini. Logorato da una lunga malattia, si è spento nella sua casa dietro il Galana Center, una delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Se n'è andata, alla venerabile età di 88 anni, la "scenografa d'Africa" Eva Monley.
Il suo...

LEGGI L'ARTICOLO

Può la storia degli italiani in Kenya essere racchiusa in una serata di racconti e canzoni?
L'unico che forse può provarci è Freddie del Curatolo, scrittore performer e direttore del portale malindikenya.net, con la preziosa collaborazione del Maestro Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

L’abito non fa il monaco, ma forse in Africa può fare ancora la suora.
Una...

LEGGI L'ARTICOLO

Una lieta notizia per gli italiani in Kenya e la loro memoria, proprio alla vigilia delle...

LEGGI L'ARTICOLO

Il mondo cambia e con esso anche il modo di viaggiare e scoprirlo.
Siamo sempre meno turisti e più escursionisti, avventurieri magari molto social ma anche pronti a provare...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Chissà se finirò prima io i sogni, o se saranno i sogni a finire me".
Era una delle poche, delle pochissime espressioni che Giuseppe Argese era solito dispensare. Il missionario é mancato pochi giorni fa ai piedi del Monte Kenya, dove viveva e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quando in Italia gli amici mi chiedono il perché del mio interesse per questa terra così lontana e diversa, io ...

LEGGI L'ARTICOLO

Un uomo buono e preparato che, come suggeriva il suo nome di battesimo, ha Donato la sua vita per curare i difetti della vista a migliaia di keniani.
Questo era l'oftalmico triestino Donato Cordi, scomparso...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non sempre l'Africa salva la vita a noi occidentali, ma spesso la migliora e riesce addirittura a darle un senso.
Quel che ...

LEGGI L'ARTICOLO

L’autorità dell’Aviazione Civile del Kenya (KCAA) ha concesso l’autorizzazione a venti nuove compagnie charter, di linea o low cost africane ed internazionali per decollare ed atterrare nel Paese.
Questo darà grandi possibilità di nuove rotte anche per la costa, con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya ha lanciato il suo primo censimento nazionale della fauna selvatica.
Si tratta di un...

LEGGI L'ARTICOLO

La Nairobi italiana piange un altro dei suoi angeli buoni.
I residenti italiani della Capitale sono ahimé sempre un po' preparati a perdere qualche "pezzo storico" della loro comunità, spesso per un fatto esclusivamente anagrafico.
Ma con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO