Ultime notizie

STORIE

Wycliffe, l'infermiere keniano resiliente vittima del virus

Paladino della prevenzione, la sua storia sia insegnamento

13-12-2020 di Freddie del Curatolo

In Italia ne abbiamo avuti centinaia, ognuno con la sua storia, la sua famiglia, la dedizione per il suo lavoro. Anche il Kenya ha i suoi simboli della lotta al Covid-19.
Ieri uno degli “angeli” delle corsie, che io preferisco chiamare “doppi umani”, perché al sostantivo uniscono l’aggettivo, se n’è andato sconfitto proprio dalla malattia che non solo combatteva e curava, ma di cui strenuamente sensibilizzava sulla pericolosità e sull’alto potenziale contagioso.
Wycliffe Alumasa non era solo un’infermiere all’ospedale della Contea di Kakamega, ma anche un paladino dell’applicazione delle regole, dell’utilizzo delle mascherine e del rispetto della persona tenendo le distanze.
Ogni mattina, prima di recarsi al lavoro, girava con la sua auto l’intera cittadina e chiedeva a chi non indossava la maschera perché lo facesse, dopodiché si qualificava e spiegava il suo punto di vista con professionalità.
Alla fine, anche grazie all’aiuto di sponsor, donava la mascherina all’ignaro o miscredente.
Poi si recava in polizia e diceva: “io ne ho beccati un centinaio, e voi?”.
E faceva report sulle zone a maggior rischio, quelle con meno rispetto e via dicendo.
Alla fine gli stessi poliziotti lo seguivano e utilizzavano il suo metodo della sensibilizzazione, prima della repressione e punizione.
Era ormai famoso in città Wycliffe.
Aveva organizzato una grossa distribuzione ai Boda Boda e il suo meccanico ricorda che quando portò la sua automobile a riparare, gli chiese di non toccare l’interno del veicolo e neanche il motore se prima non avesse indossato una mascherina omologata.
Così faceva, raccontano gli amici, con altri negozianti. Non acquistava né salutava nessuno che non indossasse la mascherina.
Fatalmente, dopo nove mesi di lavoro ininterrotto a fianco dei malati di Coronavirus, Wycliffe è risultato positivo e si è messo in isolamento a casa ma in una sola settimana le sue condizioni sono visibilmente peggiorate e quando nei giorni scorsi lo hanno portato in ospedale non c’era più niente da fare. “Sapevo già che sarebbe stato un miracolo se si fosse ripreso da quelle condizioni” ha dichiarato la moglie Veronica alla stampa.
Come lui tanti altri infermieri e medici in Kenya sono ancora impegnati a lottare contro un virus che, anche se meno terribile che in tanti altri Paesi di Europa e Americhe, qui in Kenya si aggiunge a tante altre patologie presenti da sempre e le cui cure sono affidate a strutture ospedaliere che solo ora si cerca di migliorare, con tantissimi problemi. Tra chi minaccia scioperi, chi si ammala e deve restare a casa e tanti altri operatori sanitari che vengono assunti da strutture private inaccessibili alla gente comune, si spera che altri seguano l’esempio lasciato da Alumasa: prevenire in Africa può essere molto più utile e più possibile che curare.

TAGS: medici kenyainfermieri kenyacovid-19 kenyastorie kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Un gesto importante di nostri connazionali rende l’attività dei medici dell’Ospedale Generale di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Finalmente dopo cinque mesi di agitazioni sindacali, è terminato lo sciopero nazionale degli infermieri e infermiere in Kenya.
Complice lo stallo politico delle elezioni e la sua ben nota...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non è un caso che in questi giorni i dati dell’emergenza Covid-19 riguardino pochissimi tamponi analizzati (...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo cento lunghissimi giorni, soprattutto per i pazienti di tutto il Kenya, i medici hanno deciso di far rientrare la loro protesta e di tornare negli ospedali.
Lo sciopero nato per affermare i propri diritti, sanciti da un contratto di...

LEGGI TUTTO

Finalmente la Contea di Kilifi può disporre di una struttura sanitaria moderna dedicata all’emergenza...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Ennesima giornata senza decessi per Covid-19 in Kenya.
Un segnale...

LEGGI L'ARTICOLO

Aumentano i morti quotidiani accertati con positività da Covid-19 ma aumentano anche i decessi...

LEGGI L'ARTICOLO

Si chiamano "Tinga Tinga Tales" e sono delle bellissime storie animate per ragazzi create da una società di animazione digitale di Nairobi e ideate e prodotte da una sceneggiatrice britannica innamorata dell'Africa, Claudia Lloyd.
Vanno in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Casi ufficiali di Covid-19 in Kenya, siamo sempre a poco più del 10% rispetto...

LEGGI L'ARTICOLO

L’estabilishment africano dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e il Kenya Medical Research Center, che...

LEGGI L'ARTICOLO

Progressivo e preoccupante peggioramento della situazione Covid-19 in Kenya: dal più...

LEGGI L'ARTICOLO

Si chiama "Patrimonio Italiano Tv" ed è una televisione online che si connette con tutti i Paesi del mondo in cui ci siano connazionali di cui vale la pena raccontare le storie.
Il suo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya guarda a Cuba per migliorare il suo servizio sanitario.
Durante la recente visita del Capo di Stato keniano Uhuru Kenyatta all'Avana...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I medici del Kenya hanno chiesto formalmente al Presidente Kenyatta di chiudere le Contee in ...

LEGGI L'ARTICOLO