Ultime notizie

PANDEMIA

Perchè il Kenya non ha subito la quarta ondata

Dati confusi, pochi ricoveri e il potere dell'Africa

21-07-2021 di Freddie del Curatolo

L’estabilishment africano dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e il Kenya Medical Research Center, che coordina le attività di ricerca sulla pandemia, fortunatamente non ci hanno azzeccato nemmeno questa volta. Le previsioni, manco a dirlo negative, si riferivano al potenziale picco della quarta ondata di contagi da Covid-19, prevista nel Paese per la metà di luglio.
Le proiezioni del KEMRI parlano di almeno 4300 ricoveri (attualmente siamo fermi da un po’ a 1200 circa, con 139 pazienti in terapia intensiva).
Anche l’OMS aveva messo in guardia il Kenya e tutto l’Est Africa dopo la scoperta della presenza della variante delta nella zona del lago Vittoria, tra Kenya, Uganda e Ruanda.
Eppure, nonostante il ceppo del virus definito più rapidamente contagioso, tutto rimane come più o meno è sempre stato, ovvero situazione preoccupante e da attenzionare ma sicuramente molto inferiore a quelle attese di ecatombe che con il collega Angelo Ferrari ho raccontato nel libro “La pandemia in Africa, l’ecatombe che non c’è stata” che potete acquistare anche online direttamente dalla casa editrice o anche sulle piattaforme di vendita digitale di libri.
Per quanto riguarda le ondate precedenti sono state fatte a suo tempo diverse disamine, cercando le motivazioni della diffusione contenuta e poco mortale: il caldo, l’esposizione al sole vitaminico, la vita all’aria aperta, il dna dei bantù ed altro.
Il Governo dal canto suo ha chiuso tempestivamente in lockdown le 13 contee della regione del Lago Vittoria per un mese e questo ha aiutato nel contenere le infezioni.
Per la variante delta gli esperti ora cercano di chiamare in causa anche i vaccini, ma come si può pensare che il 2% di vaccinati incida così tanto su una diffusione di massa del virus?
Sicuramente un dato oggettivo ci può essere, per il Kenya.
Sono stati vaccinati gli operatori sanitari, medici ed infermieri, che hanno costituito la maggior parte dei casi del primo anno di pandemia, essendo stati a contatto con i pazienti gravi in ambienti chiusi e non adeguatamente protetti. Vaccinati loro, non si sono più evidenziati casi e soprattutto decessi (il Kenya è arrivato ad un centinaio di vittime tra dipendenti della sanità) in quell’ambito.
Secondo però alcuni medici sul campo, c’è stato un rallentamento della trasmissione dei dati da parte delle sedi decentrate al Ministero della Salute. Questo potrebbe spiegare il basso numero di richiedenti cure e ricovero ospedaliero, mentre altri preferiscono gestire in proprio il Covid-19, trattandolo come un’influenza, piuttosto che denunciarlo e rischiare isolamento ed altri provvedimenti restrittivi, per loro e per le loro famiglie o ambienti di lavoro.
Dall’altra parte, si assiste al proliferare di tamponi fasulli, di certificati covid-19 free falsi per poter viaggiare ed altre diavolerie figlie di corruzione e opportunismo.
In Uganda addirittura sono stati scoperte 800 dosi di vaccino astrazeneca che in realtà contenevano acqua e che sono state inoculate a cittadini che credevano di immunizzarsi.
In definitiva il Covid-19 resta un grande punto interrogativo per l’Africa Subsahariana e se da una parte fino ad ora sono state scongiurate le previsioni nefaste, dall’altra manca la fiducia da parte dei Paesi occidentali nella riapertura delle frontiere con il Kenya e gli altri Paesi dell’Est Africa in particolare, proprio per mancanza di dati certi e per i tanti episodi di aggiramento delle regole che devono tutelare i cittadini che entrano ed escono dall’intera regione. La necessità del sistema mondiale di globalizzare ogni angolo del pianeta continua a scontrarsi con l’ancestrale sfuggente fatalismo e con la fertile anarchia dell’Africa, che spesso ne rappresenta l’anticorpo più efficace ai mali endemici e a quelli portati da fuori.

TAGS: pandemia kenyavariante kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il Kenya ha superato la somministrazione di 1 milione e 500 mila dosi di vaccino, di cui circa 1...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya non solo è una delle culle dell’umanità, ma potrebbe essere anche una terra particolarmente...

LEGGI L'ARTICOLO

Altri trenta giorni di coprifuoco in Kenya dalle 21 alle 4 del mattini, con la sola variante che i ...

LEGGI L'ARTICOLO

Appena aumentano di numero i tamponi effettuati, fatalmente anche le percentuali dei...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche la Sanità keniana ha fatto i conti di questi primi dieci mesi di pandemia nel...

LEGGI L'ARTICOLO

Mentre non accennano a svuotarsi i letti nei reparti di terapia intensiva del Paese ed è stato già...

LEGGI L'ARTICOLO

“Consiglio ai miei connazionali residenti in Kenya di vaccinarsi, di farlo anche subito e con indifferentemente ogni...

LEGGI L'ARTICOLO

E’ arrivata anche in Kenya la variante indiana del Covid-19.
Si sperava...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya riceverà presto un aiuto dal Fondo Monetario Internazionale per fare fronte in maniera adeguata...

LEGGI L'ARTICOLO

L’anno scorso in questo periodo regnava l’incertezza anche nel regno degli animali.
Ai bordi della...

LEGGI L'EDITORIALE

Mentre quasi tutte le strutture sanitarie delle contee sono alle prese con la mancanza di vaccini, il...

LEGGI L'ARTICOLO

Da oggi in Kenya i cittadini che devono rinnovare il passaporto o gli stranieri chiamati a ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il riso "pilau" è uno dei piatti unici più frequenti da trovare nei ristoranti del Kenya, specialmente quelli della costa. La ricetta è di origine mediorientale, ma la sua variante swahili è diffusa soprattutto in Kenya e Tanzania e la...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

La base militare del Regno Unito in Kenya nella cittadina di Nanyuki, che oltre ai...

LEGGI L'ARTICOLO

Con tutta probabilità l’Italia prolungherà lo stato di emergenza nazionale legato alla pandemia, che... 

LEGGI L'ARTICOLO

Il Canto del Kenya di oggi s’intitola “Nice Place” ed è un canto maasai.
Abbiamo ...

La “Nice Place” che la pandemia non fermerà - LEGGI LA STRISCIA QUOTIDIANA DI FREDDIE