Ultime notizie

EDITORIALE

Ecco perchè Omicron non ha spaventato il Kenya

Quasi totalità di asintomatici e "bolle vacanziere" di vaccinati

10-01-2022 di Freddie del Curatolo

Passate le feste in Kenya, gabbato il Covid-19.
Parafrasiamo il noto proverbio non tanto perché il virus abbia deciso di levare le tende dal paese africano, ma soprattutto per l’incidenza sui casi gravi e sui decessi che ha avuto in questo periodo di grande mescolanza e libertà concessa dalle vacanze di fine anno ed inizio 2022.
Da ieri la maggior parte dei keniani di Nairobi e dei turisti stranieri che hanno soggiornato nelle destinazioni di vacanza ha fatto ritorno a casa per riprendere a lavorare. Durante i giorni festivi i casi di Covid-19, com’era prevedibile, sono notevolmente aumentati ma questo fatto non ha messo in grande crisi il settore sanitario, né ha provocato gravi danni alla salute di chi ha soggiornato in strutture alberghiere o case private. Considerando l’alto numero di vaccinati tra quelli in viaggio (la quasi totalità, anche grazie al decreto del Governo che dal 21 dicembre scorso obbliga hotel e ristoranti a chiedere il certificato vaccinale ai propri ospiti) già di per sé il rischio si è ridotto.
I vaccini inoculati nel paese sono arrivati alle soglie degli 11 milioni e c’è da calcolare che chi si è vaccinato appartiene alle fasce medio alte di cittadini keniani, ovvero quelli che possono permettersi di andare in vacanza e di frequentare hotel e locali, oltre agli staff delle medesime strutture turistiche. Il 16,5% dei keniani è già pronto a ricevere il cosiddetto “booster” e già alcune migliaia di keniani, dalla scorsa settimana, si sono messi in lista.
Se quindi si è creata una sorta di “bolla naturale” in destinazioni come Watamu o Diani, ad esempio, o nei lodge di parchi nazionali e riserve, c’è da dire che è stata la variante Omicron a decretare la non pericolosità del virus. I timori potevano essere legittimi, ma alla luce dei fatti l’omicron in Kenya si è rivelata molto più leggera di quella occidentale, e quasi tutti gli individui trovati positivi si sono rivelati asintomatici. Il Kenya Research Medical Institute parla del 95%, con il 70% circa di variante Omicron. Dopo le feste, oltretutto, dall'oggi al domani le percentuali di positivi per tampone si sono letteralmente dimezzate e secondo il Ministero della Sanità il trend sarà questo fino a considerare la "quinta ondata" terminata, 
Dopo nove mesi dall’uscita del libro “La pandemia in Africa, l’ecatombe che non c’è stata” (Rosenberg & Sellier Editore) che ho scritto con il collega Angelo Ferrari, anche la stampa internazionale si è accorta che l’Africa Subsahariana in particolare non ha sofferto molto per via delle diverse incarnazioni del Covid-19. I motivi sono disparati e tutti descritti nel libro, dal clima alla vita all’aria aperta, dal minore stress all’età media bassa e tanti altri ancora, che concorrono nell’evitare problemi seri a sistemi sanitari poveri e situazioni che facilmente potrebbero uscire dal controllo.
Anche il Corriere della Sera nei giorni scorsi ha dedicato una pagina del quotidiano all’argomento.
Questo non è un invito ad abbassare la guardia né ad essere faciloni, è semplicemente una constatazione. Ci sono stati sporadici casi, anche tra italiani e anche vaccinati, di persone ricoverate in ospedale. Molti di loro hanno anche patologie pregresse.

TAGS: bolle kenyavaccini kenyaomicron kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il governo keniano per adesso non chiuderà i voli internazionali verso i paesi in cui è attiva...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Ministero della Salute ha deciso che il richiamo dei vaccini somministrati fino a qui, che sono...

LEGGI L'ARTICOLO

Arriva dagli Stati Uniti la speranza che le popolazioni africane possano essere quasi totalmente immunizzate...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche il Kenya sta pensando di attivare le procedure per offrire ai cittadini che la richiedessero...

LEGGI L'ARTICOLO

Da questa mattina, lunedì 23 agosto, in Kenya sono disponibili anche 880 mila dosi del vaccino...

LEGGI L'ARTICOLO

Molti di loro erano arrivati con autocertificazioni “così e così”, altri sfruttando il cavillo del cambio...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya ha deciso: tutti i visitatori stranieri, ma anche i keniani che vivono all'estero che entreranno in...

LEGGI L'ARTICOLO

L’Unione Europea continua a non riconoscere il vaccino AstraZeneca “Covishield” utilizzato in Kenya ed...

LEGGI L'ARTICOLO

I vicini di casa del Kenya annunciano nove casi di variante Omicron del Covid-19 nella...

LEGGI L'ARTICOLO

A colpi di poche centinaia di dosi alla settimana non si può fare molto per vaccinare più cittadini...

LEGGI L'ARTICOLO

La levata di scudi del settore dell’ospitalità della Contea di Kilifi sembrerebbe essere servita...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya è pronto a ricevere i primi vaccini la prossima settimana, ma non ha ancora ordinato...

LEGGI L'ARTICOLO

La proposta di decreto legge del Ministro della Sanità keniana Mutahi Kagwe sembra aver messo...

LEGGI L'ARTICOLO

Nei giorni scorsi abbiamo avuto la conferma dal Governo italiano che c’è la volontà di far trascorrere periodi...

LEGGI L'EDITORIALE

Un milione e duecentocinquanta mila vaccini in Kenya entro il prossimo giugno.
Dopo...

LEGGI L'ARTICOLO

La situazione dei vaccini messi fino ad oggi a disposizione dei 55 stati africani attraverso l’ente...

LEGGI L'ARTICOLO