L'angolo di Freddie

TESTIMONIANZE

Io, il giriama bianco, e la stregoneria in Kenya

L'iniziazione di un "mganga" nella tribù mijikenda

12-02-2012 di Freddie del Curatolo

Le nuvole vanno e vengono, come le emozioni. All’equatore sono così basse, così vicine che ti sembra facciano parte dell’arredamento che la natura ha deciso di piazzarti in veranda.
Questa sera hanno deciso di danzare avanti al cielo e scoprirne a tratti l’immensa volta stellata. Prima, però, c’era l’Africa al tramonto.
Quel momento sempre troppo breve, come sono gli attimi di vera felicità.
La scenografia terrena racconta di un villaggio mijikenda alle porte di Malindi, dove vive una delle  comunità tribali più fedeli alle tradizioni dei secoli passati. Quando le capanne erano trulli di legno e palme secche, senza nemmeno il conforto del fango compattato a mo’ di cemento. Una per le donne, con le pentole sul fuoco, gli stracci ammassati e culle di foglie di banano per gli infanti.
L’altra è per gli uomini, con le stuoie da sonno, il vino di palma e odore di tabacco per rudimentali pipe. La terza è per gli antenati, i feticci intagliati a mano e colorati con sangue animale ed erbe macerate. Padri e padri dei padri da invocare affinché garantiscano saggezza e protezione al villaggio.
Sono tornato in Kenya, dove ho passato la giovinezza, sette anni fa e da allora mi considero africano a tutti gli effetti. La comunità Mijikenda, una delle più antiche e misteriose etnie dell’Africa Equatoriale, mi ha accolto e mi tratta come uno di loro. Sono stato ribattezzato con il nome di Mbogo (Bufalo) Kimera. Forse sì, è una chimera che io possa diventare uno di loro a tutti gli effetti. Non potrò mai credere alle loro superstizioni, agli idoli e al culto dei morti. Però partecipo e vivo con loro queste suggestioni.
Uno degli appuntamenti più importanti è l’iniziazione di un “mganga”, lo stregone buono che all’interno della comunità tribale viene considerato allo stesso tempo un guaritore, uno psicologo e una delle massime autorità religiose, perché in grado di interpretare il volere degli antenati. Sono gli “elders”, gli anziani del villaggio, riuniti in preghiera nella capanna dei feticci, ad iniziare il mganga.
Il rito dura una settimana. L’aspirante stregone dovrà mostrare di avere imparato a riconoscere ed utilizzare le erbe medicinali, assumere anche quelle allucinogene (nell’entroterra di Malindi si trova lo stramonio, ma anche la potentissima salvia divino rum) e scartare quelle velenose. Un giorno intero viene speso per vagare per chilometri sotto il sole cocente d’Africa e cercare le piante di cui avrà bisogno del corso del tempo. Con un amico video produttore riprendiamo tutte le giornate.
La cerimonia prosegue anche la notte, con danze tribali e preghiere. Sciamani bardati con parei colorati e pelli di facocero, con copricapi di piume d’uccello, pentoloni fumanti di farina di mais ed erbe di campo, visitatori e parenti dai villaggi vicini che portano offerte e doni: patate dolci con lime e peperoncino, fagioli al cocco, frittelle di tapioca e ananas, strani tuberi fritti nell’olio di palma.
C’è sempre qualcuno sveglio che fa qualcosa. L’indomani altre prove attendono l’aspirante stregone: si taglierà il palmo della mano con un coltello affilato senza provare dolore, parlerà lingue che non gli appartengono, capirà la malattia di giovani donne e infine affronterà il mare di notte, dopo aver camminato per trenta chilometri per raggiungerlo, e parlerà con gli spiriti. Un tempo i mijikenda erano convinti che nel mare si nascondessero mostri e presenze maligne. Il mganga è in grado di scendere a patti con i “mapepo”, gli spiriti cattivi mussulmani che da centinaia d’anni hanno conquistato le rive dell’Oceano e per primi spinsero il loro popolo a prendere la popolazione indigena in schiavitù.
Oggi i cattivi e i miscredenti sono in maggioranza, gli anziani dei villaggi lo sanno e festeggiano l’iniziazione di un nuovo mganga come un avvenimento fondamentale per non perdere la loro cultura. Le giovani gang, che temono i mganga perché lanciano loro anatemi contro la disonestà, l’adorazione di falsi idoli, l’abuso di droghe e alcol, spesso si lanciano in spedizioni punitive per picchiare (e in alcuni casi uccidere) gli stregoni buoni.
Le forze dell’ordine, nell’entroterra, si fanno vedere poco. Gli stregoni di una certa età si tingono i capelli.
Chi ha i capelli bianchi è a rischio.
Le danze proseguono, l’ultimo giorno tutto il villaggio è in festa.
I bambini corrono e respirano miseria e libertà, le donne faticano e si augurano che tutto rimanga come sempre, gli anziani pregano e vanno incontro serenamente al loro destino. Sono contento di far parte, anche solo marginalmente, di questa società che difende la propria cultura e i propri valori, per quanto distanti anni luce da quelli della mia stanca civiltà.
Il resto è qualcosa che viene solo da vivere.
E credetemi, più si riesce a vivere, meno viene da scriverne. 

TAGS: stregoneria kenyamijikendamganga kenyambogo kimera

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Festeggiare la mezzanotte di Natale con buona musica aspettando di fare le ore piccole, o...

LEGGI L'ARTICOLO

Il caso più recente riguarda un gruppo di appassionati di yoga e di cure a base di erbe di Venezia, che hanno visitato uno dei due centri di cultura tradizionale nei dintorni di Malindi, a Magarini.
Un'ottantina di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da oggi potete chiamarmi tranquillamente Mbogo Kimera e mi volterò per rispondervi, con un sorriso fiero. 
E' un grande onore per me essere diventato un giriama ed essere stato investito di questa "tribalità onoraria" durante una cerimonia ufficiale nel villaggio...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Baby Marrow Art & Food Restaurant di Malindi è ormai conosciuto non solamente per essere uno dei...

LEGGI L'ARTICOLO

"Se arrivano io sono pronto, li affronterò a petto nudo".
Questo mi aveva detto qualche settimana fa Mzee Katana Kalulu, l'ultimo dei Gohu, dei ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La notizia era di quelle da far scatenare qualsiasi giornalista di cronaca a caccia di scoop: una...

LEGGI L'ARTICOLO

Una serata di racconti sul Kenya e sull'etnia Mijikenda questo martedì a Figino Serenza in provincia di Como.
Con ingresso gratuito, nella splendida ed elegante cornice di Villa Ferranti, sede della biblioteca comunale, il direttore di Malindikenya.net presenta "Il Viaggio dei Mijikenda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le foreste sacre dell'etnia Mijikenda della costa del Kenya, formata da nove tribù di cui quella dei giriama è la più conosciuta, sono da tempo patrimoni dell'Unesco, ma nonostante ciò rischiano di essere usurpate e che gli abusivi (i cosiddetti...

LEGGI TUTTO

Oggi a Malindi si celebra l'eroina popolare della cultura Mijikenda Mekatili Wa Menza.
Si tratta della più importante celebrazione tradizionale della popolazione della costa keniana. L'etnia Mijikenda rappresenta infatti le nove tribù che abitano da nord di Malindi fino al confine con la Tanzania.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ancora oggi la costa del Kenya, dove la civiltà per tanti versi è calata come una mannaia su tradizioni secolari...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Lunedì 20 agosto, dalle ore 20.30, l'Olimpia Club di Casuarina a Malindi ospita un assaggio del primo Malindi Talent Music Festival, iniziativa presentata in anteprima da Maxlife, un gruppo di imprenditori italiani del settore del lusso e dell'eccellenza, in collaborazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata per il Kenya anche a Capalbio, il borgo in Maremma che conta moltissimi amici di Malindi e di Watamu.
Oltre a questo però Capalbio ospita uno dei più interessanti spazi d'arte e di cultura della zona, Il Frantoio,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il popolo giriama e le continue vessazioni a cui è sottoposto, a causa delle nuove generazioni che minacciano i padri e i nonni per appropriarsi dei loro ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come ogni anno in questo periodo l'etnia Mijikenda della costa keniana ed in particolare i giriama di...

LEGGI L'ARTICOLO

Dall’altopiano di Jaribuni si dominano le due grandi vallate dell’entroterra di Kilifi.
Quella verde di foreste e colline che ci siamo lasciati alle spalle parlava di villaggi sommersi tra cespugli e rocce preistoriche, di gente antica che ha conosciuto la...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA FOTOGALLERY

Unire le tradizioni musicali etniche della costa keniana con le nuove tendenze e un tocco di...

LEGGI L'ARTICOLO