Mal d'Africa

MAL D'AFRICA

Quanto mi manca!

"ma ci tornerò, ne sono certo"

03-08-2016 di Luigi Cordasco

Oggi per scuola dovevo preparare una presentazione Powerpoint sul Kenya. 
Ho sfogliato archivi di foto, rendendomi conto che sono già passati quasi tre anni dal mio addio e che mi manca. Tanto. 
Mi mancano le scottature ai piedi giocando scalzo, i pranzi a scuola sotto il sole cocente allietati da un paninazzo di Pappa e Chakula, il tuffo in piscina appena tornato da scuola, il tuktuk che sfrecciava su Lamu road come una Lamborghini, le gite a Che Chale, la Rai international che ti faceva vedere solo quello che voleva lei...i "CAZZO KENYA POWER" quando andava via la luce, lo swahili, la papaya, gli spogliatoi di lamiera, i Natali passati in mezzo al mare, le imprecazioni contro l'autista che quando lo chiamavo diceva sempre "am here St. Peter's", i miei amici che forse erano meno acculturati ma più veri e sinceri, i quaderni Kasuku di carta riciclata almeno sei volte, la sprite nella bottiglia di vetro che costava 30 centesimi, il mare, la perenne combinazione tshirt-pantaloncini-infradito, le bacchettate sulle mani a scuola, l'uniforme della Silversands sportiva e ufficiale, il profumo dell'aria, i colori per strada, la poca italianità che c'era in centro e che mi dava sicurezza, gli esami che all'ultimo anno erano quasi settimanali, le trasferte in pullman per tifare Malindi United, forse anche l'essere diverso: il mzungu, il francese dimenticato dopo un anno alle medie, lo zucchero che se non lo chiudevi ermeticamente ci entravano le formiche ed era da buttare, gli abbracci dopo i gol grazie ai quali ho iniziato ad associare l'odore di sudore alla vittoria, la racchetta per le zanzare che quando aprivo la giostra dei giochi in veranda facevo un massacro, il pilau, il "for me one ice tea" che comunque non era mai buono come l'Estathé originale, il bidello che sembrava Maurizio Costanzo nero, Charles e tutti gli altri ragazzi e ragazze, la scheda della Safaricom che quando volevi fare il grosso ti facevi la ricarica da 10€ e ti durava tre mesi, il cielo stellato...
Ci saranno anche altre cose, ma non mi vengono in mente.
Il Kenya mi manca, ma ci tornerò, ne sono certo.

TAGS: Luigi CordascoMalindi UnitedMal d'Afrique

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

L'Ambasciata d'Italia in Kenya cambia sede e lascia il centro di Nairobi. Gli uffici e gli sportelli al pubblico hanno abbandonato gli storici locali di Mama Ngina Street, nel cuore della city, per trasferirsi nella più funzionale struttura del quartiere...

ALL'INTERNO L'INDIRIZZO COMPLETO

Come quando abbandoni l’Africa, magari dolorosamente solo perché la vita ti porta altrove, l’Africa...

LEGGI L'ARTICOLO

I recenti disguidi di Istanbul, dovuti alla neve nel grande aeroporto internazionale, crocevia di migliaia di destinazioni, hanno riportato alla cronaca, specialmente in Kenya, l’importanza della figura degli assistenti aeroportuali, caposcalo e rappresentanti delle compagnie di charter o di linea,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un anniversario che non può passare inosservato, non solo a Malindi e in Kenya, ma in tutta Italia.
Mercoledì prossimo, 26 aprile, cade il cinquantesimo anniversario del primo lancio in orbita di un satellite italiano dalla base spaziale San Marco di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Manuel aveva solo 45 anni ed era una di quelle persone il cui volto, l’espressione, la luce negli occhi non ...

LEGGI L'ARTICOLO

Una bella serata rievocativa a Malindi per festeggiare il cinquantesimo anniversario del primo lancio di un missile dalla base italiana San Marco di Ngomeni.
L'emozione è stata rappresentata dal ritrovare alcuni veterani che hanno lavorato in quegli anni così lontani,...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

La giornalista keniota di origine indiana Rasna Warah presenterà oggi, venerdì 30 settembre alle 16, al Centro Culturale della Malindi Museum Society (presso il Museo Nazionale di Malindi, ex Dc Office dietro la piazzetta "del Cambio") il suo nuovo libro...

LEGGI TUTTO

Ecco il testo della lettera aperta che Malindikenya.net, il Portale degli Italiani in Kenya, ha indirizzato al Ministro...

LEGGI IL TESTO DELLA LETTERA

Saranno stanziati in tutto 6.4 milioni di euro per il progetto della Cooperazione Italiana allo Sviluppo nella zona di Ngomeni, 30 km a nord di Malindi, dove sorge il Centro Spaziale Luigi Broglio.
Si tratta di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il recente rinnovo della collaborazione tra Italia e Kenya al Centro Spaziale "Luigi Broglio" di Ngomeni, a nord di Malindi, porterà nuovi progetti in questo 2017, anno particolarmente importante perché segna il cinquantesimo anniversario del primo lancio di un satellite...

LEGGI TUTTO

Una donna italiana di 71 anni, Maria Laura Satta, è stata uccisa durante una rapina in una casa privata, una villa molto isolata a Kikambala, non lontano da Mombasa. Durante la rapina, avvenuta ieri mattina, è stato ferito in modo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Se mai le predizioni lanciate qualche giorno fa dal padre dell’Intelligenza Artificiale Elon Musk corrispondessero al...

LEGGI L'ARTICOLO

Una storia di talento, grande volontà e desiderio di affinarsi in Italia, per poi tornare in patria e poter insegnare musica ai propri connazionali.
E' la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A quasi ottant'anni la sua vitalità era un'adrenalina salutare per chiunque gli stesse vicino.
Era...

LEGGI L'ARTICOLO

Lui si chiama Richard Odada e, come tanti suoi coetanei keniani, sogna di diventare un calciatore professionista.
Sicuramente rispetto a tanti ragazzi di Nairobi e dintorni, Richard ha bruciato le tappe.
Dopo essere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Riaprire subito il Kenya al turismo dall’Italia in maniera totale o almeno per i...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO