Ambiente

AMBIENTE

Come un cactus invasivo in Kenya diventa una risorsa

L'Opuntia Stricta ed i suoi utilizzi spiegati da IPSIA

05-01-2022 di Leni Frau

Nessuna terra più dell’Africa ci insegna che ogni elemento di madre natura non cresce a caso e che, per quanto possa essere considerato inutile o addirittura dannoso, se è conosciuto, studiato e lavorato può invece diventare una risorsa.
Questo avviene ad esempio nel caso dell’opuntia stricta, un tipo di cactus invasivo che cresce particolarmente nelle zone semi aride del Kenya.
L’opuntia, come spiega Giulia Dal Bello, responsabile della Ong Ipsia che si occupa con il Laikipia Permaculture Centre della sua trasformazione in prodotto dai tanti utilizzi, piuttosto che della sua semplice eliminazione come pianta infestante, può essere utilizzata a partire dai frutti, ma anche per i suoi semi e le foglie.
“Invasiva perché dove cresce questo cactus non cresce erba – spiega Giulia - e questo nelle zone in cui le comunità della regione di Laikipia vivono prevalentemente di pastorizia, ma dove hanno anche iniziato a promuovere l’agricoltura sostenibile e la permacultura, significa avere un nemico in casa”.
Ma come ogni nemico vegetale, se lo conosci non lo eviti, bensì lo studi e cerchi di farne un valore aggiunto. Ecco quindi che dai frutti si può ricavare della buonissima marmellata, ricca di proprietà e buona perché non troppo dolce, ma si può anche ottenere un succo tonificante (provarlo ad esempio nei cocktail…) ed è già in essere una ricerca da parte dell’Università di Nairobi di concerto con quella di Milano per valutare la possibilità di produrre il vino di opuntia.
Con i semi invece, seccati e poi pressati con un apposito macchinario, le comunità locali istruite da LPC e IPSIA hanno avviato la produzione di olio che può essere commercializzato per uso cosmetico, ad esempio per il trattamento dei capelli e delle pelli secche, a prezzi inferiori ad altri prodotti in circolazione ed essere anche mescolato con l’aloe.
Infine le foglie dell’opuntia stricta, che rappresentano la parte meno utile, non commestibile e più infestante, perché il loro smaltimento nel terreno diventa fertilizzante per far riprodurre questo cactus.
“Abbiamo avviato nelle comunità due progetti pilota per ricavare biogas dalle foglie – spiega la responsabile di IPSIA per il Kenya – si tratta di un esperimento inedito e innovativo che potrebbe risolvere diversi problemi nella zona di Laikipia: in primis ridurre sensibilmente l’utilizzo di legna per farne carbone, che attualmente è usato come combustibile, quindi fermare la deforestazione in zone che hanno già problemi di scarsa vegetazione. In più il biogas, bruciando, non crea patologie respiratorie di cui soffrono moltissime persone, bambini compresi, in Kenya. Altro aspetto da non sottovalutare, evitando il taglio e il trasporto della legna, le donne hanno più tempo libero per dedicarsi ad altre attività produttive e alla famiglia”.
In questo videoservizio di Malindikenya.net viene mostrato e spiegato ciò che si può fare con l'opuntia.
 

 

TAGS: cactus kenyaopuntia kenyaagricoltura kenyaambiente kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

C’è la mano italiana nella crescita sostenibile dell’agricoltura nelle zone pastorali del Kenya.
L’altopiano di...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO E IL VIDEO

L’evento clou dell’edizione keniota della settimana della cucina italiana nel mondo si è tenuto...

LEGGI ARTICOLO, GUARDA FOTOGALLERY E VIDEO

Uno studio di fattibilità condotto dall'Organizzazione per la ricerca agricola del Kenya (Kalro) e dal...

LEGGI L'ARTICOLO

Un nuovo sciame infinito di locuste del deserto minacciano il Kenya, ma questa volta si sono spinte...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Ministero dell'Ambiente del Kenya ha proibito, con termine ultimo il prossimo 31 marzo, l'utilizzo, la vendita e l'importazione dei sacchetti di ...

LEGGI L'ARTICOLO

A causa delle forti piogge che da questa notte imperversano su Malindi e la costa keniana, i...

LEGGI L'ARTICOLO

E’ uno dei beni preziosi di Malindi e dell’intera costa keniana, e sicuramente tra i più ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Parla sempre più italiano l’aiuto alla filiera di biocarburanti sostenibili in Kenya, che comprende anche opportunità...

LEGGI L'ARTICOLO

Tommaso Menini, trentasettenne milanese, è l’ennesimo “cervello in fuga” dall’Italia che ha scelto il Kenya per il suo...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche per la serata di Ferragosto, oltre al sabato sera, la cena al Baby Marrow sarà ingentilita dalla bella voce della cantante keniana Linah, con le sue interpretazioni di classici soft internazionali.
Nel locale di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serie di nuove regole con multe salatissime sono state approvate dal Ministero dell’Agricoltura e...

LEGGI L'ARTICOLO

E' tragico il bilancio del crollo di una diga nel villaggio di Solai, vicino a Nakuru.
I morti accertati sono...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche Watamu in strada per difendere la sua bellezza e la salute pubblica, prima del ...

LEGGI L'ARTICOLO

L’organo esecutivo del Ministero dell’Ambiente del Kenya, la NEMA, ha rifiutato di approvare il piano...

LEGGI L'ARTICOLO

Spesso la nostra visione della solidarietà possibile e costruttiva in Kenya combacia con ...

LEGGI L'ARTICOLO

Più che l’economia del Paese fecero la siccità e i tempi lunghi per il raccolto del mais.
Fatto sta ...

LEGGI L'ARTICOLO