Solidarietà

PROGETTI

L'ONG italiana che sostiene l'agricoltura delle donne maasai

Le iniziative di IPSIA per la permacultura a Laikipia in Kenya

05-01-2022 di Freddie del Curatolo

C’è la mano italiana nella crescita sostenibile dell’agricoltura nelle zone pastorali del Kenya.
L’altopiano di Laikipia è una savana semi arida nella quale da secoli le popolazioni maasai vivono prevalentemente di pastorizia ma negli ultimi anni, complici le problematiche legate al clima e alla deforestazione, questo non basta per la sopravvivenza di intere comunità.
Una delle soluzioni che sono state attuate a livello locale è la permacultura, ovvero il ricreare l’habitat naturale originario di queste terre con coltivazioni che si sostengono a vicenda, creando ambienti e microclimi che possono produrre alimenti di sostentamento e commercio.
Con questi obbiettivi nel 2014 è nato il “Laikipia Permaculture Center” a cui cinque anni più tardi si è affiancata l’organizzazione non governativa italiana IPSIA (Istituto Pace Sviluppo Innovazione Acli) che ha ampliato la portata e l’organizzazione dei progetti, portando da 4 ad 11 i gruppi delle comunità locali che dalla pastorizia come unica risorsa di vita, si stanno allargando con cognizione di causa all’agricoltura.
La ONG italiana, grazie al sostegno della Cooperazione Italiana che ha finanziato un progetto della durata di 3 anni, oltre all’assistenza ai gruppi (770 persone, in grande prevalenza donne), ha costruito pozzi per l’acqua e ha rafforzato un’iniziativa davvero innovativa per trasformare una pianta infestante, il cactus della famiglia “opuntia stricta”, in un valore aggiunto per le comunità locali.
In che modo, ce lo spiega la coordinatrice dei progetti IPSIA per il Kenya, Giulia Dal Bello, che Malindikenya.net ha incontrato nel centro di permacultura di Nanyuki.
“L’opuntia è una pianta invasiva – spiega Giulia – nel senso che dove cresce lei, non cresce erba. La sua eliminazione spesso produce l’effetto contrario, perché semi e foglie la fanno riprodurre ancora di più. Quindi abbiamo deciso di far diventare l’opuntia una fonte di guadagno, partendo dai frutti ma coinvolgendo anche semi e foglie”. Guadagno che si aggiunge all'attività più remunerativa per le donne maasai, che è la coltivazione dell'aloe.
I prodotti di spicco che IPSIA sta aiutando a commercializzare sono la marmellata e il succo, che hanno un buon sapore non eccessivamente dolce. Ma nella visione della ONG italiana, supportata dall’Università di Nairobi attraverso la collaborazione con l’Università degli Studi di Milano, c’è anche dell’altro, come ad esempio gli studi per la produzione del vino.
“Con la pressatura dei semi – spiega la coordinatrice italiana – stiamo ottenendo dell’olio che può essere utilizzato per uso cosmetico e commercializzato, specie insieme all’aloe secundiflora che già coltiviamo in permacultura. Ma non solo, con le foglie, che non possono essere eliminate né sotterrandole, né bruciandole perché creerebbero nuove piante invasive, abbiamo iniziato un progetto pilota per creare biogas. In questo modo in un sol colpo ridurremmo l’utilizzo di legna, quindi la deforestazione di zone già segnate dalla mancanza di vegetazione, l’inquinamento e anche la salute, riducendo i problemi respiratori e di patologie oculistiche all’interno delle comunità. Inoltre fa risparmiare fatica e tempo alle donne, che invece di tagliare e trasportare la legna, possono dedicarsi ad altre attività remunerative, come ad esempio quella che anche noi supportiamo della produzione di miele o di cosmetici”.
Uno dei grandi insegnamenti dell’Africa è che ogni risorsa della terra ha un suo utilizzo originario e può concorrere a migliorare la vita di ogni specie animale e vegetale. Il principio della permacultura è proprio questo, piante diversissime tra loro che crescendo nello stesso ambiente, si aiutano a vicenda. Così come IPSIA, con le sue competenze e la passione dei suoi esperti, ricercatori e volontari e la capacità di attrarre sponsor e collaboratori, sta aiutando le comunità keniane di Laikipia.

 

 

TAGS: permacultura kenyalaikipiaong kenyaagricoltura kenyasostenibilità kenyasolidarietà kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Nessuna terra più dell’Africa ci insegna che ogni elemento di madre natura non cresce a caso e...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO

"Desidero esprimere la mia gratitudine a tutti gli amici e lettori italiani - troppi per riuscire a farlo individualmente - per l'ondata di solidarieta', affetto e amicizia che si e' riversata su di me e su mia flglia Sveva da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Che il ritorno sui grandi schermi del Re della Savana, questa volta in carne ed...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono già venti le contee del Kenya che hanno lanciato l'emergenza siccità e che chiedono al Governo aiuti ...

LEGGI L'ARTICOLO

Uno studio di fattibilità condotto dall'Organizzazione per la ricerca agricola del Kenya (Kalro) e dal...

LEGGI L'ARTICOLO

Sette ore di intervento chirurgico, perfettamente riuscito, per Kuki Gallman a Nairobi.
La figlia Sveva e i più stretti collaboratori hanno confermato le condizioni serie della scrittrice italo-keniota nata a Treviso 73 anni fa.
La conservazionista è ricoverata in terapia intensiva e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un nuovo sciame infinito di locuste del deserto minacciano il Kenya, ma questa volta si sono spinte...

LEGGI L'ARTICOLO

Fatuma Freedom Prezioso non ce l'ha fatta. 
E' spirata ieri notte a Mombasa, dove si era recata per l'ennesima visita di controllo.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le hanno sparato nel cuore della notte allo stomaco, ancora non si sa se per intimidazione o con l'intento di ucciderla.
La scrittrice e conservazionista di origine veneta Kuki Gallman, proprietaria di un ranch a Laikipia, nella Rift Valley del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il romanzo della giornalista Rai Isabella Schiavone "Lunavulcano", che abbiamo recentemente recensito qui (clicca qui per leggere la recensione) è stato selezionato  per il prestigioso premio Strega 2018.
L'importante...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un colpo allo stomaco, e la perdita di molto sangue prima del trasporto aereo, avvenuto più di un'ora dopo la sparatoria in cui è rimasta coinvolta.
La scrittrice italiana, cittadina keniota, Kuki Gallmann è abituata a lottare ed ha avuto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serie di nuove regole con multe salatissime sono state approvate dal Ministero dell’Agricoltura e...

LEGGI L'ARTICOLO

E' tragico il bilancio del crollo di una diga nel villaggio di Solai, vicino a Nakuru.
I morti accertati sono...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L’ambientalista e scrittrice italiana Kuki Gallmann è stata ferita gravemente nella...

LEGGI L'ARTICOLO

Lo chiamano il “paradiso di Tarzan”.
Le azzurre piscine formate...

LEGGI L'ARTICOLO

L’emergenza Coronavirus, i lockdown parziali nelle contee e il coprifuoco notturno non frenano in ...

LEGGI L'ARTICOLO