I parchi

PARCHI E RISERVE

Ngare Ndare, il paradiso del Tarzan keniano

Una foresta incredibile, tra cascate ed elefanti

26-02-2021 di Leni Frau

Lo chiamano il “paradiso di Tarzan”.
Le azzurre piscine formate dalle cascate della foresta di Ngare Ndare, tra rocce liane ed animali selvatici sono indiscutibilmente una delle meraviglie del Kenya da poter visitare.
La lussureggiante foresta indigena di Ngare Ndare, patrimonio naturale dell’UNESCO, sorge ai piedi del Monte Kenya, al confine tra le Contee di Laikipia e di Meru e tra le note e frequentate riserve Borana e Lewa, di cui costituisce un corridoio vitale che la collega alle pendici della più alta montagna del Paese e che è un percorso utilizzato ancestralmente dagli elefanti.
Tuttavia rimane una gemma nascosta e non molto frequentata, se non da residenti e da chi già conosce la zona.
Dal 2009 è sotto la tutela del Ngare Ndare Forest Trust, gestito dalle comunità locale in accordo con il Kenya Forest Service.
Passeggiate tra infinite varietà di alberi e piante, tra liane e grotte, sentieri di foglie e di terra rossa con il cinguettio di tantissime specie di uccelli e il fruscio di scoiattoli, conducono dopo un’ora di marcia dalla zona di campeggio ai piedi delle cascate che, con strapiombi di roccia alti fino a 15 metri, formano laghetti di acqua cristallina e molto fredda che i residenti locali conoscono come “le piscine”. Davvero arduo fare il bagno ma nella stagione calda, con debita preparazione, l’esperienza è unica. Specie se capita un elefante a guardare dall’alto le vostre evoluzioni (le passeggiate devono essere sempre effettuate con una guida). Difficilmente i pachidermi scendono a bagnarsi alle cascate, per la difficoltà a risalire, anche se secondo i racconti locali è capitato di trovare una famigliola felice e sguazzante.
Negli anni passati la foresta è stata circondata da terreni agricoli, sviluppati sul lato meridionale e vi sono stati scontri dei contadini con gli elefanti che scendevano a valle danneggiando i loro raccolti. Anche qualche (fortunatamente piccolo) incendio ha minato l’ecosistema, ma ultimamente le comunità delle sei tribù indigene (Ngare, Ndare, Manyagalo, Mbuju, Kisima e Subuiga) si sono alleate per creare un’economia sostenibile che rispetti la foresta. Oltre ad agricoltura e pastorizia, la Trust promuove l’apicoltura, la raccolta di erbe curative, la piantumazione di alberi di pronta crescita per non procurarsi legna da ardere abbattendo le secolari piante della foresta ed altre attività che possono essere anche finanziate dall’ecoturismo.  Già una ventina di giovani locali, dopo un addestramento necessario, hanno trovato lavoro diventando guardie forestali a Ngare Ndare.
Un paradiso incontaminato da salvaguardare...e visitare!

 

TAGS: foreste kenyangare ndareriserve kenyaavventura kenyanatura kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Non c’è emergenza Covid-19 che tenga (per fortuna), la battaglia per la tutela dell’ambiente del Kenya va...

LEGGI L'ARTICOLO

E' il Kenya la nazione più colpita dal lutto internazionale dopo lo schianto al suolo del Boeing 737 MAX della...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya considera la reintroduzione della caccia agli animali selvatici in alcune riserve del Paese.
Il Ministro del Turismo Najib Balala ha formato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quando diciamo che il Kenya è uno dei Paesi simbolo dell’Africa perché ha, racchiusa nel suo territorio, ...

LEGGI L'ARTICOLO

I tre parchi nazionali del Lago Turkana sono stati dichiarati dall'UNESCO "Patrimonio mondiale in pericolo".
Lo ha deciso il World Heritage Commitee delle Nazioni Unite durante il recente congresso a Manama, in Bahrein.
Le tre riserve...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La decisione è stata annunciata ieri dal Presidente della Repubblica del Kenya, Uhuru Kenyatta e successivamente ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya ha deciso di piantare 20 milioni di nuovi alberi per contrastare il fenomeno della deforestazione.
Il patrimonio forestale del Paese ha subito gravi danni, soprattutto dal 1970 al 1990, principalmente per via della produzione di legname...

LEGGI TUTTO

La tutela dell'ambiente marino del Kenya e del suo ecosistema ha ricevuto l'importante appoggio di una star del cinema hollywoodiano.
Leonardo...

LEGGI L'ARTICOLO

Due giorni tra Malindi e Watamu per "Donnavventura".
Non potevano mancare le località costiere più amate dagli italiani nell'itinerario del programma televisivo di Rete 4 che per l'edizione di quest'anno ha deciso di fare tappa in Kenya e che successivamente...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE FOTO

La foresta di Arabuko-Sokoke, che si estende tra l’entroterra di Malindi e quello di Watamu e Kilifi, è stata inserita nelle riserve della ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una coppia di dinamici, sereni, favolosi italiani “Over 60”.
Una Fiat 124...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Una buona notizia per gli amanti dei safari in Kenya e soprattutto per chi li organizza, agenzie e tour operator. Il Kenya Wildlife Service dal 1 novembre ha ridotto i ticket d'ingresso nei parchi nazionali del Kenya e nelle riserve. 

LEGGI TUTTO

Il cuore dell’Africa, dove ogni anfratto è metafora dell’eternità selvaggia e favolosa del continente: sorgenti,...

LEGGI L'ARTICOLO

L'ultimo caso risale a pochi giorni fa: un'intera famiglia ha rischiato di morire, dopo un'intossicazione da amanite bianche simili a prataioli, provenienti dal  Monte Elgon. La nonna li aveva cucinati per tutti e serviti insieme al classico ugali. Polenta e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La pandemia ha messo ancora più a rischio le foreste sacre dell'etnia Mijikenda della costa del Kenya.
E non solo...

LEGGI TUTTO

Quest'anno sarà il Kenya il punto di partenza della fortunata trasmissione di Rete 4 "Donnavventura", il reality-reportage di viaggio a cui partecipano giovani e belle ragazze che coltivano il sogno di essere reporter di viaggio e d'avventura.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO