Visti e permessi

PERMESSI

Come risiedere in Kenya da pensionati

Informazioni sul permesso K e altre soluzioni

02-07-2021 di redazione

Si può risiedere in Kenya per tutto l’anno, ovvero anche un solo giorno in più dei tre mesi previsti dal visto turistico con possibilità di estensione per altri sei, senza lavorare o investire un capitale?
La risposta a questa domanda, tra le più gettonate tra i nostri lettori, è SI’.
Ma ovviamente, a determinate condizioni.
Il cosiddetto permesso “K” viene generalmente indicato come un permesso per pensionati o comunque per persone che possono garantirsi sostentamento attraverso una rendita mensile, documentata e trasferita ad un conto bancario del Kenya.
La condizione primaria è che il richiedente non abbia meno di 35 anni di età.
In secondo luogo, deve assicurare e garantire un reddito annuale non inferiore a 24.000 dollari americani, o l’equivalente in qualsiasi valuta all’atto della richiesta del permesso di soggiorno.
Allo stesso tempo, il richiedente si deve impegnare a non intraprendere alcun lavoro e a non condurre alcun affare o attività a scopo di lucro mentre si trova in Kenya.
Pena del non rispetto di tale osservanza, il ritiro del permesso e l’espulsione dal Paese.
Nel caso di una pensione statale o privata, basterà produrre le documentazioni necessarie che comprovino il gettito mensile della cifra, nel caso di possibilità di mantenersi con una rendita, basterà produrre una fideiussione di 24 mila dollari tramite banca estera e banca keniana.
I moduli per la domanda e le informazioni sugli altri documenti richiesti si trovano al sito dell’immigrazione keniana (fns.immigration.co.ke).
Ovviamente ci sono altri modi per vivere in Kenya per almeno 360 giorni all'anno, pur senza risiedere.
Accantonando quelli non ortodossi, che sconsigliamo vivamente (sia perché oltre ad essere illegali, potrebbero attivare circoli viziosi ed arrecarvi grossi guai e oltretutto alimentano la corruzione che in questo Paese ha tanti altri risvolti spiacevoli per gli stranieri), il metodo più utilizzato è quello, alla scadenza dei sei mesi di visto turistico, di recarsi almeno 5 giorni all'estero (in Italia o anche ad esempio in Etiopia o a Dubai, per citare due tra le mete più economiche tra volo e pernottamenti, la Tanzania e l'Uganda non sono valide) e rientrare pagando un nuovo visto (attualmente 50 dollari) e ricominciare da zero.  

TAGS: permessi kenyapensionati kenyaresidenza kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Aggiornamenti di malindikenya.net sulle operazioni di verifica dei permessi di lavoro e di residenza in Kenya per gli stranieri, da parte dell'Ufficio Centrale dell'Immigrazione di Nairobi.
Grazie a...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In tredici anni di attività del Portale degli Italiani in Kenya e nella relativamente breve vita delle...

LEGGI L'ARTICOLO

Per il pagamento delle pensioni (oltre 411 mila) agli aventi diritto residenti all’estero (in 131 Paesi), l’INPS si avvale di un istituto di credito aggiudicatario di una gara d’appalto che viene rinnovata con cadenza triennale.
 

LEGGI TUTTE LE INFORMAZIONI

Il Ministro degli Interni del Kenya Fred Matiang'i ha preannunciato una maxi operazione del Governo per verificare chi lavora regolarmente nel Paese, ed eventualmente espellere quelli che non hanno intenzione o non...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il prossimo 17 aprile 2016 si terrà il referendum abrogativo della norma che prevede che i permessi e le concessioni a esplorazioni e trivellazioni dei giacimenti di idrocarburi entro dodici miglia dalla costa abbiano "la durata della vita utile del...

Storie d'altri tempi o di tempi semplicemente diversi dai nostri. A Malindi uno dei tanti figli di un anziano padre di famiglie (e il plurale è d'obbligo, data la poligamia della tribù locale) dopo la morte del padre ha deciso...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I cittadini stranieri che dall’inizio dell’emergenza pandemia in Kenya, ovvero...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chi decide di trasferirsi in Kenya lo può fare da turista, ma in questo caso deve uscire dal Paese ogni sei mesi (dimenticate i sotterfugi utilizzati fino a qualche tempo fa, fidando di risiedere in una...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Novità per i permessi di lavoro nel settore del Turismo in Kenya.
Il Governo keniano ha approvato una regolamentazione secondo la quale viene istituito un "comitato di garanzia" per verificare e dare la propria approvazione alle richieste di permessi di...

LEGGI TUTTO

Un lungo speciale dedicato al Kenya attuale su Rai Uno.
Andrà in onda domani sera alle 23.50 nell'ambito di "Speciale Tg1", con un servizio dedicato all'ascesa turistica di Watamu e interviste a tre

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nessun cambiamento sostanziale negli spostamenti tra Italia e Kenya e viceversa nel nuovo DPCM...

LEGGI L'ARTICOLO

Sarebbero già 3.434 i lavoratori stranieri illegali in Kenya, tra quelli che non si sono presentati entro lo scorso 21 luglio negli uffici dell'Immigration di Nairobi. Erano stati

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Torna la voglia di trasferirsi a Malindi.
Arriva la bassa stagione e le caselle mail di malindikenya.net traboccano di richieste di consigli, dritte, spiegazioni....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Di quale Kenya vorrà parlare il giornalista e anchorman Gad Lerner, all'interno del suo nuovo programma "Ricchi e Poveri" che esordisce domani sera, domenica 12 novembre, in seconda serata su Rai Tre?

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E terminato sabato scorso, 21 luglio, come da programmi, il periodo di due mesi di verifica dei permessi di lavoro per gli stranieri in Kenya (Work Permit).
La verifica, avvenuta esclusivamente negli appositi uffici di Nyayo House a Nairobi, è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO