Editoriali

EDITORIALE

Kenya, tutti con il telefonino (ma non al telefono)

E' il paese in cui il cellulare è più "multiuso" del mondo

23-05-2022 di Freddie del Curatolo

Quando arrivai in Kenya, 32 anni fa, pensai che quello africano era un popolo a piedi.
Le strade della costa erano poco trafficate ma ai suoi lati vedevo costantemente sfilare la varia e colorata umanità di cui ancora oggi non mi stanco di scorgere le abitudini, le fattezze, l’abbigliamento, il modo di relazionarsi e tanto altro ancora.
Camminavano, quasi tutti a piedi nudi, perché questo facevano da che il mondo si ricordasse di loro, perché ogni altro mezzo di trasporto creato nel frattempo era un lusso.
Non c’erano status symbol, allora. Solo strette esigenze. Per gli uomini l’obbiettivo massimo era una bicicletta, per le donne un pareo per coprirsi il seno nudo.
Otto anni più tardi, prima di tornare in Italia per affrontare la trafila necessaria per diventare giornalista professionista, i keniani erano già diventati cicloamatori.
Era un popolo sulle due ruote, che consumava pedali più che ciabatte infradito. Chi non poteva permettersi una bicicletta cinese o indiana, si faceva trasportare dai boda-boda, che sudavano per 20 scellini a tratta. Per chi era riuscito ad acquistarla, l’obbiettivo successivo era abbandonare la vecchia capanna di fango e potersi permettere una casa in muratura.
Quando infine tornai definitivamente a vivere a Malindi, nel 2005, trovai l’evoluzione sociale dell’homo “pedibus calcantibus” e dell’homo “pedalibus ciclantibus” con centinaia (oggi decine di migliaia) di motociclette in giro per la cittadina e milioni in tutto il Paese.
In poco tempo l’oggetto più richiesto e ambito sarebbe diventato quello che è ancora adesso lo status symbol per i keniani: il telefonino cellulare.
Il rapporto dell'associazione internazionale degli operatori di rete mobile GSMA, pubblicato la scorsa settimana, indica che il Kenya è una delle nazioni in cui l’uso del cellulare è più diffuso e radicato. Un popolo al telefono.
Si direbbe, tutto il mondo ormai usa lo smartphone come prolungamento naturale degli arti, s’ingobbisce camminando e lo preferisce a libri, giornali, film e incontri vis-à-vis.
I keniani fanno molto di più: il rapporto GSMA rivela che più di un cittadino su 3 usa quotidianamente i servizi di trasferimento monetario tramite telefonia mobile e la metà di questi non hanno altri depositi finanziari. In una sola parola, telefonino come bancomat.
Nei villaggi in cui la corrente non c’è del tutto (25% del Kenya) è saltuaria (15%) o i residenti non si possono permettere di pagare la bolletta (altro 15%), il cellulare diventa anche televisione (notiziari soprattutto, ma anche canali Youtube per i quali, così come con whatsapp, ci sono offerte speciali a pochi scellini al giorno) o radio, specie per i tanti che non hanno smartphone ma antidiluviane scatolette da pochi dollari.
Il telefonino viene spesso appoggiato al centro della casa o della capanna e illumina le ore buie, parla tramite predicatori religiosi, politici, telecronache di calcio o imbonitori vari. Tiene compagnia con trasmissioni di gossip e programmi di musica e divertissement. Senza contare che social network come tik-tok in Kenya vanno per la maggiore, con il sogno prima o poi di poter monetizzare il proprio canale e guadagnare anche solo il minimo per campare. Lo usano i boda-boda (ora definitivamente solo moto, in bici non gira più nessuno, se non qualche anziano nostalgico o i giovani che vogliono tenersi in forma) e i conducenti dei tuk-tuk per prendere le corse, i proprietari di chioschi traballanti per creare con app-ositi programmi locandine di serate da ballo con vino di palma e chapati da pubblicizzare che sembri di andare a Honolulu, gli askari armati di cuffie per non addormentarsi (che poi cascano tra le braccia della app “Orpheus” comunque), i ragazzini che giocano ai videogames mentre vanno a scuola e un adulto su tre che scommette online sulle partite del calcio inglese.
L’ultima cosa che si fa, con il cellulare, com’è ormai prassi un po’ ovunque, è chiamare qualcuno.

TAGS: telefoniampesakenianieditoriale

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Un giorno di disagi dell'operatore telefonico keniano Safaricom (affiliato Vodafone) hanno mandato in crisi l'intero Paese, soprattutto per quanto riguarda il blocco delle transazioni di pagamento Mpesa, il metodo più utilizzato dai kenioti per inviare e ricevere soldi e per...

La recente manovra finanziaria del Governo del Kenya per recuperare parte dei prestiti richiesti alla Banca Mondiale e a privatamente ad alcuni Paesi come la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mpesa e gli altri servizi di pagamento collegati con l'utilizzo della telefonia mobile fanno registrare un vertiginoso aumento nel 2017, rispetto all'anno precedente.
Secondo i dati trasmessi dall'Autorità per le Comunicazioni del Kenya, i soldi inviati via telefonini e quelli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mpesa è un servizio utile e geniale, inventato dalla compagnia telefonica keniana Safaricom per permettere a chiunque di girare senza contanti e prelevare o inviare scellini con una semplice digitazione del proprio telefono cellulare.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da venerdì le SIM card, ovvero le schede telefoniche keniane che non sono state registrate una...

LEGGI L'ARTICOLO

I casi di positività al virus Covid 19 in Kenya sono saliti ieri a 189, con cinque nuovi pazienti in isolamento, tutti...

LEGGI L'ARTICOLO

Tempi di Covid, di ristrettezze economiche, di coprifuoco in Kenya dove c’è chi cerca di inventarsi maniere...

LEGGI L'ARTICOLO

Pubblichiamo tutte le tariffe delle contravvenzioni stradali che è già possibile pagare in Kenya tramite il servizio Mpesa via cellulare, al momento della flagranza di reato.
Non sarà più necessario recarsi in Corte, come previsto dal precedente regolamento, ma sarà possibile...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Giornalisti per passione, con voglia di raccontare e l’esigenza di farlo liberamente.
Oggi è...

LEGGI L'ARTICOLO

MPESA, il rivoluzionario servizio inventato in Kenya da Safaricom compie dieci anni e decide per la prima volta di operare un "upgrade" importante, per migliorare il servizio e renderlo più moderno ed accessibile a qualsiasi forma di pagamento in maniera facile...

LEGGI TUTTO

Dalle code per la benzina a quelle per le schede telefoniche.
E’ un Kenya in fila per ore...

LEGGI L'ARTICOLO

Da ormai una settimana sono stati segnalati alla nostra redazione moltissimi casi di impossibilità di...

LEGGI L'ARTICOLO

Come avevamo annunciato alcuni giorni fa, dopo le pressioni di tour operator e agenzie di viaggio...

LEGGI L'EDITORIALE E GUARDA IL VIDEO

Il suo popolo viene considerato da ricerche e sondaggi come il più innovativo del continente africano, ma...

LEGGI L'ARTICOLO

E' partita ieri mattina la raccolta di solidarietà della comunità italiana in Kenya e di tutti i connazionali che lo frequentano.
Su iniziativa del nostro...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' ormai un classico della musica a Nairobi, l'evento annuale "Safaricom Jazz Festival", sponsorizzato dalla più importante azienda di telefonia mobile dell'Est Africa.
Dopo aver...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO