Editoriali

ALTRI ELEFANTI UCCISI

L'assurdo traffico d'avorio in Kenya ai giorni nostri

Dramma e arresti al parco nazionale di Meru

25-09-2023 di Freddie del Curatolo

Appare assurdo, oltre che anacronistico e anche poco remunerativo economicamente di questi tempi, che ancora in Africa ci sia la tratta dell’avorio e i bracconieri uccidano gli elefanti.
Assurdo ma è così.
Nei giorni scorsi in Kenya i rangers del servizio nazionale della fauna selvatica (Kws) hanno scoperto dieci esemplari di pachiderma uccisi ai confini del parco nazionale di Meru. Quasi tutti avevano le zanne segate. E’ scattata la caccia ai trafficanti e sono stati arrestati due presunti sospetti, con tre zanne per un totale di 53 kg di avorio per un valore stimato di 70 mila euro. Ecco cosa può valere un elefante, circa 35 mila euro.

Ma il valore non è alla prima vendita, è il valore commerciale stimato. I due bracconieri arrestati, che secondo la legge del Kenya rischiano da 7 anni in su, fino all’ergastolo (anni fa una commissione parlamentare aveva proposto la pena di morte per il bracconaggio, ma sarebbe stato come aggiungere un’assurdità all’assurdo), avrebbero ceduto l’avorio per molto meno a chi poi lo avrebbe spedito in Oriente a quel prezzo.
Quindi la vita di un elefante vale molto di meno.

Questo nel 2023, quando sono ormai 34 anni che è entrato in vigore il divieto di commercio internazionale dell'avorio e soprattutto non sembrano esserci altri motivi di possederlo che il piacere estetico di avere oggetti nel prezioso materiale, senza peraltro poterli esibire pubblicamente.
Insomma, sarebbe più comprensibile vedere in azione bracconieri alla ricerca di coltan ed altre “terre rare” da rivendere al mercato della tecnologia (vabbè, ma quello lo fanno più o meno legalmente già le multinazionali senza bisogno dei contrabbandieri) o come accade veramente, il traffico di fauna selvatica per la vendita di carne sul mercato.

Due anni fa, con una pena esemplare, a Voi, in Kenya, due bracconieri sono stati condannati a sedici anni di carcere ognuno per essere stati trovati in possesso di 167 Dikdik pronti per essere macellati. Nella cittadina di Embu, invece, la polizia ha scoperto un commercio di carne di scimmia che finiva sulle bancarelle di “street food” sotto forma di kebab.

E’ un contesto raccapricciante, disperato, ma tutto sommato comprensibile, a differenza di chi ancora rischia anni di galera andando in giro ad uccidere elefanti, perché c’è ancora qualcuno nel mondo che richiede l’avorio.
E questo qualcuno, più ancora che i disgraziati che lanciano dardi avvelenati al povero animale e poi lo depredano delle sue zanne, meriterebbe l’ergastolo in una bella, bianca, lucida prigione d’avorio.

TAGS: elefantiavoriobracconaggiozannecommercio

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Elefanti in Kenya: i dati del Kenya Wildlife Service che riguardano l'anno che si sta per chiudere sono confortanti per quanto riguarda il bracconaggio.
I casi ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'ultimo sequestro, avvenuto ieri in Vietnam, di cento chili di corna di rinoceronte provenienti dal Kenya, riporta alla triste attualità il contrabbando legato alle specie protette della savana africana.
La battaglia contro i bracconieri che uccidono elefanti procede con risultati anche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L’emergenza Coronavirus, i lockdown parziali nelle contee e il coprifuoco notturno non frenano in ...

LEGGI L'ARTICOLO

L’anno del rinoceronte. Il 2020 per la conservazione in Kenya verrà ricordato come il primo del...

LEGGI L'ARTICOLO

I primi dati del 2015 trasmessi dall'organizzazione "Tsavo Trust" sono significativi e confortanti: nei primi sei mesi dell'anno nessun elefante è stato ucciso.
I bracconieri non sono riusciti a prelevare le preziose zanne da nessun esemplare, e la savana del...

LEGGI TUTTO

Ventisei esemplari di elefanti morti per cause non naturali ma non legate direttamente al bracconaggio.
Questo il preoccupante bilancio redatto dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli elefanti africani stanno iniziando a nascere senza zanne, come protezione genetica per evitare...

LEGGI L'ARTICOLO

Probabilmente erano ben nascoste da tempo, perché dall'inizio dell'anno in Kenya non si ha...

LEGGI L'ARTICOLO

Una ricerca condotta tra il Sudafrica, le foreste del Mozambico ed il Parco Nazionale dello Tsavo Ovest in Kenya, rivela che gli elefanti negli ultimi due decenni stanno sviluppando un sistema per sfuggire alle terribili grinfie del bracconaggio.
L'intelligenza di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La lotta al bracconaggio e il bando internazionale dell’avorio stanno dando i loro frutti: in tre anni il numero di elefanti in Kenya è aumentato quasi del 15 per cento (14,7 per la precisione).
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya sta pensando a condannare con la pena capitale i bracconieri che uccidono le specie protette della savana.
Il Ministro keniano del Turismo e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Cambiano le abitudini degli elefanti del Kenya a causa del bracconaggio.
Secondo uno studio dell’Università olandese di Twente in collaborazione con il Kenya Wildlife Service, realizzato dall’associazione “Save the elephant”, gli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Alcuni dei più eminenti zoologi e conservazionisti internazionale ha chiesto, attraverso una lettera pubblicata...

LEGGI L'ARTICOLO

Per la prima volta la piattaforma online Netflix trasmetterà un film prodotto e realizzato...

LEGGI L'ARTICOLO

Che la terra della savana sia lieve al più anziano elefante dello Tsavo Est che ha lasciato la sua terra per far parte, come...

LEGGI L'ARTICOLO

Elefanti in trappole. 
Sembra una cosa impossibile, ma purtroppo non lo è. 
Una delle conseguenze della campagna in corso, per negare ai bracconieri l’uso delle armi da fuoco, e stata quella di indirizzarli all’uso dei metodi tradizionali, andati in disuso...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO