Ambiente

AMBIENTE

Addio a Tolstoy, grande elefante dell'Amboseli

Uno degli esemplari più amati e fotografati del Kenya

01-05-2022 di Leni Frau

Era uno dei più imponenti, ieratici elefanti dell’Amboseli.
Tolstoy, così chiamato pochi anni dopo la sua nascita, alle falde keniane del Kilimanjaro nel parco nazionale dell’Amboseli, è morto all’età di 51 anni (ancora non anziano per la vita dei grandi pachidermi africani) nei giorni scorsi dove è cresciuto e vissuto. Ferito dalla mano dell'uomo, non per il contrabbando delle sue preziose zanne d'avorio, ma per una questione di sopravvivenza.
Migliaia di turisti negli ultimi trent’anni si sono incantati ad ammirarlo e fotografarlo, per la sua stazza e le sue meravigliose zanne. Il suo nome, con quella "y" come una variabile tra guerra e pace, è stato uno dei simboli della più bella letteratura della savana. 
La Sheldrick Wildlife Trust, che ha a cuore tutti questi esemplari del Kenya, così lo ricorda sui suoi profili social: “Tolstoy era una meraviglia naturale vivente e uno degli ultimi grandi “tuskers” rimasti in Africa. Ha passato indenne gli episodi di bracconaggio dell'avorio e siccità devastanti, habitat che si restringevano e l'impronta umana invadente. Era un leviatano, un promemoria di tutto ciò che la natura è capace di creare, ma alla fine, è stata la semplice punta di una lancia a minacciare la sua vita – racconta la Sheldrick - Sei settimane fa, Tolstoy è stato segnalato con una ferita da lancia alla gamba anteriore, che è stata probabilmente inflitta da un contadino che proteggeva i suoi raccolti. I grandi elefanti hanno relativo appetito, e dato che gli spazi selvaggi continuano a ridursi e le risorse diventano scarse, la protezione dei raccolti e il conseguente problema uomo-animale selvatico sono emersi come problemi impegnativi”.
Tolstoy ha ricevuto subito cure adeguate e in seguito è stato monitorato costantemente dai rangers, ma il 27 aprile è stato trovato adagiato senza forze all’interno del santuario di Kimana.
Le complicazioni causate dalla ferita avevano compromesso la sua salute e non riusciva a rimettersi in piedi. Così è stato allertata l’unità veterinaria della Sheldrick che è arrivata con l’elicottero e per sette ore ha cercato di curarlo e rimetterlo in piedi. Ci hanno provato con corde, automezzi e alla fine anche con una gru.
“Capendo che lo stavano aiutando, si è sforzato insieme alla sua squadra di soccorso per farcela – spiega la SWT - Ci è andato molto vicino, ma dopo ogni lotta si poteva vedere la sua forza svanire. Siamo stati costretti ad affrontare la triste realtà che questo maestoso animale non avrebbe mai più attraversato le pianure di Amboseli. Nella luce del giorno che si affievoliva, Tolstoy esalava il suo ultimo respiro. Tolstoy ha condotto una vita memorabile, ma se n'è andato prima del tempo”.
Nonostante questo splendido esemplare di “big tusker” se ne sia andato, la speranza di vederne tanti altri calcare le savane del Kenya è ancora viva. I tanti suoi figli saranno gli esemplari di cui innamorarsi alla vita nei futuri safari. L’eredità e il ricordo di Tolstoy vivrà ancora a lungo, a dispetto dell’incapacità e della poca volontà dell’uomo di riuscire a vivere rispettando l’ambiente e la fauna selvatica.

(foto di Paolo Torchio su gentile concessione dell'autore)

TAGS: elefantiamboselibracconaggiosheldrick

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il Governo del Kenya sta pensando a condannare con la pena capitale i bracconieri che uccidono le specie protette della savana.
Il Ministro keniano del Turismo e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Cambiano le abitudini degli elefanti del Kenya a causa del bracconaggio.
Secondo uno studio dell’Università olandese di Twente in collaborazione con il Kenya Wildlife Service, realizzato dall’associazione “Save the elephant”, gli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Elefanti in Kenya: i dati del Kenya Wildlife Service che riguardano l'anno che si sta per chiudere sono confortanti per quanto riguarda il bracconaggio.
I casi ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La lotta al bracconaggio e il bando internazionale dell’avorio stanno dando i loro frutti: in tre anni il numero di elefanti in Kenya è aumentato quasi del 15 per cento (14,7 per la precisione).
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Niente turisti, più tempo e privacy per “fare sesso”.
Questo...

LEGGI L'ARTICOLO

L’Amboseli National Park è tra i parchi più popolari del Kenya e possiamo asserire che...

LEGGI L'ARTICOLO

La Kibwezi Forest Reserve, istituita nel 1936, è una delle ultime foreste pluviali del Kenya...

LEGGI L'ARTICOLO

Chi ama gli animali e la Natura africana non può che piangere la scomparsa dell’angelo custode degli elefanti in Kenya.
Daphne Sheldrick, fondatrice della David Sheldrick Foundation, creata 41 anni fa in memoria del marito, ranger nello Tsavo, è mancata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Uno dei più grandi e famosi elefanti del Kenya, conosciuto come Tim, è morto ieri ...

LEGGI L'ARTICOLO

Ventisei esemplari di elefanti morti per cause non naturali ma non legate direttamente al bracconaggio.
Questo il preoccupante bilancio redatto dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I primi dati del 2015 trasmessi dall'organizzazione "Tsavo Trust" sono significativi e confortanti: nei primi sei mesi dell'anno nessun elefante è stato ucciso.
I bracconieri non sono riusciti a prelevare le preziose zanne da nessun esemplare, e la savana del...

LEGGI TUTTO

Una stagione fantastica per i safari in Kenya, e specialmente per i Parchi Nazionali di Tsavo Est e Ovest e dell'Amboseli.
Il direttore della Kenya Association of Hotelkeepers and Caterers...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli elefanti hanno vinto la loro battaglia contro l’avocado.
Sembra la trama...

LEGGI L'ARTICOLO

Almeno due famiglie di elefanti dello Tsavo Est e della Galana Conservancy sono usciti dal parco e hanno...

LEGGI L'ARTICOLO

Per chi ama l'Africa, la savana e la sua natura, ci sono emozioni ancora più profonde e indelebili della normale estasi dell'osservazione.
Sabato pomeriggio, 7 Febbraio, eravamo soli con la nostra macchina alla pipeline davanti allo Tsavo Lodge ed abbiamo...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO