Reportage

REPORTAGE

Nell'insostenibile sostenibilità di Msambweni

Prosegue il nostro viaggio nella costa sud del Kenya

27-08-2021 di Freddie del Curatolo

Probabilmente il turismo cosiddetto “sostenibile” è un’utopia.
Appartiene a certi articoli di eco-riviste e a fotoservizi sapientemente ritoccati di spiagge incontaminate (perchè ci si può arrivare solo in barca), savane sterminate (dove prolifera il bracconaggio) e montagne inesplorate (dove arrivano solo i droni).
Eremi per miliardari dove però guai se non c’è l’eliporto, oasi da mille e una notte in deserti lunari in cui non può mancare il wi-fi, altrimenti come fai a far schiattare d’invidia il 94% dei non eletti?
Eppure se c’è un paese dove ancora si potrebbe sostenere il sostenibile, questo è il Kenya.
Girando e frugandolo in ogni anfratto come cerchiamo di fare noi, con occhi e piedi prima ancora che con obbiettivi e tastiera del computer, ci sarebbero ettari ed ettari ancora non sputtanati da conservare, proteggere, rendere fruibili in maniera rispettosa dell’ambiente e al limite far crescere turisticamente senza rovinarli.
Oggi ci imbattiamo nella quiete di Msambweni, cittadina “diffusa” come si direbbe oggi, tra le piantagioni di canna da zucchero di Ramisi e le mangrovie dell’isola di Funzi, pochi chilometri a sud della rinomata località turistica di Diani Beach.
Diffusa perché a Msambweni non esiste un centro, una piazzetta, un classico ritrovo. Non c’è il villaggio di pescatori sulla spiaggia e nemmeno un albero millenario appaltato dai boda boda dove si raccoglie la gente del posto. E’ tutto sparso: il grande e moderno ospedale, quasi sempre semivuoto, il mercato spalmato tra l’autostrada e due traverse da cercare con pazienza, gli uffici e i servizi essenziali non segnalati da cartelli evidenti e tutto il resto come avvolto in una bolla di acqua di cocco e cloroformio.
Le strade per arrivare alle due spiagge dove si potrebbe incontrare qualche turista locale o straniero, sono sterrate. Una si chiama “Sawa sawa” ed affacciandoti comprendi come la traduzione “Va tutto bene” sia quantomai azzeccata: è un luogo sospeso nel tempo dove si vive di pesca di sussistenza, praticata perlopiù con piroghe costruite artigianalmente e poco altro. La frutta non si vende al mercato, perché manghi e banane si colgono direttamente dalle generose piante e si mangiano e l’unica risorsa che è necessario coltivare, come sempre, è il mais.
Lungo Sawa Sawa Beach ci sono villette e strutture baciate dall’alta marea che entra quasi in veranda. Un boutique hotel gestito da una coppia del Nord Europa che lavorava per le Nazioni Unite a Nairobi e ha fatto una scelta di vita totalmente opposta, case private di indiani e keniani alternativi che preferiscono la pace e la semplicità alla “movida” e anche di qualche italiano che ama da sempre un’Africa ben diversa da quella della vacanza perfetta ed accetta i suoi paradossi, le sue difficoltà e l’impossibilità di un’integrazione completa con i suoi popoli, abbracciandone però le abitudini, la vita semplice e la filosofia.
Per il vero c’è anche qualche lascito di un passato in cui qualcuno aveva provato a fare di Msambweni una località di villeggiatura come altre: un ristorante che promette pizza ma non la fa, un mini resort abbandonato e uno ancora vivo ma febbricitante e qualche edificio abbandonato.
Accanto a questa sfilata di ere geologiche recenti affacciate all’oceano, spicca la casa privata di un eccentrico scandinavo da cui si capisce che non è un caso che Alvar Aalto sia di quelle parti.
Non c’è altro, davanti alla barriera corallina e a piccole insenature ricoperte di mangrovie.
Per trovare l’altra spiaggia di Robinson Crusoe, bisogna spostarsi di qualche chilometro e qui si arriva nel grande paradosso con cui abbiamo iniziato questo racconto: l’insostenibilità del sostenibile.
La spiaggia chiamata Furaha (felicità), è un favoloso esempio di come poteva presentarsi la costa swahili fino ai primi del Novecento. Foreste impenetrabili a ridosso del bagnasciuga, rocce e cortecce che fanno a gara ad aggiudicarsi un po’ di sole, specchiandosi nell’azzurro dell’oceano che risuona di un’energia pura e curativa. Qui alcuni lungimiranti artisti dell’hospitality hanno investito per creare quei luoghi di pace e meditazione, i cosiddetti “retreat”, per chi se li può permettere. C'è un belga, un tedesco e, come nelle classiche barzellette, c'era anche un italiano che, forse subodorando la futura insostenibilità, se n'è andato anzitempo. 
Già, perchè qui ora, purtroppo, si sta affiancando una lottizzazione selvaggia: nessuno osa ancora edificare hotel, residence o ville, ma ogni spazio libero della spiaggia della felicità viene occupato da muri di cinta che a vederli colmano di tristezza gli spazi che il cuore si era tenuto per gli aneliti di libertà.
Quando tra una prigione di corallo e cemento e l’altra scorgi tra le fronde una vecchia casa dal chiaro gusto “old colonial” britannico, ti viene da pensare a quale debba essere il prezzo della sostenibilità e a chi dovrebbe sostenerlo. Perché il peso di una civiltà marcia e compromessa come la nostra, sappiamo benissimo su chi ricade.
Passeggiamo sulla spiaggia di Msambweni, godendo della meraviglia che esclude i muri e dei piedi che assaggiano granelli di felicità, prima di buttarci in mare e sciacquare in un’acqua cristallina i cattivi presagi.
C’è ancora tanta bellezza in Kenya e non basterà una vita per raccontarla.

TAGS: msambwenicosta kenyaspiagge kenyaluoghi kenyareportage kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Migliaia di turisti, particolarmente keniani, stanno già affollando le località di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Ci sono anche due spiagge della costa keniana nella classifica delle 21 più affascinanti del mondo, redatta dal sito dedicato "beach-inspector.com".
Gli esperti del sito hanno girato per tre anni in 1500 lidi ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya fa il bis!
Anche quest'anno, dopo aver conquistato l'ambito premio l'anno scorso, oltre già al 2013 e 2015, il Kenya si è aggiudicato la palma d'oro come migliore destinazione mondiale per i safari e miglior destinazione africana per le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Torna a sorridere il mercato vacanziero sulla costa keniana, soprattutto per quanto riguarda inglesi e tedeschi, e la Condor aggiunge un charter in più da Monaco di Baviera, dopo quello da Francoforte e Dusseldorf.
Tolti i veti, ricevute assicurazioni dalle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'ultimo World Cleaning Day in Kenya ha rivelato numeri crescenti e preoccupanti di plastica sulle spiagge della costa.
Gli operatori...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Aumenta di giorno in giorno la percentuale di contagi per tampone in Kenya. In poche ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya Tourist Board e il Kenya Wildlife Service lavoreranno a braccetto da qui all'immediato post-elezioni per promuovere il turismo nei luoghi incontaminati del Kenya e nelle località più ambite dal turismo.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sarà che è un periodo in cui l'idea della schedatura è tornata di moda, ma in questo caso si tratta di trovare una soluzione a un problema che limita il benessere dei turisti in vacanza sulle spiagge di Watamu e Malindi.
I...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche quest’anno, con tutte le limitazioni e la stranezza di vivere una stagione turistica atipica, per usare un...

LEGGI L'ARTICOLO

Torna la pubblicità positiva per il Kenya e il giornalismo che racconta e non cerca il dramma o il sensazionalismo per farsi cliccare a tutti i costi.
L'insediamento del Ministro del Turismo Najib Balala, la rinnovata politica degli incentive e...

LEGGI TUTTO

Quest'anno sarà il Kenya il punto di partenza della fortunata trasmissione di Rete 4 "Donnavventura", il reality-reportage di viaggio a cui partecipano giovani e belle ragazze che coltivano il sogno di essere reporter di viaggio e d'avventura.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lo avevamo annunciato in esclusiva alcune settimane fa, quando il fotografo Andrea Varani e la top model italo-venezuelana Mariangela Bonanni erano sbarcati a...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Dopo la nostra "prima buona intenzione del 2019" lanciata online, con la raccolta quotidiana della plastica sulle spiagge di Malindi (LEGGI QUI L'INIZIATIVA) sono tanti i ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In arrivo un docufilm sulla danza per esaltare le bellezze naturali della costa keniana. 
"Explorers in dance", nato dall'incontro tra la tersicorea di fama internazionale Tania Von Armine Oggero e il regista Francesco Malavenda, sta per essere presentato in Italia...

LEGGI TUTTO