Ultime notizie

CULTURA

Gurnah, un nobel per tutto l'Est Africa

Lo scrittore tanzaniano preferito al keniano Ngugi

08-10-2021 di Gianluca Camorani

Un nobel per la letteratura in Est Africa, ancora non ci credo.
Già, perché ogni volta che vedo apparire in televisione la simpatica faccia di Enzo Nucci, storico corrispondente della sede Rai di Nairobi per tutta l’Africa Subsahariana, ho una irrefrenabile tentazione di infilarmi una mano nella tasca anteriore dei jeans e sperare in bene.
Non perché non ritenga Nucci un buon giornalista o lo ritenga uno iettatore, ma perché ogni volta che un telegiornale italiano  si collega o manda in onda un servizio dall’Africa è solo per raccontare tragedie.
L’Africa nell’immaginario collettivo occidentale è solo un luogo inospitale, sporco, afoso, dove regnano malattie, guerre, animali feroci, povertà e da cui tutti vogliono scappare.
Del resto dal punto di vista politico nessun Paese africano ha peso internazionale, nessuno è iscritto al G20, il crogiolo dei potenti che decidono le sorti del pianeta e quando vengono invitati ai grandi consessi mondiali  è solo per raccontare le loro “sfighe”, epidemie, conflitti armati, gestione dei flussi migratori. Per avere un po’ di attenzione dai media dei paesi ricchi l’Africa ha bisogno di una buona dose di disgrazie.
Pensare all’Africa anche come un luogo di cultura (nel senso occidentale del termine) è quasi impossibile per il “mzungu” medio, se non per associarla a ritmi e balli tribali a bongos, tamburi, gonnellini di paglia e folklore locale.
Il Premio Nobel per la Letteratura 2021 assegnato allo scrittore tanzaniano Abulzarak Gurnah è una bella notizia anche per quello, finalmente si associa il nome dell’Africa anche ad un evento positivo, un riconoscimento dedicato a tutto il Continente come hanno motivato gli accademici svedesi.
Senza contare che il suo collega keniano Ngugi Wa Thiongo per la terza volta è entrato nelle nomination ed era più accreditato di lui per la vittoria finale!
Gurnah non è stato il primo cittadino del continente nero a vincere l’ambito riconoscimento, lo aveva già fatto nel 1986 il poeta nigeriano Wole Soyinka, ma oltre ad essere passati 35 anni, Abdulzarak, anche se scrive in inglese e vive a Londra, è il primo a parlare Kiswahili come prima lingua e scrive per una rivista che si chiama “wasafiri” (viaggiatori).
Insomma ha tutti i presupposti per diventare un nuovo “eroe” per noi maldafricati italo/keniani.
P.S. Non ho ancora letto niente di Gurnah, di conseguenza non posso certo recensirlo, lo farò al più presto.
Per tutti i curiosi e contenti come me, ecco la bibliografia essenziale dello scrittore e saggista nato a Zanzibar.
Romanzi
Memory of Departure 1987
Pilgrims Way 1988
Dottie 1990
Paradise 1994  (Paradiso) tradotto in lingua italiana - Garzanti
Admiring Silence 1996
By the Sea  2001 (sulla riva del mare) tradotto in italiano - Garzanti
Desertion 2005 (il disertore) tradotto in italiano - Garzanti
The Last Gift 2011
Gravel Heart  2017
Afterlives  2020

Raccolte di racconti
The collected stories of Abdulrazak Gurnah 2004
My Mother Lived on a Farm in Africa 2006

Saggi
Essays on African writing . 1993-1995
The Cambridge Companion to Salman Rushdie 2007

TAGS: nobel kenyascrittori kenyaletteratura africaest africa

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

E' stato uno dei giornalisti, autori e scrittori più intelligenti, preparati e rivoluzionari della nuova...

LEGGI L'ARTICOLO

In questo spazio troverete citazioni di chi ha amato questo mondo e ha saputo descriverlo.
Aforismi, brani, versi e pensieri di scrittori, uomini di cultura o anche semplici appassionati.
Cose pensate, dette, scritte e magari poi negate o ritrattate, oppure rese...

Per la nostra sezione "Libri sul Kenya" presentiamo "Un chicco di grano", uno dei celebrati romanzi del più grande scrittore keniano, Ngugi Wa Thiong'o, più volte candidato al Nobel per la Letteratura.

LEGGI LA RECENSIONE

La seconda serata della rassegna "Io conosco il canto dell'Africa" è stata l'esempio di come a Malindi si possa fare cultura, e allo stesso tempo offrire svago e divertimento, nel mezzo di una cena ben organizzata.
Ma ha dato anche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Può la storia degli italiani in Kenya essere racchiusa in una serata di racconti e canzoni?
L'unico che forse può provarci è Freddie del Curatolo, scrittore performer e direttore del portale malindikenya.net, con la preziosa collaborazione del Maestro Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Il più famoso festival del Romanzo Storico d'Europa si tiene ogni anno a Piove di Sacco, in provincia di Padova.
L'edizione di quest'anno si apre oggi ed...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La letteratura italiana a confronto con quella del Kenya e di altri paesi africani: questo il tema...

LEGGI L'ARTICOLO

Da Bob Dylan a uno scrittore keniano.
Sarebbe stato bello, anche perché lo scrittore, poeta, saggista e professore universitario Ngugi wa Thiong'o insegue il Nobel per la letteratura dal 2012.
Ogni anno i bookmaker lo danno nella ristretta rosa dei favoriti,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

C’è una donna keniana speciale da onorare nella festa internazionale del genere femminile. E’ la professoressa...

LEGGI L'ARTICOLO

Africa è nel cielo, nella terra e nella gente.
La gente d'africa si muove lenta ma ti smuove il cuore, ti scuote l'animo.
Comunque tu sia, ferro o argilla, l'africa ti plasma.
 

LEGGI QUI

Un Ernest Hemingway "keniano" che si racconta in prima persona, dalla stanza del Nairobi Hospital dove è ricoverato.
Siamo nel 1953 e Freddie del Curatolo inizia così il suo racconto, che prenderà forma con l'intermezzo di

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un workshop di romanzieri storici italiani per far crescere la coscienza storica e narrativa dei giovani scrittori keniani.
"History and stories", questo il titolo delle cinque giornate nairobine, in scena da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Oggi, mercoledì 25 maggio, si celebra la Giornata dell'Africa e per l'occasione, il giorno successivo, giovedì...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya oltre che una nazione giovane in continua crescita, anche intellettuale, è da sempre uno dei più stimolanti emblemi dell'Africa. La sua natura cangiante, la savana e le altissime montagne, la costa con i suoi anfratti marini, le foreste...

LEGGI TUTTO

Il 21 maggio del 2019 ci ha lasciato prematuramente uno dei più grandi scrittori keniani e tra i più...

LEGGI L'ARTICOLO

E' vero, come scrisse Ryszard Kapuscinski, uno dei più attenti ed evocativi pensatori d'Africa, che la storia, nel Continente Nero, si trasmette per via orale e da leggenda diventa mito, ma la cultura, la prosa e la letteratura hanno bisogno...

LEGGI TUTTO