Ultime notizie

CULTURA

Il keniano Ngugi Wa Thiongo sfiora per l'ennesima volta il Nobel

Il romanziere keniano era in lizza per il premio più ambito della letteratura mondiale

06-10-2017 di redazione

Da Bob Dylan a uno scrittore keniano.
Sarebbe stato bello, anche perché l'intellettuale, poeta, saggista e professore universitario Ngugi wa Thiong'o insegue il Nobel per la letteratura dal 2012.
Ogni anno i bookmaker lo danno nella ristretta rosa dei favoriti, e puntualmente l'ambito premio va a qualche altro grande personaggio.
Anche la finale del 2017, che ieri ha dato il suo verdetto, ha visto Ngugi appena sotto il vincitore, il giapponese naturalizzato britannico Kazuo Ishiguro.
Si sperava che la difficile situazione del suo Paese potesse dare quel "quid" in più alla giuria svedese.
Sarebbe stato un ottimo segnale  ai politici keniani sul senso della cultura in Kenya, per riportare il senno nel caotico momento di crisi istituzionale.
La carriera letteraria di Ngugi parte dall'Indipendenza del suo Paese e dalla fine dell'era coloniale, raccontata nel romanzo "Un chicco di grano", tradotto anche in italiano. Una storia che ripercorre retroscena e paradossi del passaggio storico dall'Impero britannico alla Repubblica del Kenya, tra Mau Mau, intrighi e accordi sottobanco, che si alternano alle vicende dei due protagonisti.
Ngugi wa Thiong'o negli anni Settanta è stato osteggiato per le sue idee dal governo del presidente Arap Moi, che lo mise anche in carcere.
Durante quell'esperienza, abbandonò la lingua inglese e decise di iniziare a scrivere racconti e romanzi nella lingua della sua tribù, il Gikuyu.
Il suo romanzo "Diavolo in croce", che venne scritto interamente negli anni del carcere, è stato il primo della serie e ha un'altra curiosa particolarità, è stato composto interamente di nascosto, su rotoli di carta igienica. Seguono altri romanzi e novelle tradotti in italiano, come "Petali di sangue", "Sogni in tempo di guerra" e " Un matrimonio benedetto".
Ngugi wa Thiong'o vive ormai stabilmente negli Stati Uniti, ma ormai torna tranquillamente a Nairobi.

TAGS: Nobel KenyaNobel africanoNgugi Wa ThiongoLetteratura Kenyascrittore keniano

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Per la nostra sezione "Libri sul Kenya" presentiamo "Un chicco di grano", uno dei celebrati romanzi del più grande scrittore keniano, Ngugi Wa Thiong'o, più volte candidato al Nobel per la Letteratura.

LEGGI LA RECENSIONE

E' stato uno dei giornalisti, autori e scrittori più intelligenti, preparati e rivoluzionari della nuova...

LEGGI L'ARTICOLO

“Se l’Africa non fosse donna, si chiamerebbe Africo”.
La battutaccia non è mia (per fortuna, ma ho fatto anche di peggio) ma di un...

LEGGI TUTTO L'EDITORIALE

Il Canto del Kenya di oggi è un canto di speranza e potete ascoltarlo dentro un miracoloso polmone...

LA PANCHINA DI WANGARI - LEGGI LA STRISCIA QUOTIDIANA DEL DIRETTORE

Il Canto del Kenya di oggi, sabato 12 dicembre, è il fischiettare felice di un ragazzino islamico ...

IL MONOPATTINO ANARCHICO DI LAMU - Leggi la striscia quotidiana del Direttore

Dal 2008 raccogliamo, dopo averli letti e recensiti, i libri sul Kenya e sull’Africa che più ci sono...

LEGGI LA CLASSIFICA

“Il 20 ottobre è una delle date che qualsiasi keniano non può ignorare perché ha molti significati nella ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

In un periodo in cui per molti l’Africa è lontana e le letture dovrebbero essere una compagnia fondamentale...

LEGGI LA RECENSIONE

La seconda serata della rassegna "Io conosco il canto dell'Africa" è stata l'esempio di come a Malindi si possa fare cultura, e allo stesso tempo offrire svago e divertimento, nel mezzo di una cena ben organizzata.
Ma ha dato anche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quel bel sorriso africano con cui mi hai conquistato
che mi accompagna e rende le giornate serene...

LEGGI TUTTA LA POESIA

Ha il volto buono di una delle tante mamme dei quartieri poveri di Mombasa, Phyllis Omido.
Ma ha le palle di chi non si è arresa di fronte all'evidenza di una vita incanalata su binari che per molti concittadini sembrano inscartabili.LEGGI TUTTA LA STORIA

Secondo giovedì di pienone per lo spettacolo di Freddie e Sbringo incentrato su storie di uomini e...

LEGGI L'ARTICOLO

Rispolveriamo un brano da noi tradotto, tratto da un divertente, ironico e ormai introvabile libretto del giornalista e scrittore keniano Binyavanga Wainaina, che prende in giro i luoghi comuni degli scrittori occidentali che si cimentano con l'argomento africa.

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Il Centro africano per la prevenzione e il controllo delle malattie sorgerà in Kenya.
Lo hanno...

LEGGI L'ARTICOLO

Un Ernest Hemingway "keniano" che si racconta in prima persona, dalla stanza del Nairobi Hospital dove è ricoverato.
Siamo nel 1953 e Freddie del Curatolo inizia così il suo racconto, che prenderà forma con l'intermezzo di

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una storia appassionante, di tempi che furono e di chi sogna di riviverli, fino a tornare dove i racconti che ha ascoltato nacquero.
E' il Kenya di "Il signore delle pianure", il libro dello scrittore spagnolo Javier Yanes, pubblicato in Italia...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE