Ultime notizie

NEWS

La guerra del Kenya alla chang'aa

Cos'è l'alcolico che uccide migliaia di persone

03-05-2023 di Freddie del Curatolo

Il governo del Kenya ha deciso di fare la guerra ad una piaga antica quasi quanto il mondo, che fa spesso pensare a quanto la celebrata “mela” del diavolo ad Adamo non sia che una grande metafora.
La fermentazione artigianale di qualsiasi prodotto zuccherino con l’alcol, così come altri tipi di droghe o prodotti nocivi che danneggiano il cervello e danno dipendenza, oggi in Kenya non è più solo una tradizione ancestrale, ma ha inglobato in sé altre deviazioni della società contemporanea, come il contrabbando, la mafia, lo sfruttamento delle donne e dei minori, la miseria nelle sue forme più aberranti.
Stiamo parlando della Chang’aa, un distillato originariamente ricavato da miglio e sorgo che viene prodotto appunto “in casa” e che, secondo le stime dell’Autorità nazionale per la campagna contro l'abuso di alcol e droghe, distrugge o segna in maniera quasi indelebile la vita di oltre 400 mila persone all’anno nel paese.
Il Kenya, inutile negarlo, è una nazione ad alto tasso di alcolisti. Si calcola che il 13% degli abitanti ne siano consumatori abituali. E non si tratta solo dell’arcinota birra Tusker o dei superalcolici occidentali il cui abuso appartiene a pochi eletti, ma soprattutto di liquori a basso costo e per questo più chimici che ottenuti con procedimenti naturali e dei fatidici distillati artigianali. Se sulla costa è il vino di palma (mnazi) a spopolare, al centro e al nord del paese è appunto la chang’aa.

Negli slum di Nairobi, particolarmente a Kibera e Korogocho, la chiamano “Kill me fast” (uccidimi in fretta), si calcola che oltre 2 milioni e mezzo di persone in Kenya ne siano dipendenti e che uccida direttamente o negli anni una buona parte di loro. L’età media del primo bicchiere di Chang’aa per chi prenderà la via dell’abuso e della dipendenza, è di 9 anni. Se un tempo la chiamavano “birra” e nelle regioni dei Kikuyu intorno al monte Kenya la servivano dentro anfore ricavate dalle zucche vuote, oggi il fermentato di sorgo e miglio viene trattato spesso con metanolo ed altri acidi, compreso quello delle batterie delle automobili, se non addirittura con la benzina, oltre che essere filtrato anche attraverso assorbenti femminili usati ed altre sporcizie spesso recuperate nelle discariche.
Ogni anno le cronache dei quotidiani si riempono di notizie drammatiche su morti o cecità di massa dopo matrimoni o funerali in cui è circolata della Chang’aa “difettosa”.
Purtroppo però dal 2010, su pressione evidente di “signorie” che lucrano sul suo commercio, la Chang’aa se prodotta nel rispetto delle norme stabilite, è legale.
Da allora si sono moltiplicati non solo i produttori (quasi sempre donne, anche riunite in sorta di cooperative) ma anche i locali pubblici in cui si vende la chang’aa e che ospitano nottetempo popoli di zombie senza speranza. E’ il prezzo di un bicchiere della grappa popolare keniana ad attirare i suoi consumatori: 12 scellini (meno di dieci centesimi di euro) al bicchiere. Molto più potente di una vodka locale, che costa dieci volte tanto.
Ma che rovina molto meno. L’approccio abituale alla Chang’aa infatti porta in breve tempo alla perdita delle funzioni corporee e, a lungo termine, a forme di cecità e a problemi mentali che fanno sì che i consumatori assidui perdano spesso il lavoro.
Ecco quindi che il nuovo governo ha iniziato a fare la guerra ai produttori illegali di questa bomba nazionale. Solo ieri nella Rift Valley sono state identificate 13 mila persone, tra produttori e distributori del superalcolico maledetto. Molti sono i centri di riabilitazione sorti negli ultimi tempi per cercare di recuperare chi è già caduto nei fumi deleteri della Chang’aa e del “kangara”, il mosto che rimane infondo ai barili in cui viene conservata, che sciacquato con altro alcol, ucciderebbe un astemio o anche solo un uomo occidentale in un solo giorno.
Certo, la Chang’aa è la punta di un iceberg da cui è bene incominciare, ma il grave problema di un paese che ha conosciuto tardi il valore dei soldi e la cultura dell’avere tutto e subito, è sempre più evidente e porta alla mente troppo spesso, con i dovuti distinguo, la tristezza dei pellerossa americani e degli aborigeni australiani.

TAGS: alcoldistillatokibera

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Se ve lo dicono dopo che l'avete provato, non ci credereste.
Eppure ...

LEGGI L'ARTICOLO

Gioco a rugby perché mi hanno dato una maglietta nuova.
Le scarpe...

LEGGI IL RACCONTO

Kibera Addio.
Almeno nelle parole del presidente...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono due le attività di bar e ristorante già chiuse a tempo indeterminato a Malindi, dopo il primo giorno di operazioni incrociate di controllo da parte di diversi uffici governativi sulla costa keniana.
L'autorità...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Canto di oggi, Natale 2020, non è un canto ma una poesia, magari filastroccata sottovoce

NATALE NELLO SLUM - Leggi la striscia del nostro Direttore

E' vero che i lavori erano stati annunciati mesi fa e che le ruspe da giorni si erano portate sul posto, è vero che chi non è proprietario non vanta alcun diritto di restare su quel suolo, ed è altrettanto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nell’ottobre 2018 in una delle baraccopoli più povere ed estese del mondo, quella di Kibera a Nairobi, è successo...

LEGGI L'ARTICOLO

Quello dei funerali è ormai uno dei business più importanti, tra gli affari del "popolo", che animano l'economia del Kenya.
Già nel 2013 uno studio del Journal of Human Developement indicava le spese per i funerali tra...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Pablo Picasso non avrebbe potuto immaginare e dipingere scena più devastante, tra l’umano...

LEGGI L'EDITORIALE

Non sono mai stati in Africa, ma l'hanno sognata per tutta la vita.
Così come hanno sempre sognato la libertà, l'avventura, la sfida ad un'esistenza non facile e ad un destino che ha messo il suo carico pesante quando erano ancora...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Weekend lungo con qualche disagio per gli automobilisti nella capitale Nairobi per la chiusura della...

LEGGI L'ARTICOLO

I media nazionali del Kenya riferiscono di una domenica tranquilla in tutto il Paese, dopo le proteste di ieri nelle baraccopoli di Nairobi e nelle periferie di Kisumu, che hanno portato a scontri tra facinorosi (e malviventi) e forze dell'ordine.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

“Non pensate che abbiamo riaperto il Paese perché stiamo contenendo il virus o l’abbiamo battuto...

LEGGI L'ARTICOLO

Dato il buon successo di visitatori, è stata prorogata fino al prossimo 8 aprile la mostra fotografica collettiva...

LEGGI L'ARTICOLO

Altri otto casi nelle ultime 24 ore portano a 216 il numero totale dei pazienti positivi al virus Covid-19 in ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya tocca quota 100 decessi a causa del virus Covid-19. Con le ultime quattro ...

LEGGI L'ARTICOLO