Ultime notizie

NEWS

La morsa reale della fame sul Kenya

Sempre più drammatica la situazione di 8 contee

07-07-2022 di redazione

Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite ha illustrato la gravissima situazione del Kenya, alle prese con una delle peggiori crisi di insicurezza alimentare degli ultimi cinquant’anni.

Ma non c'è bisogno di attendere i dati delle organizzazioni internazionali, basta essere sul posto, girare tra i villaggi, ascoltare le parole della povera gente, e ci si rende conto facilmente di come la situazione stia velocemente peggiorando.
La congiuntura di siccità, avversità climatiche, crisi internazionale ed inflazione da debito pubblico nel Paese sta mettendo in ginocchio almeno otto contee, specialmente quelle in cui si vive quasi esclusivamente di agricoltura e allevamento.

“Patiscono la fame mentre vedono morire il bestiame – è l’amaro commento del PAM – prevediamo che la resa dei raccolti per la stagione in corso sarà pari a meno della metà della media quinquennale”.
Le contee delle zone semiaride, Lamu, Kilifi, Taita Taveta, Tana River, Turkana, Samburu, West Pokot, Baringo, Kajiado, Narok, Laikipia, Nyeri, Embu, Meru, Isiolo, Wajir, Garissa e Mandera, sono praticamente senza piogge, o con piovaschi limitatissimi, dallo scorso anno quando già le precipitazioni erano state sotto la media, e si trovano in una situazione terribile che potrebbe precipitare in un’insicurezza alimentare senza precedenti.

Secondo gli studi più recenti, circa tre milioni di persone vivono dallo scorso febbraio ben al di sotto della soglia del nutrimento quotidiano necessario.

Questo dato è frutto della diminuzione dei raccolti e della mancanza di lavoro, con numerose piccole e medie imprese che non sono più ripartite dopo la pandemia.
La produzione di mais, il più diffuso sostentamento del paese, è scesa del 13% ed il costo del prodotto di base del Kenya, l'ugali, è aumentato del 100%, con il prezzo della farina di mais che ha toccato i massimi di 240 scellini il mese scorso.

Senza contare gli effetti collaterali dell’invasione della Russia in Ucraina, che ha portato all’aumento dei fertilizzanti, degli insetticidi e di altri beni di prima necessità per la produzione agricola. Con il rischio che la povertà estrema e la fame costringa, come già sta accadendo, famiglie contadini che da generazioni vivono e si alimentano con il lavoro della terra, svendano i loro possedimenti nella speranza di superare questo difficile momento o decidano di utilizzare la terra per altre attività. Chi disbosca foreste per vendere legna e carbone, chi brucia appezzamenti per costruire o affittare ad industrie.

Il Governo ha ricordato la recente mossa di sgravi fiscali per chi acquista fertilizzanti ed altre misure che vanno incontro alle esigenze degli agricoltori.

Fatto sta che nel bilancio 2022/23, al settore sono stati assegnati solamente 66,8 miliardi di scellini, pari a meno del due per cento del bilancio totale.

TAGS: fameinsicurezza alimentaresiccitàpovertàagricolturasoglia sopravvivenzaemergenza

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

La morsa della fame sul Kenya e specialmente nei suoi estremi, dal desertico nord al sud delle savane, sta...

LEGGI L'ARTICOLO

Più che l’economia del Paese fecero la siccità e i tempi lunghi per il raccolto del mais.
Fatto sta ...

LEGGI L'ARTICOLO

Mentre i politici del Kenya sono già impegnati nella caccia alle loro prossime poltrone e i media...

LEGGI L'ARTICOLO

Dall’inizio della pandemia in Kenya, più della metà della popolazione dei keniani, ovvero il 58% dei 53 milioni di...

LEGGI L'ARTICOLO

Cambio climatico e pandemia, un mix letale che ha creato 400 mila nuovi affamati sulla costa del...

LEGGI L'ARTICOLO

Un nuovo sciame infinito di locuste del deserto minacciano il Kenya, ma questa volta si sono spinte...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono due milioni i nuovi poveri del Kenya dall’inizio dell’emergenza Covid-19.
E’ un rapporto...

LEGGI L'ARTICOLO

Una delle tante piaghe del Kenya è quella delle continue interruzioni dell’energia elettrica (black-out). 
Le altre, tra le molte, sono la mancanza d’acqua potabile nelle case, che porta i politici, in cerca di voti, a promettere: “Se mi eleggete prometto...

LEGGI TUTTO

E’ un tubero molto nutritivo e resistente e il Kenya dovrà puntare su questa risorsa per sfamare quella...

LEGGI L'ARTICOLO

Una serata al sapore di Kenya con tanta buona musica e un amico di Malindi per aiutare la farm di Langobaya della ONG Karibuni.
Domenica alle 19 al Hall of Fame bistrot di Piazza Piemonte...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Avevamo lanciato l'appello sul nostro portale lo scorso 21 luglio: i bambini dell'entroterra di Malindi, come tanti...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya è tra le prime dieci nazioni del mondo in cui crescono i milionari (in dollari, considerando il patrimonio complessivo).
Questo appare tra i risultati della ricerca annuale dell'azienda di sondaggi Wealth-X, che ha pubblicato l'edizione 2018 della ricerca...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A giugno è partito il nuovo progetto di Karibuni Onlus a favore della comunità dell’area di Langobaya.
L’idea è nata dal team delle fattorie di Karibuni, che, osservando la persistente insicurezza alimentare di quest’area semi arida soggetta a carestie e...

LEGGI TUTTO

Non ce l’ha fatta. Dopo settemila chilometri di migrazione, dopo aver attraversato nazioni con

LEGGI L'ARTICOLO

La solidarietà italiana agli sfollati della valle del Galana è iniziata subito, all'indomani della grave esondazione che ha lasciato centinaia di famiglie senza quel poco che avevano in precedenza.
Dopo gli aiuti per l'emergenza sanitaria, alimentare e di prima assistenza,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serie di nuove regole con multe salatissime sono state approvate dal Ministero dell’Agricoltura e...

LEGGI L'ARTICOLO