Ultime notizie

NEWS

Emergenza alimentare: 2 milioni di keniani a rischio

Siccità e raccolti tardivi, aumentano fame e malattie

11-07-2019 di redazione

Più che l’economia del Paese fecero la siccità e i tempi lunghi per il raccolto del mais.
Fatto sta che secondo il recente rapporto dell’Autorità Nazionale per la Gestione della Siccità (NDMA) il numero dei cittadini keniani a rischio malnutrizione quest’anno salirà da 1.6 milioni a 2 milioni. Si tratta soprattutto di abitanti delle zone aride e semiaride del Kenya, le aree più colpite sono Turkana, Marsabit, Isiolo, Samburu, Wajir, Garissa, Tana River e Tigania West.
Il quadro inizia ad essere davvero tragico. Se la gente di queste terre non muore direttamente di fame e di sete, le conseguenze dello scarso approvvigionamento si possono sentire nei periodi prolungati, causando malattie e patologie importanti, specialmente in anziani e bambini e donne in gravidanza. Senza contare che la siccità ha creato carestie di bovini e faide tra tribù per il controllo di zone vicine a corsi d'acqua e fonti.
NDMA ha reso noto ai media che dall’inizio dell’anno molte più famiglie devono affrontare livelli acuti di insicurezza alimentare. Nel nord-ovest, dove vivono nuclei familiari dediti alla pastorizia e all’agricoltura e che non vivono d’altro, più che di crisi si parla di vera e propria di emergenza alimentare.
La carenza di cibo è stata attribuita alla siccità che ha colpito la produzione alimentare in diverse parti del paese. I riflessi si sono visti non solo nella produzione di cibo di sostentamento, in particolare la farina di mais, ma anche nei suoi prezzi di vendita. Il Governo è stato esortato ad aumentare l’importazione di mais da altri Paesi, ma difatto la farina è aumentata del 25%. Un pacchetto da 2kg ora costa Kshs. 120 dai precedenti Kshs. 90.
L'ultimo bollettino del Ministero dell'Agricoltura indica che le piogge tardive, la scarsa distribuzione e le piogge irregolari hanno condizionato negativamente il raccolto piantato precocemente nella maggior parte del paese.
La semina è stata ritardata in alcune parti del Paese, il che dovrebbe causare una riduzione della produzione totale.

TAGS: siccità kenyafame kenyamais kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Poche precipitazioni durante la stagione fredda del Kenya e fatalmente si fanno i conti con la...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo alcuni giorni di completa mancanza sui bancali dei supermercati e nei negozietti locali, a Malindi e sulla costa nord del Kenya sono tornate le confezioni da 1 o 2 kg di farina di mail, indispensabili per preparare l'ugali, il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il prezzo della farina di mais recentemente è stato ridotto dal Governo a Kshs. 90 per il pacchetto da due chilogrammi, dopo che per via della siccità e relativa carestia nel Paese africano, il prezzo era schizzato a Kshs. 150...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per chi vive a Malindi e dintorni è facile constatare come nei bancali dei supermercati e nella coloratissima e allegra confusione di chioschi, bazar e baracchette locali, da un po' di tempo a questa parte, manchi l'alimento principale dei cittadini...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per scongiurare la grande carestia che sta attraversando le fasce più deboli del Kenya e la mancanza di farina di mais che affligge da giorni il Paese, il Presidente Kenyatta ha deciso di dare fondo alle riserve di "sima" e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tempi durissimi per le famiglie dell'entroterra malindino, così come in tante altre zone del Kenya, rese aride dalla prolungata siccità e flagellate dall'aumento dei prezzi del cibo di sussistenza.
Sabato scorso dalla fattoria della NGO italiana Karibuni di Langobaya è partita...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Dall’inizio della pandemia in Kenya, più della metà della popolazione dei keniani, ovvero il 58% dei 53 milioni di...

LEGGI L'ARTICOLO

Torna prepotente la fame nel distretto di Magarini, entroterra di Mambrui. 
Sono molti i villaggi in cui sono finite le scorte di grano dei campi di proprietà delle comunità locali e non ci sono soldi per acquistare quello confezionato.
La...

LEGGI TUTTO

Il Mukimo è un contorno tipico della tradizione delle regioni centrali del Kenya.
Si tratta...

LEGGI LA RICETTA

Duante la stagione delle piogge, in attesa del raccolto di mais per la polenta, in Kenya si fa un grande uso di legumi.
Il Githeri è sicuramente la pietanza più diffusa in questi mesi.
 

LEGGI QUI LA RICETTA

La colletta della comunità italiana prosegue ancora questa settimana, come previsto, e si spera di toccare quota 1 milione e mezzo di scellini.
Nel frattempo gli sfollati della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La più importante ed organizzata realtà solidale italiana della costa del Kenya, Karibuni Onlus, ha...

LEGGI L'ARTICOLO

Cinque tipi di farina da polenta potenzialmente cancerogene in Kenya per livelli elevati di...

LEGGI L'ARTICOLO

L'ugali, composto da posho o sima, ovvero farina di mais e da un contorno che può essere di carne, pesce o verdura, è il piatto unico tipico del Kenya e specialmente della costa.
La farina viene bollita come la nostra...

LEGGI QUI LA RICETTA

Non ce l’ha fatta. Dopo settemila chilometri di migrazione, dopo aver attraversato nazioni con

LEGGI L'ARTICOLO

Addio “ugali”, i keniani iniziano a preferire altre farine e cereali, e sulle tavole del paese spuntano anche gli spaghetti.
Sono...

LEGGI L'ARTICOLO