Ultime notizie

NEWS

Nairobi ora è meno cara per gli stranieri

Classifica Mercier: considerevole salto post pandemia

09-07-2021 di redazione

La fama di Nairobi, negli ultimi vent’anni quando la sua espansione da semplice capitale a “hub” di tutta l’Africa Subsahariana in cui convergono interessi e attività di ogni tipo, è quella di una metropoli molto costosa per gli stranieri che intendono viverci o trascorrerci più di una semplice vacanza o di un breve periodo di lavoro.
Dopo questo anno e mezzo di pandemia le cose sembrano essere decisamente cambiate, in meglio. Tanto che la quotata azienda di gestioni patrimoniali Mercier, che ogni anno stila una credibile classifica delle città più care del mondo, ha abbassato il ranking di Nairobi di ben cinquanta posizioni, che rappresentano il salto più significativo di una capitale.
Nairobi oggi si piazza “solo” al 145° posto, uscendo dalle prime 100 metropoli costose, dove era confinata fino al 2020, con la sua novantacinquesima posizione.
Mercier per compilare questa graduatoria, si basa soprattutto sulla vita degli espatriati, considerando gli affitti e le spese di prima necessita, ma anche più di 200 tra svaghi e i servizi. Sono queste le voci principali che vengono comparate di città in città, basandosi sull’esperienza di 400 residenti di diverse fasce sociali.
In base a questi parametri, la capitale del Turkmenistan Ashgabat ha superato una delle storiche mete degli spendaccioni, ovvero Hong Kong che rimane comunque in seconda posizione.
Prima città africana, e anche qui in pochi potrebbero immaginarlo, è Ndjamena in Ciad.
Più in basso di Nairobi, rispettivamente al 167° e 171° posto, troviamo altre due grandi realtà dell’Est Africa, la tanzaniana Dar Es Salaam e l’ugandese Kampala.
Ma cosa ha contribuito a far scendere a livelli più “umani” Nairobi?
Secondo gli esperti di Mercier si tratta soprattutto del calo del costo degli affitti, dovuto non solo alla pandemia che ha visto tanti ritorni nelle rispettive nazioni d’origine di molti “expat” e calo di richieste da parte di cooperanti, diplomatici e dirigenti di aziende o delle Nazioni Unite, ma anche alla concorrenza di nuovi palazzi, residence e condomini.
Altro dato, l’arrivo e l’esplosione di uber come servizio di trasporto, che ha abbassato notevolmente i costi degli spostamenti in una città tra le più trafficate del continente. In terzo luogo le consegne a domicilio che hanno ridotto non solo i costi dei trasporti, ma anche quello di pranzi e cene, togliendo coperto e spesso anche il bere.  E anche supermercati e piccole attività si sono attivate per le consegne. Stesso discorso per quanto riguarda lo smart working, perché spostarsi sicuramente in città è una delle spese sensibili.
I tagli delle spese sono evidenti poi in quelle categorie di residenti che hanno visto i loro guadagni calare e con le tasche vuote hanno sperimentato modelli di vita più modesti ma non per questo deprimenti. La capitale infatti offre possibilità dignitose di cavarsela ed arrivare a fine mese, e questo è un dato di fatto che migliora la sua classifica generale.

TAGS: nairobicosti kenyavita kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

La catena di supermercati keniana Nakumatt ha deciso di chiudere tre delle sue filiali. 
La decisione fa parte della politica di tagli dei costi dell'azienda, che si è prefissa di ridurre di KShs. 1.5 miliardi le spese per il prossimo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Fare ricerche per i titoli di proprietà (title deed) d’ora in avanti non costerà nulla.
Così come saranno presto velocizzate le pratiche per sapere se un title deed è vacante o ha un proprietario, se è bloccato o di quale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A Nairobi molti ristoranti e caffé, oltre ai supermarket si stanno preparando all’emergenza Coronavirus offrendo...

LEGGI L'ARTICOLO

A Nairobi arrivano i taxi elettrici finlandesi per combattere l’inquinamento e ridurre...

LEGGI L'ARTICOLO

In Kenya gli italiani hanno fatto moltissime opere di bene. C’è tanta solidarietà nei confronti del popolo keniano e i progetti sociali abbondano.
Ciò che scaturisce dal cuore, dalla generosità e dall’incapacità di voltare lo sguardo dall’altra parte è sempre...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

La rotta low coast Edimburgo-Stati Uniti, annunciata nei giorni scorsi dalla norvegese Air International, apre un nuovo scenario per i voli internazionali a bassissimo prezzo.
E già qualcuno ci sta pensando per le tratte dall'Europa al Kenya e precisamente nei...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In Africa talvolta è bello anche non programmare le cose e lasciare che avvengano da sè, facendosi ispirare dalle sensazioni dell'ultimo minuto.
Così a Malindi, per chi non avesse deciso ancora dove passare la sera dell'ultimo dell'anno, ed in particolare...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non si poteva pretendere che non arrivasse anche sulla costa keniana. 
L'alchool test per i guidatori, evoluzione del cosiddetto "palloncino" per verificare se chi è al volante abbia superato o no i limiti di assunzione di alcolici previsti dalla legge,...

LEGGI TUTTO

Pasqua è Pasqua in tutto il mondo.
Anche sulla costa del Kenya e a Malindi, cittadina dalle mille culture (proprio in questi giorni va in scena...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una giornata di transizione, con non moltissimi tamponi fatti e solo 12 nuovi casi di positività al virus Covid-19 ...

LEGGI L'ARTICOLO

Le piogge fanno bene alla Natura Africana e se un’attività di Malindi ha la fortuna di essere...

LEGGI L'ARTICOLO

Il primo impianto solare che rende potabile l'acqua dell'Oceano Indiano è stato installato a...

LEGGI L'ARTICOLO

Due ippopotami trovati decapitati, un altro nella morsa di una trappola mortale, il classico laccio di acciaio stretto alla gola.
Il segnale inquietante che la caccia...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il tasso di completamento della scuola è emerso come uno dei problemi più urgenti dell'istruzione in Kenya. Solo...

LEGGI L'ARTICOLO

Non abbiamo fatto a tempo, qualche giorno fa, a parlare di notizie finalmente obbiettive, positive e vere (non per forza trionfalistiche, per carità) sui giornali e riviste italiane, che arriva la stoccata dei soliti sensazionalisti di serie B. 
Stavolta è...

LEGGI TUTTO L'EDITORIALE

Dalla Fondazione della Bayer tedesca arrivano 500 milioni di scellini per far fronte ...

LEGGI L'ARTICOLO