Editoriali

EDITORIALE

I danni del ritardo delle piogge sulla costa

Tra carestie e mancanza di mozzarella per la pizza

28-04-2022 di Freddie del Curatolo

La stagione delle grandi piogge ritarda ancora sulla costa e il territorio comincia a soffrire seriamente della situazione. Mentre nelle regioni nord e nordorientali del paese stanno già sperimentando giornate di acqua a catinelle che danno respiro al clima e alla natura, tra Mombasa e Malindi non si vede ancora continuità negli acquazzoni. Lo scorso fine settimana (quasi a voler “benedire” la Santa Pasqua) Giove Pluvio sembrava essersi attivato per innaffiare gli aridi terreni e ridare fiato alla popolazione. Ma è stato un fuoco di paglia che ha solamente danneggiato i ristoranti all’aperto e le attività turistiche. Poi più niente, se non un innalzamento dell’umidità con la temperatura che non tende ad abbassarsi.
Ora i danni di questa eccezionale coda di estate iniziano a farsi sentire.
Per prima cosa i terreni che da tempo sono pronti per la semina del mais, principale alimento della gente costiera, sono in gran parte sofferenti, l’erba fatica a crescere e di conseguenza il bestiame ha meno sostentamento.
Il risultato è che sta venendo a mancare il latte e con lui i suoi derivati.
Non solo burro e yogurt, ma anche i formaggi. Prima tra tutti, per utilizzo a Malindi e Watamu, la mozzarella per pizza.
“Niente pioggia, niente pizza” potrebbe essere lo slogan triste e preoccupato dei ristoranti italiani.
E’ caccia ad uno degli ingredienti fondamentali della specialità italiana. C’è chi la acquista (a prezzi stratosferici) d’importazione dall’Italia, chi la fa arrivare da Nairobi (dove comunque scarseggia) e chi cerca piccoli produttori locali che si procurano la quantità minima di latte fresco per poter accontentare i loro clienti.
Certo, la visione all’italiana è niente, rispetto ai danni che la mancanza di pioggia sta facendo nella Contea di Kilifi, dove mucche e capre rischiano seriamente la denutrizione e di conseguenza migliaia di persone che tirano a campare grazie all’allevamento, sono in grave crisi.
Crisi che diventa umanitaria se anche i campi coltivati non riescono a produrre nulla.
In Kenya non si muore mai di fame, recita un vecchio detto. Che non aveva considerato i cambi climatici e la deforestazione. Come cantava Eric Clapton, “Let it rain”. Aggiungiamo, “Tafadhali”...

TAGS: piogge kenyacarestiemozzarellalatteallevamentifame kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

A Malindi e sulla costa keniana le piogge sono attese come una manna dal cielo. La siccità ha fatto danni estremi, alla terra e agli allevamenti.
Sono già morti capi di bestiame e molte piante si sono ridotte a rami...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Più che l’economia del Paese fecero la siccità e i tempi lunghi per il raccolto del mais.
Fatto sta ...

LEGGI L'ARTICOLO

Una serata particolare per chi vuole assaggiare una specialità keniana, il coccodrillo e una new entry molto apprezzata: il capretto al forno.
Animali che arrivano da allevamenti e che è possibile gustare solo in locali che ne sanno esaltare i sapori.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I fagioli al cocco (maharagwe za nazi) sono un piatto povero ma gustoso ed energetico della tradizione dell'etnia mijikenda che popola la costa keniana.
A secondo di chi lo prepara, dei gusti e dell'abbondanza di fagioli, può essere cucinato come...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

I danni della siccità, della desertificazione e dei conseguenti cambiamenti climatici e della vegetazione...

LEGGI L'ARTICOLO

"Samaki wa kupaka ya nazi", ovvero letteralmente "Cubetti di pesce al cocco" è un piatto della tradizione swahili del Kenya, che utilizza varie spezie di antica provenienza indiana per dargli sapore. Una versione molto gustosa prevede il "madras", quella più...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

"Muhogo wa Nyama" (carne con cassava) è un piatto tipico della cucina keniana. La cassava è un tubero del tutto simile alla comune manioca, viene usato per fare la farina o come le patate, sia fritta che stufata. Il suo...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Laddove in Kenya il virus Covid-19 non sembra essere ancora arrivato, nelle più remote lande della ...

LEGGI L'ARTICOLO

La situazione inizia a farsi seria. La siccità e il calo del turismo sulla costa del Kenya hanno creato un mix terribile di raccolti insufficienti e mancati guadagni che ha messo in ginocchio intere famiglie dei villaggi dell'entroterra.
 

LEGGI TUTTO

I "Vibibibi" sono pancake locali a base di riso e latte di cocco.
"Vibibibi" in kiswahili significa "signorine".
Nella tradizione della costa keniana sono utilizzati in particolare a colazione o come antipasto dolce prima del pranzo.
C'è chi li apprezza anche...

LEGGI QUI LA RICETTA

Una stagione delle piogge atipica quella del 2021 in Kenya, almeno secondo le previsioni dei meteorologi...

LEGGI L'ARTICOLO

La Malindina riapre la stagione dei suoi eventi settimanali con un suo classico che tanto...

LEGGI L'INFO

Gamberi masala al cocco.
Ecco una classica ricetta che dal sud dell’India è arrivata alla costa swahili più di cento anni fa ed è oggi un piatto consumato anche dalla popolazione locale, e spesso nei chioschi del lungomare di Malindi...

LEGGI LA RICETTA

La sua forma, il profumo, la fragranza, i sentori di cocco o cardamomo.
Il Mandazi...

LEGGI LA RICETTA

Le piogge di questa stagione non stanno portando benefici agli agricoltori e alla povera gente del Kenya, dalla

LEGGI L'ARTICOLO

Da Kiwi a People e ora Triple B. Il ristorante pizzeria di Lamu Road a Malindi, all'interno dell'AG Complex (quello del cammello, per intenderci...) riapre con nuovo nome e nuova gestione e stasera inaugura il rinnovato locale nel segno della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO