Ultime notizie

POVERO KENYA

Alcool illegale, ancora vittime della grande piaga del Kenya

Storie ai margini, dove oltre la tradizione c'è solo distruzione

08-02-2024 di Freddie del Curatolo

Un altro tragico fatto di cronaca riporta a galla uno dei grandi problemi con cui il cuore del Kenya, quello delle fasce sociali più bassi, delle aree rurali e delle periferie dei centri urbani, deve fare i conti: l’alcolismo.
E non è solo un problema di fegato, di lucidità e delle possibili violenze domestiche e non che l’abuso può provocare, ma anche di morte ed infermità permanenti, allorché la scarsità di denaro per acquistare alcolici commerciali, spinge tanti keniani a bere distillati artigianali, prodotti illegalmente e altamente nocivi, tossici.
Due giorni fa l’ultimo caso eclatante, dieci membri della stessa famiglia, nella contea di Kirinyaga a nord di Nairobi, si sono ritrovati, come spesso accade in quelle zone, in un locale a fare un po’ di baldoria.
Una bevuta tra parenti finita molto, molto male.

Il bar, si dice di proprietà di un ricco uomo d’affari locale, produce “birra artigianale”, che altro non è che una variazione sul tema della fatidica “Chang’aa”, un fermentato di miglio, foglie di verdura di campo, bucce di frutta e qualsiasi altro scarto naturale possa capitare sotto tiro. Ma se una volta, pur essendo micidiale, l’intruglio alcolico mandava al tappeto (per chi ce l’aveva, per quasi tutti era una stuoia di fango) come una grappa slovena o una vodka di bucce di patate uzbeka, oggi si tende a mischiare le “vinacce” con composti chimici. Quando va bene, metanolo ed etanolo e quando va ancora meglio, in quantità modiche, che comunque significa stordirsi. Perché spesso i produttori esagerano e i risultati sono nefasti.
Come nel caso della famiglia del villaggio di Kangai. I primi sei hanno iniziato a stare male appena tornati a casa: vomito, convulsioni fino alla morte. Altri quattro sono rimasti ciechi quasi all’istante, esalando l’ultimo respiro nella notte. L’ultimo è spirato la mattina dopo in ospedale.
I residenti del villaggio, inferociti, si sono recati fuori dal locale che aveva servito la Changa’a (che in dialetto kikuyu significa “uccidimi in fretta”) avvelenata e gli hanno dato fuoco.
La polizia è arrivata quando il bar era già stato ridotto in cenere e i compaesani dei defunti si erano già dileguati. L’Autorità nazionale contro l’abuso di droga ed alcool (Nacada) ha dichiarato qualche mese fa che quasi 5 milioni di persone in Kenya fanno abuso di sostanze nocive e illegali, tra cui al primo posto figurano le bevande artigianali. E le mafie proliferano.

Il governo Ruto, fin dai primi mesi del suo insediamento, sta cercando di cambiare le abitudini ancestrali delle comunità rurali (iniziando dalle pendici del Monte Kenya, dove dovrebbe essere più facile arrivare, piuttosto che negli slum di Nairobi, dove la Chang’aa si fa con l’acido delle batterie usate, l’olio dei freni gli stracci sporchi e c’è chi dice addirittura gli assorbenti usati, tutti elementi che accelerano la fermentazione). Il viceministro Rigathi Gachagua, che viene dalle aree kikuyu vicine a quella dove si è consumata la strage familiare, e sua moglie, sono tra i più ferventi detrattori della produzione di alcolici che vengono spacciati per drink tradizionali (come la Muratina, che originariamente derivava da un frutto africano simile alla carruba) ma che in realtà ormai di naturale hanno ben poco. Alla fine, il pur deleterio vino di palma della costa, il mnazi, è un'acqua di rose al confronto.


La scorsa estate, nelle cinque contee che circondano le pendici del Monte Kenya, sono stati chiusi più di 6000 locali dediti a liquori autoprodotti. Un bicchierino di Changa’a costa al massimo dieci scellini, venti volte meno di una birra e cinquanta meno di un whisky. E dà dipendenza molto più di un distillato originale, tanto che chi è sotto il suo effetto è praticamente come un tossicodipendente e farebbe di tutto per procurarsi un litro di veleno. Anche prostituirsi (e non solo le donne) o chiaramente rubare.
Ma “uccidimi in fretta” rispetta quasi sempre la sua promessa e se proprio non riesce ad ammazzare, riduce le persone come larve, lasciandole in condizione di semi-incoscienza per gran parte della giornata, ai bordi delle strade o in qualche angolo di muro. Che, come diceva il poeta, “è una morte un po’ peggiore”.

TAGS: bevandechang'aamnaziillegali

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il governo del Kenya ha deciso di fare la guerra ad una piaga antica quasi quanto il mondo, che fa...

LEGGI L'ARTICOLO

La decisione del Presidente Kenyatta di vietare la vendita e il consumo di alcolici nei locali...

LEGGI L'ARTICOLO

Sarebbero già 3.434 i lavoratori stranieri illegali in Kenya, tra quelli che non si sono presentati entro lo scorso 21 luglio negli uffici dell'Immigration di Nairobi. Erano stati

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Hanno sempre rappresentato una certezza per gli abitanti della costa e del suo immediato entroterra, e...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo le richieste del Ministro del Turismo keniano Najib Balala e delle associazioni di...

LEGGI L'ARTICOLO

Un'altra imprudenza fatale in un parco del Kenya, dettata non dall'eccesso di amore per la fauna selvatica o dall'adrenalina dell'avventura, ma dalla moda tristemente nota di farsi i "selfie" con chiunque e qualsiasi cosa come scenografia.
Questa volta è toccato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A Matsangoni si balla, a Matsangoni si vive a lungo.
Il villaggio...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Le feste natalizie del Kola Beach di Mambrui quest’anno sono enogastronomiche e solidali, favoriscono gli incontri ma anche il benessere e il relax.
Con il contorno dell’elegante atmosfera tra piscina e spiaggia dorata, sotto il sole e la brezza del...

LEGGI TUTTO

In principio fu il matumbo.
Il cibo keniano è quasi sempre “cibo di strada”, nel senso che viene cucinato non solo al...

LEGGI L'EDITORIALE

Pasqua tra relax e piacere a Mayungu. Il Malaika Beach Villas per la sera di sabato 15 aprile organizza una serata speciale con spettacolo di danza giriama con cena a buffet gratuito per gli ospiti del resort e a pagamento per...

LEGGI TUTTO

Questo disgraziato periodo in cui la pandemia da sei mesi a questa parte sembra aver cambiato ...

LEGGI L'ARTICOLO

Tre sere per tutti i gusti per festeggiare il Natale in uno dei locali più coinvolgenti della stagione.
Alla ...

LEGGI L'ARTICOLO

Ultimo dell’anno alle due Osteria di Malindi e primo gran buffet del 2020 all’Osteria Beach. Come da...

LEGGI L'ARTICOLO

Due ore in più di vita, ma soprattutto 18 ore di seguito per poter alzare il gomito al bar.
Questo...

LEGGI L'ARTICOLO

Camion che vanno e vengono, a qualsiasi ora del giorno e della notte, lungo strade sterrate ma allargate e spianate appositamente per farle passare, che segano in due tranquilli villaggi di capanne e di qualche casa in muratura.
Lo scenario...

LEGGI TUTTO

Un'incendio di vastissime proporzioni che per una settimana ha tenuto sotto scacco la...

LEGGI L'ARTICOLO