Ultime notizie

STORIE

Bimbo di 4 anni vaga nello Tsavo per 6 giorni: salvato

Trovato a 15 km da casa, tra felini, iene e sciacalli

09-12-2022 di redazione

Un bambino keniano di soli 4 anni ha vagato per sei giorni e sei notti all’interno del parco nazionale dello Tsavo Est, tra felini, iene e sciacalli, prima di essere miracolosamente salvato da un pilota della David Sheldrik Trust, la fondazione che si occupa di salvaguardare gli animali del parco.
La cosa incredibile è anche che il bimbo, di nome Ayub, è stato trovato a 15 km dal suo villaggio, da cui si era allontanato mentre giocava con i fratelli più grandi che guardavano il bestiame di famiglia, dopo essersi perso ed aver camminato anche sotto la pioggia battente, tra le mille insidie della savana.
E’ lo stesso pilota, Roan Carr-Hartley a raccontare, sul sito della fondazione, l’incredibile ritrovamento del bambino, a cui la comunità del villaggio di Asa ha aggiunto il nome del suo salvatore.
“La sera del 29 novembre, abbiamo ricevuto una telefonata dal capo di Asa, una comunità a 52 chilometri a est del confine settentrionale del parco Tsavo Est. Ci ha riferito che un bambino di quattro anni era scomparso durante una tempesta il giorno prima, mentre era fuori a pascolare il bestiame con i suoi fratelli – ha raccontato Carr-Harley - Quella sera era troppo tardi per avviare una ricerca, ma il mattino seguente sono partito dal quartier generale di Kaluku alle 6:15 circa e ho volato per 70 minuti per raggiungere il villaggio del ragazzo. Mentre ero in volo, una squadra di ricerca di 70 uomini si aggirava nella boscaglia selvaggia alla ricerca del bambino. Il capo mi aveva dato una direzione approssimativa della posizione del gruppo di ricerca. Il gruppo aveva seguito le tracce del bambino fino a un'area a 7 chilometri dal suo villaggio, ma poi le tracce hanno cominciato a diventare illeggibili per via della pioggia”.

Sono seguiti altri cinque giorni di ricerche vane sia per cielo che per terra. Da una parte le forti piogge costituivano un’ulteriore minaccia, dall’altra avrebbero permesso al bimbo di dissetarsi, anche se gli animali della savana costituivano, specie di notte, una terribile minaccia.
Il sesto giorno, il miracolo: “La sera del 3 dicembre, cinque notti dopo la scomparsa del ragazzo, ricevetti un'altra telefonata dal capo. Mi disse che la squadra di terra aveva ritrovato le tracce del bambino a ben 15 chilometri dal suo villaggio. Avevo quasi perso le speranze che il ragazzo fosse ancora vivo, dopo quasi una settimana di forti piogge, senza cibo e con i predatori che si aggiravano nella zona – rivela il pilota della Sheldrick - Tuttavia la fiammella si era riaccesa e io ero incredibilmente desideroso di continuare a cercare”.
Il pilota racconta di come la mattina ha ripreso le ricerche in volo, perdendo però nuovamente le tracce del piccolo e la comunicazione con la squadra di terra. Quando ad un certo punto…
“E’ accaduto un miracolo: dalla mia ala sinistra, ho visto una piccola figura sotto di me, circondata da una massa di arbusti e alberi. Non potevo credere ai miei occhi, ma era lì: un bambino minuscolo circondato da un'infinita natura selvaggia. Ero sconvolto dal fatto che fosse ancora vivo e camminasse…”. Il pilota è riuscito ad atterrare non lontano da lui, il bambino inizialmente ha cercato di nascondersi, ma era debole ed inciampava. Quando è arrivato il gruppo con alcuni adulti del suo villaggio, alla gioia si sono aggiunte le cure: flebo e bevande e curare le ferite da taglio provocate dalla boscaglia e le punture da insetti. Ma tutto è finito nel migliore dei modi. Ayub ha raccontato ai genitori di aver mangiato bacche e bevuto anche dalle pozzanghere.

“Prima di lasciare il ragazzo in buone mani, gli anziani del villaggio si sono riuniti e mi hanno regalato una capretta. È stato un dono molto generoso e significativo, perché le capre di questa zona sono molto ricercate – conclude il suo racconto Roan - Io e la capra siamo tornati a casa in aereo, estremamente soddisfatti e grati. Per il ragazzo, il suo calvario di sei giorni era finalmente giunto al termine. Oggi ho ricevuto un messaggio dai genitori del ragazzo, che mi hanno informato che il figlio si è completamente ripreso e sta giocando con i suoi amici. Hanno anche comunicato di aver aggiunto Roan al suo nome, cosa che mi ha commosso molto. I suoi amici lo hanno soprannominato "Pilota": un modo meraviglioso per commemorare la sua saga di sei giorni!”

TAGS: TsavoSheldrickpilotasalvatosavana

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

La tristezza è grande per gli appassionati di savana che, dopo tanti safari, avevano imparato a riconoscerlo.
Satao II, uno dei pochi elefanti dalle zanne giganti rimasti in Kenya, i "big tuskers" (secondo le stime ce ne sarebbero non più di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Salvato un'altro amico nasuto grazie agli Amici dello Tsavo!
L'avevano segnalata una settimana fa e il nostro portale come sempre aveva trasmesso a tutti l'appello. 
Un'elefantessa all'interno del Parco nazionale dello Tsavo Est, per chi lo conosce tra il punto...

LEGGI TUTTO

Gli Amici dello Tsavo tornano nelle scuole italiane per sensibilizzare i ragazzi riguardo alla tutela degli animali delle riserve africane e per promuovere il lato buono del Continente Nero, quello meno pubblicizzato dai media ma quello più comune e autentico,...

LEGGI TUTTO

La Kibwezi Forest Reserve, istituita nel 1936, è una delle ultime foreste pluviali del Kenya...

LEGGI L'ARTICOLO

Lino Marano, vecchia volpe d'Africa, era commosso come un bambino, quando un elefantino di quattro soli giorni è arrivato allo Tsavo Buffalo Camp, il prestigioso lodge in Savana del Malindi Key Group che lui gestisce.
"Pippi" come è stato ribattezzato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Wide Satao, il mitico elefante di oltre quarant'anni, conosciuto dai rangers, dalle guide esperte e dagli appassionati frequentatori dello Tsavo Est per le sue enormi, incredibili zanne, è stato salvato dalle grinfie dei bracconieri e riportato alla vita, dopo che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chi ama gli animali e la Natura africana non può che piangere la scomparsa dell’angelo custode degli elefanti in Kenya.
Daphne Sheldrick, fondatrice della David Sheldrick Foundation, creata 41 anni fa in memoria del marito, ranger nello Tsavo, è mancata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

“Uscire dal fuoristrada e camminare nello Tsavo è l’ultima cosa che avrebbe dovuto...

LEGGI L'ARTICOLO

Molti hanno potuto avvicinarla con molta cautela per accarezzarla, sotto gli occhi vigili dei collaboratori del centro David Sheldrick di Tsavo.
Qualche anno fa aveva...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Per chi ama l'Africa, la savana e la sua natura, ci sono emozioni ancora più profonde e indelebili della normale estasi dell'osservazione.
Sabato pomeriggio, 7 Febbraio, eravamo soli con la nostra macchina alla pipeline davanti allo Tsavo Lodge ed abbiamo...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Ranger Onorario del KWS.
Un riconoscimento ufficiale, arrivato nei giorni scorsi e pubblicato dalla Gazzetta Ufficiale keniana.
Per Adriano Ghirardello si tratta di un importante riconoscimento arrivato a compendio di tanti anni di attività di assistenza, aiuto e coordinamento con...

LEGGI TUTTO

Vi siete mai imbattuti in una scena in cui un animale della savana chiede aiuto all’uomo?
Forse in un cartone animato di Walt Disney dove può succedere che un cucciolo di impala, solo e impaurito, incontri in una luminosa giornata...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Era uno dei “Super Tusker” dello Tsavo. Anche Lugard, iconico elefante dalle enormi zanne e dal...

LEGGI L'ARTICOLO

L'appello degli Amici dello Tsavo questa volta è per un'elefantessa che ha un grosso problema nel basso ventre. 
E' stata avvistata una settimana fa e da allora non è stata più vista.
Chiunque dovesse notare questo particolare amico, che tra...

LEGGI TUTTO

Il parco nazionale dello Tsavo è stato inserito dal prestigioso quotidiano americano New York Times tra...

LEGGI L'ARTICOLO

E' finalmente operativo il Ponte di ferro che collega il Parco Nazionale dello Tsavo Est con la parte nord della fetta di savana più estesa del Kenya.
Un collegamento che non solo fino ad ora non era possibile, ma che...

LEGGI TUTTO