Ultime notizie

NEWS

Il Kenya blocca commercio di scarti di metallo

Direttiva di Kenyatta contro vandalismi e mafia dello "scrap metal"

21-01-2022 di redazione

Il detto "a mali estremi, estremi rimedi" in Kenya spesso rappresenta l’unica soluzione pratica anche per il Governo. La corruzione è una piaga talmente profonda che nelle sue voragini giacciono abitudini ormai radicate che pescano e approfittano del disagio giovanile, della povertà estrema e del sogno di guadagni facili per sopravvivere nel quotidiano.
Uno di questi business è il commercio di pezzi di metallo di scarto e rottami, il cosiddetto “scrap metal” che in Kenya alimenta un giro d’affari importante e al limite della legalità.
Se con lo sviluppo economico è aumentata in maniera esponenziale la quantità di scarti di metallo, il commercio dei vari materiali è sempre stato definito bonariamente come una sorta di naturale riciclo che permette alle classi meno abbienti di costruire strumenti utili (anche se rudimentali), rappezzare le loro case baracche e via dicendo, anche con inventiva ed intuizioni da applausi.
Ma non ci sono solamente i creativi, la ricerca di “scrap metal” per rivenderlo muove la microcriminalità a sottrarlo da opere pubbliche, come ponti (alcuni crollati recentemente nel paese lo devono anche a questo fenomeno) ed altre infrastrutture.
In più per cercare nelle discariche il metallo, i raccoglitori clandestini spesso danno fuoco a tutto il resto, creando fumi tossici e cancerogeni che inquinano l’ambiente e ammalano le persone.
L’ultima vicenda eclatante è accaduta ad un importante traliccio della Kenya Power, il cui sabotaggio per procurarsi alcuni pezzi della struttura ha causato lo scorso 11 gennaio un blackout
nazionale che si è protratto per alcune ore.
Per quel fattaccio sono stati arrestati ben nove alti funzionari della società nazionale dell’energia elettrica, accusati di aver ignorato la situazione, che era già stata segnalata loro due giorni prima.
Così il Presidente Uhuru Kenyatta ha dichiarato che da oggi la vendita di pezzi di metallo di scarto è vietata in tutto il paese.
“Abbiamo appurato i vandalismi ai danni delle nostre linee di trasmissione elettrica – ha detto Kenyatta - Abbiamo anche visto casi di sabotaggio, come nel caso di Naivasha, dove la gente ha sbullonato alcune delle nostre linee di trasmissione di energia e dei tralicci creando caos e scompiglio. Così da oggi mettiamo in atto una moratoria sull’esportazione, l’acquisto e la vendita di qualsiasi materiale di scarto fino a quando non avremo messo in atto delle linee guida adeguate”.
Non è solo la corruzione o l’indifferenza delle istituzioni ad aver reso la situazione insostenibile, ma i tentacoli di una mafia che in molti hanno paura a portare a galla e denunciare.
“Non dovete permettere che l'intimidazione politica interferisca con il vostro lavoro. Dovete eseguire il vostro mandato senza paura o favore e senza intimidazioni da qualsiasi parte – ha detto il Presidente, rivolgendosi alle forze di polizia e ordinando loro di attivare un giro di vite sul commercio illegale di metallo di scarto nel paese - Questi sono atti di sabotaggio economico che rientrano tra gli atti di tradimento e la legge è molto chiara su come trattiamo gli individui che commettono atti di tradimento”

TAGS: kenya commerciometalli kenyadivieto kenyadiscarica kenyamafia kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Non solo plastica e derivati, la Contea di Kilifi ha chiesto alla massima autorità governativa dell'Ambiente, la NEMA, di intervenire per...

LEGGI L'ARTICOLO

Una perlustrazione in loco da parte dei vertici nazionali della National Environmental...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo 55 anni la città di Mombasa torna a tutti gli effetti ad essere un’isola, collegata ad est...

LEGGI L'ARTICOLO

Un'iniziativa partita due mesi fa da un gruppo di associazioni ambientaliste e turistiche di Malindi e...

LEGGI L'ARTICOLO

E’ arrivata ufficialmente la risposta del Kenya a Dubai, che già da prima di Natale 2021 aveva chiuso...

LEGGI L'ARTICOLO

Tra le categorie disagiate di Malindi che la comunità degli "stakeholders", ovvero i ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Una delle battaglie abbracciate dai cittadini responsabili di Malindi, riuniti sotto la sigla PWAM (Progress Welfare...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Nella ridda di decreti d’emergenza che affollano la Gazzetta Ufficiale del Kenya in questo periodo...

LEGGI L'ARTICOLO

L'Autorità meteorologica della Tanzania (TMA) ha confermato sabato che, dopo un'osservazione di 6...

LEGGI L'ARTICOLO

Saranno i giovani studiosi, creativi, ingegneri o designer a salvare il mondo dal diventare una grande discarica...

LEGGI L'ARTICOLO

Da due anni in Kenya c’è una legge approvata in parlamento che dovrebbe punire chi getta o lascia...

LEGGI L'ARTICOLO

Da tempo a Malindi e Watamu, oltre che sulla strada che collega Mombasa a Lamu, si possono notare insegne, cartelli e indicazioni di edifici pubblici o privati, segnate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

(foto di Paolo Torchio) Dopo il divieto totale dei sacchetti di polietilene, il Ministero dell'Ambiente del Kenya sta pensando seriamente di vietare le bottiglie di plastica su tutto il territorio nazionale per proteggere l'ambiente.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da oggi il libero commercio tra Stati africani non è più solo una teoria ma diventa legge, sottoscritta da 24 Paesi su 54, con...

LEGGI L'ARTICOLO

Non c’è emergenza Covid-19 che tenga (per fortuna), la battaglia per la tutela dell’ambiente del Kenya va...

LEGGI L'ARTICOLO

Proseguono con successo i fine settimana all'insegna della creatività locale, del talento e della commistione tra arte e buona cucina al Baby Marrow di Malindi, in Vasco Da Gama Road.
L'appuntamento di questo sabato era con l'artigiano Francis Chibule di...

LEGGI TUTTO