Ultime notizie

ECCELLENZE

La scottona italiana conquista la high class keniana

L'importatore Miano: "c'è la dipendenza da fiorentina"

10-07-2021 di redazione

Che i keniani vadano pazzi per la carne, è risaputo.
Non è solo l’antica abitudine maasai, che bene o male non si nutrono d’altro, a suggerirlo, ma anche piaceri più moderni legati al “culto” americano dell’hamburger, a quello argentino dell’asado o ai tagli particolari delle varie parti nobili del bovino adulto.
D’altronde il piatto nazionale per eccellenza in Kenya resta la “nyama choma”, ovvero carne alla griglia che solitamente piace ben cotta.
Ma la passione naturale per questo cibo e nutrimento, per la “high class” keniana è diventata anche cultura ed il piacere viene amplificato non solo dalla conoscenza, ma anche dalla possibilità di gustare specialità di carne particolari che a livello locale non si trovano, così come apprezzare l’arte del taglio giusto che non fa parte della cultura nazionale.
Negli anni passati la clientela di ristoranti di Nairobi, Mombasa e Kisumu in particolare ha imparato ad apprezzare ad esempio l’angus scozzese, anche quello allevato “in casa”, nelle alture di Eldoret, nelle farm di Nanyuki e ai piedi del monte Elgon.
Ora finalmente spopola l’ottima carne italiana, grazie all’intuizione dell’importatore e ristoratore Roberto Miano che per primo ha deciso di scommettere sulle nostre eccellenze di allevamento come la fiorentina ed altri tagli scottona.
“Ho capito che i tempi per introdurre in Kenya i nostri tagli migliori e la nostra cultura gastronomica legata alla carne erano maturi – spiega Miano a Malindikenya.net – così ho testato la famosa bistecca alla fiorentina e la scottona nel mio ristorante Roberto’s di Mombasa, frequentato da un’ottima clientela che sa farsi guidare dalle scelte dello chef e si fida della nostra cucina. L’impatto è stato straordinario, tanto che ora abbiamo clienti che arrivano appositamente da fuori per gustare le nostre specialità e la maniera in cui le prepariamo”.
Grazie a questo successo, Roberto Miano ha deciso di importare da una delle più importanti aziende italiane di carni, La Nobile di Borgo a Buggiano, famosa per la sua scottona e per i metodi di allevamento che prevedono un ingrasso decisamente sano che oltre ad influire sulle qualità organolettiche del prodotto, ne esalta sapore, cottura e benefici per la salute.
Una delle eccellenze italiane che tanto può piacere ai keniani non poteva che diventare “cult”, nei suoi diversi tagli (picanha, entecote, reale) specie se abbinata ai nostri fantastici vini rossi, di cui Miano è egualmente importatore.
Ma oltre al nostro Paese, la richiesta di carne speciale ha aperto le porte anche ad altre.
“Sempre pensando all’altissima qualità e sapendo che la fascia alta dei keniani si può permettere anche prezzi fuori dall’ordinario – spiega l’imprenditore lombardo di origini siciliane – ho deciso di puntare anche sullo Wagyu australiano, un bovino di origine giapponese tra i più celebrati al mondo. La regina delle bistecche con l’osso, chiamata “Tomahawk” per la particolare forma del taglio, può arrivare a costare anche 200 euro, ma è un’esperienza sensoriale unica, specialmente per il Kenya. Tanto che alcuni miei clienti mi “maledicono” perché sono diventati dipendenti!”.  

TAGS: carne kenyabistecca kenyacibo kenyaitaliani kenyagastronomia kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Mapango e Lily Palm a Watamu celebrano le ghiottonerie di carne nel nome del più famoso mangione...

LEGGI L'ARTICOLO

La cucina swahili del Kenya, come si sa, è un misto delle culture e dei popoli che sono approdati sulla costa, e dei prodotti del territorio che hanno imparato ad usare. L'esempio è offerto dall'utilizzo del cocco per bollire e...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

La carne degli animali di savana, la cosiddetta "game meat" da sempre costituisce un'attrazione, una leggendaria passione per gli appassionati carnivori che vogliono assaggiare un cibo esotico e allo stesso tempo sentirsi "avventurieri" del gusto. Una tradizione che fino a...

LEGGI TUTTO

Con la consegna di certificati di partecipazione a due scuole di Malindi da parte della Direttrice dell’istituto...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

In principio fu il matumbo.
Il cibo keniano è quasi sempre “cibo di strada”, nel senso che viene cucinato non solo al...

LEGGI L'EDITORIALE

"Muhogo wa Nyama" (carne con cassava) è un piatto tipico della cucina keniana. La cassava è un tubero del tutto simile alla comune manioca, viene usato per fare la farina o come le patate, sia fritta che stufata. Il suo...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Venerdì alla Malindina è sempre tempo di apericena gourmet, a partire dalle ore 19.30 va in...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche il Tangeri Lounge di Malindi decide di venire incontro alle esigenze dei clienti keniani e dei residenti e...

LEGGI L'ARTICOLO

Gli mshakiki sono spiedini di carne, simili come presentazione agli arrosticini della tradizione del centro Italia.
Possono essere di bovino, pollo o capretto e ideale, prima della preparazione, è la frollatura della carne in frigo e la marinatura con olio, sale, pepe...

LEGGI QUI LA RICETTA

Il weekend del Driftwood di Malindi, storico e affascinante club fondato dagli inglesi ma ormai...

LEGGI L'ARTICOLO

In occasione della settimana della cucina italiana nel mondo, che si concluderà domenica 20 novembre, a...

LEGGI E GUARDA LE IMMAGINI

Una serata particolare per chi vuole assaggiare una specialità keniana, il coccodrillo e una new entry molto apprezzata: il capretto al forno.
Animali che arrivano da allevamenti e che è possibile gustare solo in locali che ne sanno esaltare i sapori.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya e la Contea di Kilifi finalmente si muovono con celerità per fronteggiare la più...

LEGGI L'ARTICOLO

Malindikenya.net non è solo il portale degli italiani in Kenya, informazione quotidiana, approfondimenti, notizie...

LEGGI L'ARTICOLO

Il sessanta per cento della carne rossa allevata in Kenya e diretta nei mattatoi del Paese, è altamente contaminata a causa del cibo ingerito dai bovini, specialmente plastica.
Lo rivela un'indagine svolta nei mattatoi di Nairobi e dintorni per conto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Kebab è una parola di origine araba ormai nota in tutto il mondo.
Ma ogni Paese ha la sua ricetta per queste polpette di carne.
Ecco la ricetta della costa swahili, per questo piatto popolarissimo che non manca mai nelle...

LEGGI LA RICETTA