Ultime notizie

NEWS

Pomodori, prezzi alle stelle in Kenya: ecco perché

Da 5 scellini a 25 l'uno, clima e tecnologia tra le cause

19-02-2020 di redazione

Uno degli effetti tangibili dei cambiamenti climatici che hanno riguardato anche il Kenya in questa stagione, con l’eccessiva piovosità dalle grandi precipitazioni di giugno 2019 fino ai temporali sparsi registrati anche in questi primi mesi dell’anno nuovo è l’aumento del prezzo di alcuni prodotti della terra che costituiscono il nutrimento fondamentale della gente comune del Kenya, quindi in gran parte delle persone povere che gravitano al limite della soglia di sopravvivenza quotidiana.
Uno di questi effetti è l’aumento esponenziale del prezzo dei pomodori, che ha raggiunto un livello record in gran parte del paese a causa della bassa produzione a fronte di una domanda elevata.
Da alimento di sussistenza, ideale per creare la base dei sughi di verdura, carne o pesce per il piatto nazionale keniano, l’ugali (polenta di farina di mais con appunto intingoli vari, VEDI LA RICETTA SUL NOSTRO PORTALE) sta diventando anche in Kenya un prodotto pregiato, dopo che la FAO lo ha classificato come la decima risorsa più pregiata e importante al mondo.
Attualmente il suo prezzo ha raggiunto quello delle mele, frutto da sempre ritenuto un lusso all’equatore e spesso d’importazione.
Se fino al 2018 il prezzo medio di un pomodoro era di 5 scellini kenioti, oggi arriva anche a Kes. 25.
L'aumento dei prezzi è stato attribuito alla scarsa produzione dovuta alle forti piogge che hanno colpito le zone di coltivazione.
Si stima che oltre l'80% dei pomodori prodotti in Kenya provenga da campi aperti che risentono di condizioni climatiche irregolari.
In realtà quando le condizioni meterologiche sono ideali, i coltivatori keniani tendono a produrre in sovrabbondanza, ma non utilizzando tecnologie moderne di raccolta e di conservazione, la sovrapproduzione può portare a sprechi incredibili, perché quando sopraggiungono le piogge, le coltivazioni sono attaccate da malattie batteriche e fungine che possono far marcire i frutti.
Tutto questo aumenta i costi di produzione perché gli agricoltori devono investire di più in prodotti chimici per controllare malattie come la peronospora precoce e la peronospora tardiva.
L’investimento che una parte dei coltivatori sta attuando per far fronte al problema è la coltivazione in serra, come avviene quasi dappertutto ormai nel mondo Occidentale. In questo caso, al coperto, si può coltivare quando e come si vuole. Che piova o meno, che faccia troppo freddo o troppo caldo, non ci saranno cali di produzione né rischi di rimanenze eccessive: gli agricoltori possono approfittare delle condizioni meteorologiche prevalenti e adeguare i prezzi in base alla situazione, rimanendo competitivi sul mercato e in linea con le richieste. In caso di pioggia, i pomodori in campo aperto sono soggetti a parassiti e malattie. In alcuni casi, gli agricoltori possono perdere fino al 100% della produzione. In serra, queste perdite sono ridotte al minimo grazie alle favorevoli condizioni di coltivazione che offre. Chiaramente non tutti i coltivatori keniani si possono permettere di costruire e gestire serre moderne, con adeguata ventilazione ed irrigazione.
Il Ministero dell’Agricoltura keniana sta offrendo opportunità alle piccole e medie imprese, come quelle di finanziamenti per investire in tecnologie minimali ed economiche per trasformare i pomodori in concentrato, ad esempio, o produrre le conserve.
In questo modo, però, si possono riabbassare i prezzi di vendita ma allo stesso tempo aumentano i costi di produzione, senza contare quelli del trasporto, a causa dei continui rincari del carburante. Quindi fatalmente il pomodoro non sarà mai più un alimento “povero “ per i keniani e anche nel piatto di ugali delle famiglie bisognose il verde prevale nei condimenti al rosso.
Nel frattempo, il Dipartimento Meteorologico del Kenya ha detto che le piogge continueranno in alcune parti del paese fino a fine febbraio, colpendo così le colture a bassa piovosità come i pomodori. Oltre ai pomodori, le piogge irregolari hanno colpito anche prodotti deperibili come le patate, che hanno iniziato a marcire nelle fattorie a causa della troppa acqua. Questo a sua volta ha influenzato l'offerta e ha spinto i prezzi al rialzo. Ma c'è la speranza che i prezzi si stabilizzino nelle prossime settimane con la diminuzione delle piogge.

TAGS: pomodori kenyacoltivazioni kenyaprezzi kenyaclima kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

In Kenya le patate sono particolarmente gustose.
La popolazione locale le adora fritte, tanto che sono il contorno ideale del piatto nazionale, la "nyama choma" (carne alla griglia quasi abbrustolita).
Ma vi sono molti altri modi di cucinarle.
Una delle...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Uno studio di fattibilità condotto dall'Organizzazione per la ricerca agricola del Kenya (Kalro) e dal...

LEGGI L'ARTICOLO

Il mio cuore batte all'impazzata quando sono immerso nella natura del Kenya.
Mi faccio cullare dal vento sul mare e metto la testa in su come un bambino.
Guardo le palme che ondeggiano, che si ritagliano uno spazio tra il...

LEGGI TUTTO

Gamberi masala al cocco.
Ecco una classica ricetta che dal sud dell’India è arrivata alla costa swahili più di cento anni fa ed è oggi un piatto consumato anche dalla popolazione locale, e spesso nei chioschi del lungomare di Malindi...

LEGGI LA RICETTA

Il riso saltato al mango e anacardi è una specialità che gli indiani emigrati in Kenya nel secolo scorso hanno portato nella cucina della costa.
Abitudine favorita...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Un vento fortissimo e un veloce tornado che passa rasente alla terra rossa d’argilla e alle coltivazioni, scoperchia i...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

La zuppa di granchio con il ginger è un piatto tradizionale dell'arcipelago di Lamu.
La popolazione locale, specialmente nell'isola di Pate, è solita consumare questa pietanza accompagnandola con riso al cocco o chapati.
Ecco la ricetta originale rielaborata da malindikenya.netLEGGI TUTTA LA RICETTA

RICETTE

Kachumbari

Insalata mista keniana

di redazione

Il Kachumbari è la classica insalata keniana di accompagnamento ai piatti, non solo alle carni o al pesce, ma anche al riso pilao o all'ugali.
Nella versione "povera" appaiono soltanto pomodoro e cipolla, condite con limone. In quelle più ricche...

LEGGI QUI LA RICETTA

L'Africa ora buffa, ora minacciosa, ora triste, ora incomprensibile, è sempre stata autentica, irripetibile, sé stessa.
L'Africa ha un suo stile, un suo clima, una sua individualità che attirano, incatenano, affascinano.
E anche dopo anni e anni non si riesce...

Il chutney è una tipica salsa agrodolce inglese che viene fatta con la frutta o con i pomodori verdi. E' ottima come salsa per insaporire cibi di carne e di pesce.
I britannici la portarono in Kenya durante il colonialismo e...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Dopo Nairobi, Mombasa e Kisumu, anche Malindi e Watamu possono beneficiare della app per i taxi low-cost Uber, che ha ormai preso piede anche nel Continente africano.
Dopo ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un'antica leggenda swahili racconta che prima dell'arrivo dei portoghesi, gli indigeni della costa keniana non mangiassero l'avocado ma ne utilizzassero solamente l'olio, perché non lo consideravano né frutta né verdura.
Quando i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Confermato  anche questa settimana il Grand Buffet del giovedì del Kiwi People di Malindi, il bar ristorante del mitico Eugenio in Lamu Road.
Con il sottofondo della musica italiana ed internazionale del "one man band" Filippo, giovedì 24 agosto sangria gratis...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche sulla costa del Kenya arriva il business del cosiddetto "oro verde".
Parliamo del bambù e della sua coltivazione per scopi commerciali.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si prevede una prossima stagione con molte più possibilità di voli sul Kenya, anche diretti o ...

LEGGI L'ARTICOLO

Già pronti 30 milioni di euro da parte di investitori nazionali e stranieri per lanciare progetti industriali nella Contea di Kilifi.
Lo ha annunciato il Governatore Amason Kingi a margine del convegno di Kilifi sull'economia e gli investimenti nella contea...

LEGGI TUTTO