Ultime notizie

CIBO E NATURA

Si estinguono le termiti, leccornia e nutrimento dei keniani

Durante le piogge si vendevano fritte nei mercati

07-06-2021 di Freddie del Curatolo

Questa settimana malindikenya.net, attraverso la seconda delle simpatiche parodie del canale di Tele Esule, ha acceso i riflettori sul cibo di strada e sulle abitudini gastronomiche popolari che cercano di far collimare la mera sopravvivenza ai piaceri del palato.
ASCOLTA QUI IL BRANO E COMMENTALO SOTTO IL VIDEO DI YOUTUBE PER PARTECIPARE AL NOSTRO CONCORSO A PREMI
Oggi ci occupiamo ad esempio di un cibo di sostentamento che nelle regioni nord occidentali del Paese è una consuetudine durante la stagione delle piogge, cucinato nelle famiglie e fritto nei chioschi in strada. Una leccornia per i ragazzi e un apporto proteico importante per bambini, studenti e per chi lavora.
A Bungoma e dintorni le chiamano “chiswa” e solitamente le si trova nei mercati, nei luoghi di ritrovo oltre che in molte case private come complemento al pranzo. Grossi mucchi di “chiswa” nei catini che venivano vendute a tazze, al prezzo medio di 50 scellini a tazza.
Si tratta nientemeno che delle termiti.
In questo periodo donne e ragazzi sono soliti catturarne a migliaia nei campi, allestendo rudimentali tende appoggiate su bastoni per intrappolarle. La tecnica è semplice: le tende, coperte con teli scuri, creano buio e senso di soffocamento alle termiti, che in massa tendono ad uscire e trovano un buco foderato in cui scivolano e vengono imprigionate.
Le termiti vengono poi essiccate al sole o direttamente fritte, e di solito vengono mangiate come accompagnamento all'ugali. Ce ne sono di vari tipi e gli appassionati lo sanno: i chinunda sono marronicini chiaro, i kanabuli sono violacei e si trovano al calar della sera, i chinome sono neri e prelibati, ma più rari. Ma attenzione ai khamakhubwe, che sono dei kanabuli tardivi ma tradizionalmente non sono commestibili.
In ogni caso oggi, nella terra malata e contaminata, non si trovano più nemmeno loro.
Secondo gli ambientalisti locali, più che il cambio climatico, sono i nuovi prodotti chimici spruzzati nelle coltivazioni, specialmente quelle della canna da zucchero, ad aver fatto sparire questa prelibatezza nutriente. Ora la gente del posto, abituata a questo tipo di alimentazione nella stagione delle piogge, deve fare più di duecento chilometri per procurarsele ed il prezzo è lievitato a 200 scellini.
L’anziano capo di una comunità rurale appena fuori Bungoma, racconta che le termiti sono un’importante risorsa tradizionale dei luoghi in cui è nato e vissuto.
“Mia nonna diceva che queste termiti erano nutrienti e medicinali e che non ci saremmo ammalati se le avessimo mangiate – spiega - E a noi piacevano molto e ci piaceva assistere alla cattura di questa prelibatezza. Ma purtroppo non è più così”.
Aldilà del ribrezzo che queste abitudini possono suscitare all’uomo occidentale, dotato di sensori delle papille gustative completamente diversi e convinto da sempre che i sofficini findus o le camille del Mulino Bianco siano state più salutari e coadiuvanti per la sua crescita, è universalmente accertato che gli insetti sono una risorsa fondamentale per le popolazioni povere ma potrebbero diventarlo anche per Paesi in cui alcune risorse della natura iniziassero a scarseggiare.
La stessa FAO, l’Organizzazione mondiale dell’ONU per l’alimentazione e l’agricoltura, ha stimato che quasi 3 miliardi di persone sul pianeta mangino vari tipi di insetti (soprattutto cavallette) e ha invitato ancora più persone a cibarsene e le popolazioni con differenti abitudini alimentari a considerare questa risorsa praticamente gratuita. Le termiti occupano il secondo posto negli insetti che diventano cibo.
“Gli insetti sono ancora visti come parassiti da una grande maggioranza di persone, nonostante la crescente letteratura che indica il loro prezioso ruolo nella dieta di uomini e animali” si legge in un rapporto FAO del 2013.

TAGS: insetti kenyastreet food kenyatermiti kenyacibo kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Proseguiamo il nostro viaggio nello "street food" del Kenya.
Questa volta...

LEGGI LA RICETTA

Tra i servizi importanti di Malindi che non chiudono per ferie, c'è da segnalare quello per i...

LEGGI L'ARTICOLO

Avete mai sentito parlare della Zucca di Lare?
E dell'ortica della foresta di Mau?
Del pollo e del capretto di Molo, del sale rosso del fiume Nzoia, il miele di Ogiek e lo yogurt del West Pokot fatto con la...

LEGGI TUTTO

La piattaforma digitale "Malindians.com", creata da un gruppo di giovani malindini che hanno a ...

LEGGI L'ARTICOLO

Un'esplosione nei pressi di un fast-food e di un cinema, in una zona molto frequentato ai margini del CBD, la zona centrale di Nairobi.
L'ordigno...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un nuovo sciame infinito di locuste del deserto minacciano il Kenya, ma questa volta si sono spinte...

LEGGI L'ARTICOLO

Sabato 19 ottobre nell’area pubblica dell’ex Sinbad Hotel di Malindi, di fianco al Casinò (dove...

LEGGI L'ARTICOLO

Un nuovo negozio a Malindi per gli amici a quattro zampe a Malindi.
Al Vera Cruz Complex in Lamu Road (di fronte al Malindi Complex) ha aperto "Cat & Dog Food", un rivenditore autorizzato "Skinner’s", leader inglese nella produzione di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le patate impastellate con aroma di limone e anima di peperoncino sono una delle delizie dello street food della costa keniana.
Si chiamano "Viazi Karai" e vengono vendute ad ogni angolo di strada, fritte al volo negli wok sistemati in...

LEGGI LA RICETTA

Negli ultimi anni il turismo gastronomico è cresciuto in maniera considerevole in tutto il mondo.
Lo si...

LEGGI L'ARTICOLO

Metti un barman professionista nell'oasi più esclusiva di Watamu, due bicchieri su un tavolino che si affaccia nella baia sull'oceano dai colori mozzafiato.
Se poi sta per arrivare il tramonto, dopo una giornata di mare, sole ed allegria, il cocktail...

LEGGI TUTTO

Malindi, come annunciato da malindikenya.net la scorsa settimana...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ogni città di mare che si rispetti ha la sua strada panoramica, solitamente contornata da giardini, panchine ed ...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono già partiti i lavori di pedonalizzazione della prima strada del centro di Malindi.
L'iniziativa, finanziata ...

LEGGI L'ARTICOLO

La rassegna del Cibo e della Cultura italiana a Nairobi non poteva avere sede migliore dello storico hotel Sarova Stanley nel centro della capitale keniana.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA FOTOGALLERY

Secondo appuntamento con il Festival di Sardegna 2, l’invenzione canoro-cabarettistica di Freddie e Sbringo, nella...

LEGGI L'ARTICOLO