Storie

STORIE

Elsie, a 9 anni sulla cima del Kilimanjaro

Il diario dell'impresa della più giovane alpinista africana

27-10-2021 di Freddie del Curatolo

A nove anni, la keniana Elsie Akeyo è la più giovane alpinista africana ad aver scalato il Kilimanjaro fino ad Uhuru Peak, la vetta più alta del continente con i suoi 5895 metri di altezza.
Il 7 ottobre scorso la piccola Elsie, con il fratello Darwin, undici anni e la madre Rachel, quarantacinquenne da sempre appassionata di alpinismo, hanno intrapreso la spedizione insieme al professor Stanley Mwangi, medico di 67 anni, e all’esperto settantaquattrenne Geoffrey Kimachia, che però si è arreso all’ultimo passaggio per arrivare in vetta. Con loro, ovviamente le guide e i portatori maasai.
Elsie, che già lo scorso dicembre con il Rotary Club di Ngong aveva scalato il Monte Kenya, fino alla storica vetta di Lenana Point, piantando la sua giovanissima bandiera sulla cima più alta del suo paese d’origine, legando la sua impresa ad una lodevole iniziativa per salvare le foreste nazionali, ha voluto cimentarsi con il gigante tanzaniano ed è riuscita ad arrivare fino in fondo, dopo cinque giorni di temperature raggelanti, percorsi impervi e nausea da altitudine.
Elsie ha raccontato al quotidiano Daily Nation che la passione per l’escursionismo è nato in lei e suo fratello come “scaccianoia” durante la chiusura delle scuole per la pandemia.
Da qui l’idea della scalata del Monte Kenya, trovata piuttosto facile, e la preparazione di quasi un anno per l’impresa più difficile. Sono due le bambine più piccole di Elsie ad essere arrivate a Uhuru Peak in passato, entrambe statunitensi: Montannah (nomen omen) Kenney di Austin, Texas aveva 7 anni quando nel 2018 realizzò l’impresa, battendo il record della connazionale Roxy Getter che aveva scalato la “casa degli dei africani” un anno prima.
La giovane keniana ha raccontato la sua esperienza in un accuratissimo diario, correlato da foto che hanno riempito i social.
Nel racconto appaiono il grande entusiasmo ma anche le tante difficoltà incontrate durante la scalata. Dal sacco a pelo che non la scaldava a sufficienza la notte, al vomito più volte per l’altitudine, una volta passati i quattromila metri d’altitudine.
Ma anche momenti memorabili, che la ragazzina porterà dentro tutta la vita: “Dormire completamente immersa nella natura – racconta Elsie nel diario – e il piacere del momento della cena con le storie degli anziani, che mi hanno fatto ridere molto. Ho avuto momenti di grande stanchezza, non riuscivo a mangiare la mattina, ma poi i problemi venivano messi in secondo piano dall’incredibile paesaggio, il verde altopiano del Kilimanjaro da cui si gode di una vista fantastica”.
Per tre volte le guide hanno chiesto ad Elsie se se la sentisse di proseguire, ma la determinazione della piccola escursionista ha sempre vinto e ha anche rifiutato di farsi portare in spalla quando sembrava arrivata ad uno stato di debolezza estrema.
“Da 4600 metri in poi – racconta Elsie nel suo diario – eravamo tutti impazienti, nessuno pensava di arrendersi. Abbiamo scattato foto, mangiato con appetito ma poi ci siamo dovuti riparare nella tenda perché soffiava un vento fortissimo. Da lì in poi, notavo l’espressione stupita degli adulti che mi incrociavano nel percorso. Non riuscivano a capacitarsi di come una bimba avesse potuto arrivare così in alto”.
I due fratelli il 5 e il 6 ottobre hanno affrontato poi il percorso più duro, dalle tre o quattro ore di un ripido e pietroso sentiero, con la tenda piantata su una parete così inclinata che la notte non si riusciva a dormire senza scivolare continuamente.
Il penultimo giorno Elsie sperimenta il gelo di arrivare sopra le nuvole ed ormai è solo l’adrenalina a tenerla in piedi.
“Ero stanca, senza appetito, ma determinata ad andare fino alla fine. Ora dovevo evocare tutte le mie energie per la notte, per la vetta – scrive nel suo diario.
La scalata finale è iniziata infatti a mezzanotte, con borracce di té nero e qualche snack.
“Avevo sonno ma dovevo andare. Siamo partiti tutti insieme ma ho iniziato a sentirmi stanca. Mi faceva male lo stomaco e mi hanno detto di bere acqua. Avevano portato dell'acqua calda per me.
Il mal di stomaco peggiorava di minuto in minuto. La mia squadra mi ha suggerito di mangiare del cioccolato. Ho rifiutato. Mi hanno costretto a prendere una bevanda energetica. Ho provato a prenderla, ma questo mi ha fatto vomitare praticamente tutto quello che avevo nello stomaco. A quel punto, non avevo ancora fatto uno dei cinque chilometri della camminata e vedevo davanti a me un percorso ancora più ripido, ma dopo essermi liberata stavo meglio e, nonostante un freddo tremendo, la speranza si è fatta largo e ho preso ritmo. Poi abbiamo trovato un posto per riposarci e ho visto l’orizzonte più alto d’Africa diventare d’oro: l’alba!
Ho bevuto un po' d'acqua e la vista del sole mentre mi riposavo era talmente bella che mi sono temporaneamente dimenticata di essere stanca, mentre mi godevo il primo calore del sole”.
Poco dopo inizierà l’ultima salita, le ultime 4 ore con un drammatico stop a Stella Point, 140 metri da Uhuru Peak, dove le condizioni di salute del “senior” della spedizione si aggravano.
“Ho iniziato a camminare lentamente, facendo delle pause tra un passo e l'altro per riposare. La guida mi ha chiesto se volevo essere trasportata. Ho detto di no; ce la devo fare da sola. Mamma è rimasta con me. Le ho detto di camminare lentamente ma senza fermarsi; in modo che io potessi seguirla. Ci sono stati momenti in cui avevo voglia di rinunciare, ma la mia determinazione era ancora alta. Mi è stato chiesto se volevo tornare indietro con mio fratello. Risposi: "Assolutamente no". Mentre ci avvicinavamo alla vetta ho visto alpinisti riportati giù in condizioni non buone: uno sembrava ubriaco, un’altra era stata messa sotto ossigeno. Ma l’eccitazione sulla cima fu travolgente”.
Nel diario di Elsie sono appuntati con precisione tutti i passaggi dell’impresa storica che racconta non solo quanta gioia e energia possa dare una sfida, ma quanto la bellezza della natura possa entrare nell’anima così profondamente da spingerti oltre l’ovvio, l’abitudine, il conosciuto.
Una medicina di cui tutti stiamo dimenticando i benefici effetti e di cui le nuove generazioni hanno tremendamente bisogno. Anche senza escursioni estreme, chiaramente.

TAGS: kilimanjaroalpinista kenyaescursione kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Brucia la più alta montagna d’Africa, il Kilimanjaro è in fiamme da 16 ore per cause...

LEGGI L'ARTICOLO

Il parco del Lago Jipe, al confine tra Kenya e Tanzania, ma raggiungibile anche dalla strada oggi asfaltata che porta da Voi a Taveta, è...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Governo tanzaniano ha dato il via libera alla Tanzania National Parks Authority per la gara d’appalto...

LEGGI L'ARTICOLO

Ci sono diari di viaggio che si leggono come atlanti geografici, altri noiosi come filmini delle vacanze altrui. Ci sono romanzi a tappe travestiti da manuali intergalattici per autostoppisti ma che in realtà sono autobiografie belle, buone e utili a...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Pochi conoscono il lago Chala.
Situato per metà in Kenya e per l'altra metà in Tanzania, sotto il Kilimanjaro, tra la cittadina di Taveta e quella di Loitokitok, il Chala è un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Era una guida esperta e un imprenditore di safari molto conosciuto in tutto il Kenya, Robert ...

LEGGI L'ARTICOLO

Insieme al turismo, si riapre anche la stagione dell'arte e della cultura a Malindi e riapre i...

LEGGI L'ARTICOLO

Una eco-isola al largo di Mayungu, per trasformare la cosiddetta Sardegna 2 in una "Dubai 2".
L'ambizioso progetto è stato presentato ieri all'Università keniota di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Kenya sul podio dei paesi africani per quanto riguarda le prenotazioni per le vacanze estive.
La statistica, pubblicata dal sito Allafrica.com, pone il Kenya in un'assoluta posizione di ripresa, superando quest'anno anche il Sudafrica e il Marocco, in quanto a...

LEGGI TUTTO

Il viaggio di nozze in Kenya a coronamento di una storia d’amore, l’escursione sognata e...

LEGGI L'ARTICOLO

Per pochi secondi la terra ha tremato in Kenya, verso le 19.20 di domenica sera.
L'epicentro del...

LEGGI L'ARTICOLO

Una cosa del genere in tutto l'Oceano Indiano d'Africa non si è ancora vista. 
L'ambizioso progetto della Contea di Kilifi riguardante il lungomare di Malindi e la sua completa riqualificazione, prevede anche la costruzione di un ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiude giovedì sera, 11 gennaio, al Baby Marrow Art Restaurant di Malindi, la fortunata rassegna di racconti, canzoni, poesia e musica "Io conosco il canto dell'Africa", ideata da Freddie del Curatolo con la collaborazione artistica di Marco Bigi.
L'ultima delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il bilancio della tragedia del parco nazionale di Hell's Gate a Naivasha in Kenya è purtroppo terribile...

LEGGI L'ARTICOLO

Si chiama "Worldreader", ed è un'associazione no-profit che si è presa il compito di creare biblioteche telematiche per invitare alla lettura specialmente le nuove generazioni dei Paesi in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Siamo giunti alla quinta delle dodici puntate delle “Lezioni...

GUARDA IL VIDEO