Ambiente

NATURA

Ecco di nuovo i fenicotteri sul lago Bogoria

Migrazione in ritardo per via del clima

19-08-2021 di Leni Frau

È uno spettacolo mozzafiato. I colori rosa, rosso e bianco galleggiano meravigliosamente sull'acqua, a perdita d'occhio.
In questi giorni, nonostante un clima più freddo rispetto agli scorsi anni, si sta verificando il ritorno dei fenicotteri sul lago Bogoria.
Potrebbero essere più di 500 mila gli esemplari che si stagliano su uno dei laghi salini della Rift Valley, ecosistema che ha pochi eguali in Africa.
I giovani fenicotteri non hanno ancora cambiato colore, sono ancora bianchissimi, scivolano con grazia sull'acqua bassa vicino alle rive, mentre gli adulti osservano a distanza in punti più profondi.
Provengono in buona parte dal lago Natron, in Tanzania dopo una stagione di nidificazione. Amano la vegetazione del lago salino, specialmente le alghe di cui sono ghiotti.
Purtroppo, come avviene per la grande migrazione degli gnu nel Masai Mara, sono pochi i turisti internazionali che hanno la fortuna di assistere a questo evento che è uno spettacolo scenografico incredibile. Il rosa invade il campo, tra soffi di geyser del lago ed altre 300 specie di uccelli tra cui esemplari davvero rari.
Fine luglio e inizio agosto è il periodo classico dell’arrivo dei fenicotteri, ma quest’anno proprio per via delle temperature più fredde del solito si sono fatti vedere solo adesso.
Pur vivendo fino a 40 anni circa, questi uccelli migratori si riproducono solo ogni cinque o sei anni e spesso attendono per mesi il momento migliore, prima di spostarsi in altri habitat dove nutrirsi e “rilassarsi”. Uno di questi ambienti è proprio il lago keniano.
Come altri laghi della Rift Valley, anche il lago Bogoria ha sperimentato un aumento dei livelli d'acqua che comunque, fortunatamente, non ha influito sulla sua salinità e sull’appetibilità per gli uccelli migratori.
L'unica vero problema, semmai, consiste nel prosciugamento dell'affluente principale, il fiume Weseges, durante la stagione secca.
In ogni caso, il Bogoria è uno dei bacini che stanno risentendo meno dei problemi legati al clima e all’eccessiva urbanizzazione, rispetto al lago Nakuru, a Magadi ed Elmentaita.

TAGS: fenicotteri kenyalago bogorianatura kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

La mancanza del turismo in Kenya fortunatamente non fa solo danni, specialmente...

LEGGI L'ARTICOLO

Da anni non si vedeva una migrazione del genere, nelle ultime due settimane sono diverse migliaia i fenicotteri volati e atterrati sul bacino del Lago Bogoria, nella rift valley del Kenya. Uno spettacolo incredibile che visto dall'alto è sicuramente tra le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nel nord del Kenya si trovano gioielli di bellezza incredibile che appaiono come oasi nel mezzo...

LEGGI L'ARTICOLO

Chi si arricchisce con l’ecosistema del lago Bogoria?
In questi giorni un’interrogazione del Governo punta a fare chiarezza sull’esportazione di enzimi estratti dal lago Bogoria, a nord di Nairobi, da parte di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nel dialetto dei Luo significa “il villaggio affondato”, il “Simi Nyaima” è un piccolo meraviglioso lago ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Parco Nazionale del lago Nakuru è praticamente morto, fauna e flora versano in condizioni terminali.
A ...

LEGGI L'ARTICOLO

Situato tra i laghi Naivasha e Nakuru, per quanto piccolo, il lago Elmenteita (conosciuto anche come...

LEGGI L'ARTICOLO

Due giorni fa abbiamo pubblicato uno sfogo importante arrivato direttamente dal Ministro del Turismo del ...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono 64 i parchi e le riserve nazionali del Kenya, che è il Paese del mondo con la più ampia varietà di specie animali in libertà.
Anche la vegetazione varia da parco a parco e con essa il microclima e...

LEGGI TUTTO

In questo periodo d’altre priorità o presunte tali, ci sono situazioni ambientali in Kenya i ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il parco del Lago Jipe, al confine tra Kenya e Tanzania, ma raggiungibile anche dalla strada oggi asfaltata che porta da Voi a Taveta, è...

LEGGI L'ARTICOLO

E’ uno dei beni preziosi di Malindi e dell’intera costa keniana, e sicuramente tra i più ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Pochi conoscono il lago Chala.
Situato per metà in Kenya e per l'altra metà in Tanzania, sotto il Kilimanjaro, tra la cittadina di Taveta e quella di Loitokitok, il Chala è un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quando diciamo che il Kenya è uno dei Paesi simbolo dell’Africa perché ha, racchiusa nel suo territorio, ...

LEGGI L'ARTICOLO

E' andata in onda domenica scorsa su Rete 4 la seconda puntata del docu-reportage "Donnavventura" dedicata al Kenya.
Protagoniste della puntata, insieme ovviamente alle bellissime aspiranti videoblogger di viaggi ed avventura, sono...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una voce per ogni lettera dell'alfabeto non basta di certo per contenere tutte le meraviglie e le...

LEGGI L'ARTICOLO