Ambiente

PIANTE

Msufi, le virtù del kapok dell'Est Africa

Dai frutti si ricava una fibra tra le più leggere al mondo

03-08-2021 di Leni Frau

Il Rhodognaphalon Schumannianum o Bombax dell'Africa orientale o ancora Kapok selvatico, è una specie autoctona di pianta da fiore della famiglia delle Malvaceae che si trova nella fascia costiera dell’Africa dell’Est, dal Kenya sud-orientale attraverso le foreste della Tanzania fino al Mozambico settentrionale e al Malawi.
Il Msufi, suo nome in swahili, è una pianta decidua o cadufoglie, ovvero le sue foglie cadono durante la stagione sfavorevole, con una chioma media e un’altezza invece notevole, può crescere infatti fino a 50 metri. Il suo tronco dritto e cilindrico può essere privo di rami fino oltre la metá della sua altezza, è caratterizzato da una corteccia grigio-verde e liscia, a differenza dei Bombax Ceiba, con un diametro di oltre un metro. Altra particolaritá di questa pianta, soprattutto degli esemplari piú vecchi, sono le sue contrafforti basali, ovvero queste strane sporgenze nella parte bassa del fusto che costituiscono il raccordo tra il tronco appunto e le grosse radici, che lo rendono quasi deforme.
L'albero fiorisce prima dell'inizio delle piogge; a seconda della specie, i fiori possono essere rosso, rosa, bianco o giallo, solitari o in “mazzetti”.Il loro profumo non é eccezionale ed é destinato ad attrarre i pipistrelli che li impollinano. I frutti di questa pianta sono davvero particolari: sono delle capsule legnose, lunghe circa 15cm, di colore verde quando ancora acerbi e marroni quando sono maturi, che contengono semi, grandi come granelli di pepe, circondati e protetti da una massa lanosa di fibra, costituita da lignina e cellulosa, denominata “lana vegetale” che fuoriesce dal lungo baccello quando si schiude.
La fibra del Kapok è considerata molto preziosa perché totalmente biologica in quanto cresce spontaneamente in natura. I filamenti che coprono i semi sono utilizzati per imbottire materassi, cuscini e divani e, visto che galleggia ed è resistente all’acqua, è usata anche per dispositivi di galleggiamento. Si tratta di una sostanza setosa simile al cotone ma essendo molto debole non puo’ essere filata. E' considerata la fibra naturale più leggera al mondo.
Il legname è usato principalmente nella produzione di compensato, ma anche per fare scatole e casse o per la falegnameria leggera, tradizionalmente, interi tronchi venivano scavati come canoe.  Non è un buon legno da combustibile perché brucia soltanto, ma può essere usato per fumigare le capanne o i vestiti. La cenere del legno è usata come sale da cucina e per fare il sapone. La corteccia è usata per costruire pareti e porte di capanne e produce una gomma e una tintura marrone rossastra mentre la corteccia interna produce una fibra che viene utilizzata per la fabbricazione di corde.
Diversi sono gli usi medicinali della pianta: le radici vengono usate per trattare l’asma e la tosse, la corteccia é una medicina tradizionale utilizzata per il trattamento della diarrea e della malaria, la fibra viene usata per pulire le ferite e l'olio che si ottiene dai semi viene sfregato per il trattamento dei reumatismi e applicato per guarire le ferite.
Si tratta di un albero incredibilmente utile anche se spesso sottoutilizzato, tranne dai vecchi dei villaggi che, considerandolo sacro, lo scelgono ancora oggi come albero sotto il quale riunirsi per prendere le decisioni piú importanti.

TAGS: piante kenyaalberi kenyafibre kenyamsufi kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Sarà la più importante azienda cinese di connettività a dare internet veloce tramite fibre ottiche a tutto il Kenya.
L'accordo è stato siglato da

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya ha deciso di piantare 20 milioni di nuovi alberi per contrastare il fenomeno della deforestazione.
Il patrimonio forestale del Paese ha subito gravi danni, soprattutto dal 1970 al 1990, principalmente per via della produzione di legname...

LEGGI TUTTO

Lavori in corso a Malindi.
Sono quelli già annunciati nei giorni scorsi sul nostro portale, e...

GUARDA LA FOTO GALLERY

Il Ministero dell'Ambiente del Kenya ha proibito, con termine ultimo il prossimo 31 marzo, l'utilizzo, la vendita e l'importazione dei sacchetti di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Da tempo a Malindi e Watamu, oltre che sulla strada che collega Mombasa a Lamu, si possono notare insegne, cartelli e indicazioni di edifici pubblici o privati, segnate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un'incendio di vastissime proporzioni che per una settimana ha tenuto sotto scacco la...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Parco Nazionale del lago Nakuru è praticamente morto, fauna e flora versano in condizioni terminali.
A ...

LEGGI L'ARTICOLO

Lo chiamano il “paradiso di Tarzan”.
Le azzurre piscine formate...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo Kilifi e Watamu, arrivano anche a Malindi i cavi delle fibre ottiche per la connessione superveloce a internet di tutte le compagnie. 
Ieri mattina gli operai della società "Faiba" erano al lavoro, scavando a partire dall'ufficio della Orange, di...

LEGGI TUTTO

Il mondo inizia a scoprire le incredibili proprietà dell'albero africano per eccellenza, il baobab.
La pianta dei ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Contea di Kilifi torna a scommettere sugli anacardi.
Uno dei prodotti di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono voci lontane, voci che il vento ci soffia addosso come da un altro tempo, da un'altra vita.
Suoni di un mondo rassicurante fatto di cacce alla scimmia,
capanne di foglie, raccolte di miele sugli alberi
e denti limati per...

Dolce, fresco e dissetante l’ananas del Kenya è uno dei frutti più amati non solo in questo Paese.
Frutto tipico della costa, ma coltivato anche nella Rift Valley e intorno a Nairobi (quello di Thika è particolarmente famoso), l'Ananas (o ananasso, in...

LEGGI TUTTO

Nonostante la pandemia, in Kenya i guadagni delle esportazioni di sisal sono balzati del sei per cento...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Canto del Kenya di oggi è un canto di speranza e potete ascoltarlo dentro un miracoloso polmone...

LA PANCHINA DI WANGARI - LEGGI LA STRISCIA QUOTIDIANA DEL DIRETTORE