Editoriali

ASPETTATIVE

Il 2024 del Kenya, tra economia, speranze e 'reincarnazione'

La crisi, i debiti, gli occhi puntati del mondo e la grande attrattività

02-01-2024 di Freddie del Curatolo

Il 2023 per il Kenya, sul palcoscenico internazionale, ha registrato due segnali diametralmente opposti ma anche in linea con quello che può essere considerato il pre-ingresso nei paesi ricchi del globo.
Ricchi e molto indebitati, quindi.
Ricchi come può esserlo già un Brasile, un’India o un Sudafrica, quindi zeppi di risorse e carenti dal punto di vista sociale, sanitario eccetera.

Il primo segnale è l’interesse crescente delle potenze del G20 per Nairobi e dintorni, certificate dall’importante ruolo del presidente Ruto nei vertici internazionali che si sono succeduti e l’ingresso, da lui guidato, dei paesi dell’Unione Africana (tranne appunto il Sudafrica che già c’era) come membro aggiuntivo del Gotha dei 20 paesi industrializzati.

Facendo una metafora calcistica, il Kenya che è ormai da qualche anno nella serie B delle nazioni “in via di sviluppo”, dopo tanti anni di serie C dell’ex Terzo Mondo, ora sta decisamente puntando alla promozione nella massima serie, composta appunto da 20 squadre.
L’altro aspetto è però una crisi economica che non ha precedenti nel paese: il dollaro e l’euro hanno raggiunto i massimi storici di sempre, la benzina idem. Si stava meglio quando si era considerati poveri?

Gli esperti economisti dicono di no e l’interesse dell’Europa Unita (compresa l’Italia, che ha messo il Kenya con la Nigeria nelle prime realtà con cui fare affari nel 2024 nell’ambito del celeberrimo “Piano Mattei”.
Ma anche la crescita della classe media, fino a quando non sarà costretta a tornare ad essere “classe bassa”, è una testimonianza di come comunque la direzione intrapresa sia quella più realistica (che non vuol dire necessariamente migliore, ma più in linea con chi ti vuole dare una mano, per i suoi interessi).
Ecco quindi che il 2023 ha consegnato al Kenya e a chi vi si approccia, più consapevolezza ed in questo senso anche l’esigenza di trovare le chiavi per uscire dall’impasse.

Per l’anno che viene, il paese ha una scadenza importante: nel mese di giugno dovrà risarcire un superdebito, contratto nel 2014 in eurobond, del valore di 2 miliardi di dollari.
I piani del governo Ruto erano di iniziare a pagare una prima rata (circa 900 milioni) già il 31 dicembre scorso, grazie anche a due prestiti da parte di Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale.
Invece, qualche giorno fa, la tesoreria nazionale ha dichiarato che non ci sarà alcun anticipo di rimborso e che sarà tutto pagato il prossimo giugno. Gli economisti, così come non credevano alla rata di fine anno, sono scettici sul rimborso finale in una sola tranche.

All’atto pratico questo significa grandi possibilità di investimento per gli stranieri nel paese, e forse la volta buona che anche aziende e soggetti italiani se ne accorgano, e non solo la lungimirante ENI e poche altre realtà.
L’accordo firmato a dicembre da Kenya e Unione Europea, con la visita di Ursula Von Der Leyen a Nairobi, da questo punto di vista è di buon auspicio, perché sbloccherà il mercato dell’import-export con 27 stati, tra cui l’Italia, regolando verso il basso, o comunque verso un taglio deciso alla burocrazia, gli affari tra Nairobi e Bruxelles.

Tutto questo quadro economico potrebbe darci speranze, se non fosse che la situazione interna resta critica e il governo non trova altre soluzioni che aumentare le tasse, colpendo inevitabilmente non solo i propri cittadini, ma anche i residenti e gli investitori che decidono di stabilirsi nel paese.
E’ il caso dello sbandierato aumento dei permessi di lavoro e di soggiorno, oltre che di ogni documento, licenza e iter burocratico.
Da questo punto di vista, essendo una democrazia “vigilata” da Usa ed UE (la Cina potrebbe anche soprassedere…) la magistratura non ha le mani legate e ha già sospeso numerose leggi o regolamenti già approvati dal parlamento e, nel caso dell’imposta fissa sulle case, anche già firmata dal presidente.

Vedremo cosa accade quest’anno e come il Kenya saprà mantenere il precario equilibrio circense tra invogliare gli imprenditori di mezzo mondo ad investire nel paese e non strozzare quelli che già lo hanno fatto. In tutto questo, c’è di mezzo anche il turismo, su un asse di equilibrio molto simile: da una parte il Kenya tira (lo si vede proprio in questo periodo) e il potere d’acquisto della moneta invoglia, dall’altra chi deve garantire servizi e competitività con altre destinazioni, fa una gran fatica.

Ricette vere e proprie non ce ne sono e se ce ne sono, non fanno parte di questi tempi e forse ormai neanche più di questo pianeta.
Confidiamo nel fatto che, come già accaduto in anni passati, l’interesse di tutti per le risorse del Kenya, per la sua stabilità politica e sociale, data la posizione strategica tra nazioni complicate, l’esigenza di non far prevalere l’uno o l’altro blocco economico, abbia la meglio e non lo faccia sprofondare in situazioni difficili che poi si possano ripercuotere sulla sicurezza, sulla fame e sulle malattie.
Buon 2024 Kenya, dove la speranza non è solo l’ultima a morire, ma crede anche nella reincarnazione.

TAGS: 2024editorialeeconomiadebitounione europeasperanze

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

L’Unione Europea continua a non riconoscere il vaccino AstraZeneca “Covishield” utilizzato in Kenya ed...

LEGGI L'ARTICOLO

La Contea di Kilifi torna a scommettere sugli anacardi.
Uno dei prodotti di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L’Italia aiuta le cooperative di pescatori della costa keniana, grazie ai finanziamenti dell’Unione Europea. Ieri...

LEGGI L'ARTICOLO

Il periodo difficile dell’economia keniana potrebbe aver raggiunto il suo culmine e iniziare ora il suo ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya, a differenza della vicina Etiopia e della terza nazione africana ad aderire dopo il Sudafrica, uno...

LEGGI L'ARTICOLO

Blue Economy, l’Italia è sempre più in prima linea per i progetti di potenziamento dell’economia legata...

LEGGI L'ARTICOLO

Da oggi il libero commercio tra Stati africani non è più solo una teoria ma diventa legge, sottoscritta da 24 Paesi su 54, con...

LEGGI L'ARTICOLO

C’è anche l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) tra quelle che ...

LEGGI L'ARTICOLO

Per chi arriva in Kenya nei prossimi giorni, una pacchia. Per chi ci vive ed in particolare per i cittadini...

LEGGI L'ARTICOLO

Circa le opzioni al momento disponibili per raggiungere l’Europa, si comunica che la locale...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya non è più a rischio default economico. Almeno questo è l’autorevole parere del ...

LEGGI L'ARTICOLO

Dieci Paesi internazionali che fanno parte del cosiddetto “Club dei Creditori di Parigi”, che comprende ...

LEGGI L'ARTICOLO

Secondo la ricerca "Africa Risk-Reward Index", pubblicata da Nkc African Economics, il Kenya e l'Etiopia sono i Paesi leader del prossimo futuro nel Continente Nero.
Il rapporto, che mette a confronto investimenti, PIL, sicurezza e molti altri fattori di supporto all'economia,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il più importante tour-operator italiano tra quelli che operano in Kenya, Alpitour, ha...

LEGGI L'ARTICOLO

La povertà in Kenya quest’anno ha toccato livelli storici nel suo dramma, con una percentuale del...

LEGGI L'ARTICOLO

Da ora in poi, dal Kenya sarà possibile esportare prodotti verso 27 paesi dell’Unione Europea senza...

LEGGI L'ARTICOLO