Ultime notizie

ECONOMIA

Dentro il SACCO dei risparmiatori keniani

I perché del successo dei crediti cooperativi

14-07-2021 di redazione

I risparmi di centinaia di migliaia di keniani sono nelle mani di piccole cooperative di lavoratori che, pur con sistemi da vera e propria banca, stanno facendo i loro interessi meglio di qualunque altro ente pubblico o privati.
Parliamo delle cosiddette SACCO, acronimo di “Savings and Credit Cooperative Organization), in pratica l’idea iniziale dei Crediti cooperativi italiani, che poco a poco però hanno perso quel carattere di esclusività che ne contraddistingueva l’attività.
Le SACCO nascono come associazioni di cittadini con interessi simili che si riuniscono per formare un'unione di credito. Dopo essersi registrati presso il Ministero delle Cooperative, che a sua volta autorizza la SACCO a ricevere depositi e fornire prestiti ai suoi membri, gli stessi membri diventano azionisti e selezionano il loro consiglio di amministrazione.
Così sono nate le SACCO degli insegnanti (Mwalimu Sacco), quella dei matatu ed altre che accolgono solo membri che operano in quel settore. C’è la SACCO della polizia, quella dei dipendenti delle aziende di energia elettrica, la Afya Sacco degli operatori sanitari. C’è quella dei preti, delle mamme, dei ristoratori, dei dipendenti delle Nazioni Unite e dei commercialisti.
Ultimamente ne sono state aperte anche altre dove chiunque può accedere e che somigliano già più ad Istituti di Credito, pur mantenendo la loro impronta sociale.
Le SACCO si sono imposte inizialmente come soluzione per i piccoli risparmiatori che, a fronte di operazioni minime, trovavano ostilità e disinteresse, nonché lunghi processi burocratici, nelle banche tradizionali keniane.
Poco a poco sono diventate sempre più popolari, specialmente per l’accessibilità a prestiti che è di gran lunga migliore di quella delle banche normali e soprattutto agli interessi maturabili nel breve per chi ha obbiettivi ravvicinati.
Le SACCO accumulano risparmi e forniscono prestiti, investendo solitamente in titoli finanziari o immobili. I membri non hanno spese legate al risparmio, pagano interessi alti anche a breve termine, rinnovano prestiti fino a 3 volte (tramite garanzia di altri membri).
Il valore morale di queste cooperative deriva dal fatto che incoraggiano specialmente i giovani lavoratori a risparmiare, premiando chi lo fa con costanza. Per questa categoria di persone l’investimento è molto più sicuro. Essendo nate come cooperative, la logica dello sviluppo e della crescità è un valore fondativo. Alcune Sacco ad esempio hanno investito in maniera trasparente nell’acquisto di terreni, suddividendo già in origine i possibili profitti tra i soci.
Un altro aspetto che le rende più sicure di una banca keniana è che le responsabilità dei membri-azionisti della SACCO sono limitate al capitale con cui hanno contribuito, e che continuano a iniettare tramite un contributo mensile minimo da versare ogni mese, senza alcuna spesa bancaria aggiuntiva. In questo modo se la società fallisce, la proprietà personale originale di ogni membro è salva.
Le SACCO hanno programmi di prestiti agevolati per le tasse scolastiche, urgenze sanitarie ed altro.
I tassi d'interesse applicati dalle SACCO di solito non sono soggetti a modifiche. Infatti, la maggior parte delle SACCO prestano al tassi tra il 10 e il 12% annuo, che è al di sotto di tutto ciò che le banche hanno fatto pagare anche quando i tassi di base erano al minimo.
In questo anno di crisi pandemica, le SACCO hanno costituito un’ancora di salvataggio per molti lavoratori e famiglie e non è un caso che, quando possibile, anche molti residenti stranieri abbiano diversificato i loro investimenti, optando per riversare nelle cooperative keniane quelli più contenuti.

TAGS: SACCObanche kenyarisparmi kenyaprestiti kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Cinque milioni di keniani non riescono a pagare i debiti contratti con gli istituti bancari o di credito a cui...

LEGGI L'ARTICOLO

La questione dell'Imperial Bank Kenya potrebbe essere arrivata ad una risoluzione. 
Dopo due anni e mezzo di travagli, specie per i creditori anche italiani dell'istituto bancario messo in liquidazione, il fondo di assicurazione delle banche keniane KDCI sembra...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Duro stop della Cina al Kenya per quanto riguarda i prestiti attivi.
Il Governo...

LEGGI L'ARTICOLO

Un anno fa 57 mila risparmiatori del Kenya, tra cui quasi duemila italiani, di Malindi, Watamu, Mombasa, Diani e Nairobi, stavano con il fiato sospeso ad attendere notizie della possibile riapertura della banca Imperial Kenya, le cui saracinesche erano state...

LEGGI TUTTO L'EDITORIALE

“Non prestate più soldi al Kenya!”
L’accorato e solo apparentemente autolesionista...

LEGGI L'ARTICOLO

Day of passion, yesterday, for the residents and the Italian tourists, as well as many Kenyans citizens, from 9 in the morning when they found the branches of the Imperial Bank and closed the doors not operating.
The mystery lasted...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'ultima vicenda in ordine di tempo ci giunge come sempre dagli Amici dello Tsavo, il gruppo creato da Malindikenya.net di appassionati di savana che cooperano per migliorare le condizioni della fauna keniana e della natura che la circonda.
Nei giorni...

LEGGI TUTTO

Il Ministro del Tesoro del Kenya Ukur Yattani ha svelato ieri pomeriggio la nuova finanziaria del Paese per...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya è sul podio della generosità mondiale.
I cittadini keniani sono solidali tra di loro, dedicano molto tempo ad assistere le persone in difficoltà e in generale sono predisposti ad aiutare.
Lo afferma il World Giving Index 2017, il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mpesa e gli altri servizi di pagamento collegati con l'utilizzo della telefonia mobile fanno registrare un vertiginoso aumento nel 2017, rispetto all'anno precedente.
Secondo i dati trasmessi dall'Autorità per le Comunicazioni del Kenya, i soldi inviati via telefonini e quelli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una delle storiche banche del Kenya ha chiuso la sua filiale di Malindi.
La...

LEGGI L'ARTICOLO

La Safaricom di Malindi cambia la sede del negozio principale al pubblico. Da ieri la principale compagnia telefonica del Kenya ha trasferito le sue vetrine e i suoi sportelli dal negozio (ormai diventato troppo piccolo) in Kenyatta Road (cento metri...

La recente manovra finanziaria del Governo del Kenya per recuperare parte dei prestiti richiesti alla Banca Mondiale e a privatamente ad alcuni Paesi come la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Problemi di collegamenti telefonici e di connessione internet per l'operatore Safaricom in diverse zone della costa keniana fin dalla prima mattinata di domenica, risolti quasi totalmente ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Durante un'intervista rilasciata in Kenya al noto giornalista televisivo americano Richard Quest per la CNN, il Presidente della Repubblica Uhuru Kenyatta ha risposto a domande anche scomode sulla politica e l'economia del Paese.
Buona parte delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In una lunga e articolata intervista ai media locali, il nuovo Ambasciatore cinese in Kenya Wu Peng, insediatosi lo...

LEGGI L'ARTICOLO