Ultime notizie

EDITORIALE

Il baobab gigante caduto sulla strada di Malindi

Bloccata la Tsavo Road, ma il danno è più profondo

16-05-2021 di Freddie del Curatolo

La notizia di cronaca è che venerdì sera è caduto un baobab secolare e gigante alla periferia della cittadina di Malindi, sulla strada che porta verso il parco nazionale dello Tsavo Est.
La strada asfaltata è attualmente bloccata e le operazioni per ristabilire il normale passaggio delle autovetture procedono a rilento.
La notizia per noi di Malindikenya.net è che un altro pezzo di storia di questa Terra, in particolare della costa del Kenya, è stramazzato al suolo dopo circa mille anni di vita.
Qualcuno sulle nostre pagine social ha scritto che è inutile recitare il “de profundis” di un baobab, perché i gravi problemi dell’Africa sono ben altri e anche quelli di ognuno di noi sono una priorità.
Ho risposto che non c’è dubbio che i problemi personali sono più importanti della salvaguardia della natura e del rimpiangerla, anche i bisogni e le esigenze quotidiane, la salute dei nostri cari, i nostri affari e via dicendo. Per questo motivo, d’altronde, il mondo è andato in una certa direzione.
I problemi personali (grazie soprattutto a chi li ha esaltati) contro la natura, la cultura, il rispetto delle tradizioni e anche perché no la letteratura, la musica...
E’ sicuramente troppo tardi per fare qualcosa, ma noi irrimediabili coglioni (una volta si diceva "sognatori") ancora speriamo che in un luogo come questo, dove l’umanità è ancora giovane e ha dimostrato, in altre zone del Kenya, di poter migliorare la propria vita tutelando allo stesso tempo l’ambiente, anzi trasformandolo in una fonte di guadagno.
Cose che il mondo occidentale ha per decenni snobbato, ischerzato, trattando gli ambientalisti come dei mezzi scemi (effettivamente avevano i loro difetti, apparendo quasi tutti come figli dei fiori modaioli, più che convinti promotori di uno stile di vita che potesse allo stesso tempo preservare il mondo e dare più ricchezza). In Kenya sono a centinaia gli esempi di chi grazie alla salvaguardia del proprio habitat, al riciclo, alle energie alternative ed altro, hanno un guadagno e insegnano a fare lo stesso.
E’ una lotta impari, una guerra già persa contro chi vede nell’Africa ancora una volta un appiglio per risanare la propria economia allo sbando e restare competitiva. E vai di infrastrutture, di cemento, di petrolio, di oceano scandagliato e dragato, oleodotti e fabbriche.
Per fare questo si disbosca, si rovinano litorali, barriera corallina, laghi e savane. 
Lotta impari, certo, ma quei pochi esempi di resistenza che cercano di limitare i danni e costruire un futuro pulito ci spingono ad andare avanti, ad essere dei coglioni testardi che vogliono vedere aldilà di questi tempi bui e malati, pieni di negatività e di gente che si chiude nel proprio orticello.
Quindi lasciateci piangere il baobab di Malindi che ha deciso di lasciarsi cadere sulla strada asfaltata due anni fa, per non mischiare le sue antiche radici con il catrame.
Poco più in là ce n’è un altro ancora più grande e importante. Lo chiamano “Mbuyu akusema”, il baobab parlante.
Secondo le tradizioni secolari dei Mijikenda, le anime degli antenati nascoste nel suo tronco danno consigli a chi li sa ascoltare.
E tanti anziani del quartiere confermano, con decine di aneddoti in merito. Ma questa è un’altra, meravigliosa, storia di quelle che interessano noi coglioni e che vi racconteremo presto.

TAGS: baobab kenyamalindi tsavonatura kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Un sospiro di sollievo per i tanti malindini che credono ancora alle leggende e che non vogliono che i baobab, che rappresentano le anime dei cari defunti, vengano tagliati.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il mondo inizia a scoprire le incredibili proprietà dell'albero africano per eccellenza, il baobab.
La pianta dei ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una giornata dal grande valore simbolico per tutta una comunità di uno dei luoghi più popolosi e da sempre...

LEGGI L'ARTICOLO

Gli Amici dello Tsavo di Malindikenya sono sempre a caccia di emozioni "selvagge" nella savana del Kenya.
Dopo essersi resi protagonisti di salvataggi di elefantini, della pulizia del parco dalle schifezze lasciate da certi turisti poco rispettosi della natura e...

LEGGI TUTTO

Sulla costa del Kenya è in atto un silenzioso, quotidiano crimine che non riguarda il genere umano e...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO E IL VIDEO

E' finalmente operativo il Ponte di ferro che collega il Parco Nazionale dello Tsavo Est con la parte nord della fetta di savana più estesa del Kenya.
Un collegamento che non solo fino ad ora non era possibile, ma che...

LEGGI TUTTO

L'ultima vicenda in ordine di tempo ci giunge come sempre dagli Amici dello Tsavo, il gruppo creato da Malindikenya.net di appassionati di savana che cooperano per migliorare le condizioni della fauna keniana e della natura che la circonda.
Nei giorni...

LEGGI TUTTO

Dalla stagione turistica entrante in Kenya si potrà tornare ad ammirare con più facilità i rinoceronti anche nel Parco Nazionale dello Tsavo, e precisamente nel Rhino Sanctuary dello Tsavo East...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Siamo certi che anche i baobab e i neem del Kenya hanno pianto la scomparsa di Maurice Méssegué, il “papà delle piante” come veniva universalmente appellato.
Il grande naturalista, scrittore e fitoterapista francese si è spento a 95 anni nella...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Kibwezi Forest Reserve, istituita nel 1936, è una delle ultime foreste pluviali del Kenya...

LEGGI L'ARTICOLO

Passi avanti per l'asfaltatura della strada che da Malindi porta all'ingresso Sala Gate del Parco Nazionale dello Tsavo Est.
Dopo che il tratto da Malindi al villaggio di Ganda sono stati spianati e si presentano ora in ottime condizioni...

LEGGI TUTTO

La compagnia italiana di safari Bush Company, con il KWS, sponsorizza il rispetto delle regole nello Tsavo.
La settimana scorsa nello Tsavo la compagnia di safari dell’italiana Camilla Frasca Caccia, unica guida professionale italiana con certificazione “Silver” KPSGA, ha portato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Grandi novità per il Parco Nazionale dello Tsavo East, a partire dalla strada che collega Malindi al Sala Gate. I lavori di asfaltatura non sono ancora iniziati ma ora è in ottime condizioni: ben compattata, punti critici livellati e allargata...

LEGGI TUTTO IL SERVIZIO

Che non ce l’avremmo fatta era quasi scritto.
Solo un miracolo avrebbe...

LEGGI ARTICOLO, GUARDA LE FOTO E IL VIDEO

Sono davvero tante le risorse che la pianta più iconografica dell’Africa può vantare: dall’utilizzo dei semi come...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

L'upgrade di Watamu e dei suoi dintorni in termini di strutture e servizi, immersi nella meraviglia di paesaggi completamente immersi nella natura marina, negli ecosistemi ed in tanti diversi scenari, è ormai un dato di fatto che sta impreziosendo la "perla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO