Ultime notizie

ECONOMIA

La crisi in Kenya e la carenza di dollari

L'importante ruolo del turismo per l'economia locale

11-03-2023 di Freddie del Curatolo

Le sorti economiche del Kenya sono quantomai nelle mani del dollaro americano.
Mentre la valuta, rispetto allo scellino, ha raggiunto quota 140 al cambio di Nairobi, il Ministro del Commercio keniano Moses Kuria nei giorni scorsi ha riferito in parlamento che la carenza di banconote statunitensi è ormai “fuori dal controllo del governo”.
I segnali di questa crisi, ovviamente rafforzata dalla guerra tra Russia e Ucraina di cui certo gli Usa non sono solo spettatori, non si vedono solo nell’aumento dei prezzi di generi di importazione ma nel costo della vita in generale ed entro pochi mesi, se la situazione non viene affrontata in maniera drastica, potrebbe concretizzarsi in mancanza di carburante e peggioramento di alcuni servizi.
A rincarare la dose, chi ha pensato la presidente tanzaniana, Samia Sulubu Hassan che, durante un discorso ripreso dai media africani, ha dichiarato che “alcuni paesi vicini” avrebbero disperatamente chiesto dollari in prestito allo stato tanzaniano. “Noi abbiamo riserve sufficienti per andare avanti alcuni mesi, a differenza dei nostri vicini”. Il riferimento al Kenya è apparso evidente, tanto che il viceministro del Tesoro keniano Chris Kiptoo si è affrettato a smentire. “Abbiamo riserve di dollari per altri 4 mesi - ha detto Kiptoo -, Voglio assicurare ai kenioti che non ce ne stiamo con le mani in mano e che stiamo lavorando sodo e che tutto andrà bene”. Il viceministro ha anche annunciato l’arrivo di un finanziamento in dollari di 1 miliardo di dollari dalla Banca Mondiale, per fare fronte ad un’emergenza che comunque appare più che grave.
La linea politica del governo, sventolata tra le priorità del programma quinquennale del presidente William Ruto, è quella di aumentare la produzione locale di ogni genere possibile, per ridurre le importazioni che costringono ad avere a che fare con la valuta americana.
Allo stesso tempo il governo dovrebbe essere interessato a ricevere nuovi investitori che abbiano l’intenzione di aprire aziende nel territorio keniano e a produrre in loco, non solo utilizzando le materie prime locali, ma arrivando a lavorarle quasi totalmente qui, prima di esportarle.
Il Ministro del Commercio poco tempo fa ha denunciato il fatto che molti prodotti dal Paese vengono esportati in paesi più evoluti industrialmente, per poi essere finiti e rivenduti nello stesso Kenya, definendo insostenibile questo processo. “Non possiamo lamentarci dei problemi con il dollaro se poi importiamo di tutto” ha detto Kuria.
Altro aspetto importante per le rimesse di valuta straniera è rappresentato dal Turismo, ma su questo aspetto il governo non pare ancora eccessivamente concentrato. Pur ostentando ottimismo ed entusiasmo per i dati che segnalano la ripresa del flusso di visitatori (qui il nostro pezzo di giovedì scorso https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/ultime-notizie/kenya-al-top-tra-le-mete-che-hanno-recuperato-turisti.html) si attendono facilitazioni per chi arriva dall’estero per svago o per lavoro e magari grazie ad un primo approccio con questo paese, decide anche di investire. Di questo aspetto ha parlato nelle scorse settimane anche il nostro Ambasciatore a Nairobi, Roberto Natali, con la Ministra del Turismo Peninah Malonza. Auguriamoci che almeno la crisi economica in corso faccia riflettere le istituzioni keniane sull’importanza del turismo e sulla necessità di offrire a chi viene in Kenya e porta benefici, di essere accolto nel migliore dei modi e facilitato, a partire dalla burocrazia.

TAGS: crisieconomiadollaro

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il Fondo Monetario Internazionale ha considerato nei giorni scorsi la svalutazione dello Scellino keniota e considerato che la moneta del Kenya rimarrà su valori bassi, rispetto a dollaro ed euro, almeno per 4 mesi.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Dollaro americano ieri ha raggiunto il nuovo record nei confronti dello scellino keniota, che è...

LEGGI L'ARTICOLO

Ho imparato che noi keniani siamo gente da un dollaro al giorno,
ed è terribile pensare che per una mucca in Giappone spendono 9 dollari al giorno.
In poche parole, significa che una mucca giapponese potrebbe far parte della piccola...

Il Kenya sta affrontando ormai dall’inizio dell’anno la più grave crisi economica della sua...

LEGGI L'ARTICOLO

Nella svolta ecosostenibile della viabilità della capitale keniana, c’è anche una “mano” italiana...

LEGGI L'ARTICOLO

Dall'Italia arrivano finalmente spiragli di luce per la costa keniota. 
Dopo una stagione terribile, per colpe non certo di Malindi e Watamu, ma di congiunture astrali mondiali che tra crisi economica, terrorismo internazionale e paure ingiustificate (virus ebola a migliaia...

LEGGI TUTTO

Che ne sarà dell’economia del Kenya, che prima dell’emergenza Covid-19 era indiscutibilmente uno dei ...

LEGGI L'ARTICOLO

Effetto Coronavirus ma non solo, fatto sta che lo Scellino Keniota ha toccato i minimi ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il conflitto armato tra Russia e Ucraina rischia di avere ripercussioni negative anche sull’economia...

LEGGI L'ARTICOLO

Per chi arriva in Kenya nei prossimi giorni, una pacchia. Per chi ci vive ed in particolare per i cittadini...

LEGGI L'ARTICOLO

Il periodo difficile dell’economia keniana potrebbe aver raggiunto il suo culmine e iniziare ora il suo ...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono oltre 740 mila i cittadini keniani che hanno person il lavoro quest’anno anche a causa della...

LEGGI L'ARTICOLO

Sarà una pasqua imbenzinata?
L’emergenza carburante che ha 

LEGGI L'ARTICOLO

Si chiamerà “Smarta” e sarà il primo telefonino cellulare android assemblato e...

LEGGI L'ARTICOLO

Nonostante le disperate manovre del governo, lo scellino keniota nello scorso fine settimana ha registrato...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya ha deciso che è tempo di ripartire.
Dopo una riunione...

LEGGI L'ARTICOLO