Ultime notizie

FAUNA

Tutte le paure degli elefanti in una ricerca keniana

Insetti, luci psichedeliche e una speciale paranoia per...

24-11-2020 di redazione

Qual è l’essere vivente di cui hanno più paura gli elefanti?
Nell’immaginario collettivo la leggenda dell’elefante e del topolino è da sempre una metafora della rivalsa dei più piccini nei confronti dei “grandi e grossi”, ma si sa anche che è abbastanza difficile per un pachiderma di savana incontrare Micky Mouse.
Si potrebbe pensare allora ad animali feroci, ai grandi predatori, che comunque l’elefante teme, ma non abbastanza da rinunciare a battersi. Sono stati i ricercatori di Oxford, che hanno lavorato in Kenya fianco a fianco con l’organizzazione Save The Elephants, a scoprire alcuni anni fa chi è che non fa dormire la notte gli enormi mammiferi.
Si tratta nientemeno che delle api.
Quando i pachidermi sentono in lontananza la presenza di uno sciame, si sentono minacciati.
Allora emettono dei richiami sonori per avvertire tutto il branco che è meglio mettersi al riparo o scappare in fretta. Lucy King, direttrice dello studio che fa parte di un rapporto sulle abitudini degli elefanti recentemente pubblicato, ha raccontato: “Nel nostro esperimento abbiamo simulato il ronzio di api a un gruppo di famiglie di elefanti e abbiamo studiato la loro reazione. Abbiamo così scoperto che gli elefanti non solo scappano dal rumore, ma emettono un suono ‘rimbombante’ scuotendo le teste”.
Secondo i ricercatori, questi richiami sarebbero una risposta emotiva alla minaccia e servirebbero a coordinare i movimenti di gruppo, avvertire gli esemplari vicini e insegnare agli individui più giovani e inesperti a stare in guardia. Gli esperti keniani ritengono che questa paura delle creature sia causata dalla sensibilità della proboscide dell'elefante, che è piena di terminazioni nervose, rendendo la puntura di un'ape o il morso di una formica un calvario particolarmente doloroso.
Le api non sono la sola “paranoia” dei più grandi animali della savana, ovviamente come tanti altri animali selvaggi temono il fuoco, ma sono gli esseri più piccoli e difficili da intercettare quelli di cui hanno più paura. Se la possono battere insomma con un leone o un bufalo pazzo, ma un esercito di tafani possono mandarli in totale confusione. Un'altra ricerca condotta in una conservancy del Botswana invece rivela un senso di fastidio e spaesamento particolare, durante le ore notture, per le luci psichedeliche e stroboscopiche tipo discoteca. Come riferisce l'African Elephant Journal, queste tecniche unite alla musica techno fanno passare qualsiasi voglia ai pachidermi di avvicinarsi ai campi coltivati e ai villaggi locali dove potrebbero fare danni.
I ricercatori sperano che queste scoperte possano contribuire a salvare i raccolti agricoli dagli elefanti e gli elefanti stessi dagli agricoltori. Conflitti tra l'uomo e gli elefanti in paesi come il Kenya si verificano spesso: un elefante affamato può distruggere le colture di un’intera famiglia in una sola notte e gli agricoltori, nel tentativo di salvare i frutti del loro lavoro, allontanano gli animali con tecniche antiche e moderne tra cui percuotere tamburi per creare rumori forti, uso di cani da guardia, l'accensione di fuochi, la posa di stuoli di peperoncino.
Pertanto, l'uso di una metodologia scientifica combinata con le conoscenze e le esperienze tradizionali degli agricoltori è vitale per mantenere la mitigazione dei conflitti solida e per adattare ed evolvere le soluzioni, per quanto bizzarri possano sembrare gli strumenti che ne derivano.Poveri grandi pachidermi nasoni, chissà se almeno gli piacciono il miele e il jazz…

TAGS: elefanti kenyaelefanti pericoloelefanti paure

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Cambiano le abitudini degli elefanti del Kenya a causa del bracconaggio.
Secondo uno studio dell’Università olandese di Twente in collaborazione con il Kenya Wildlife Service, realizzato dall’associazione “Save the elephant”, gli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La lotta al bracconaggio e il bando internazionale dell’avorio stanno dando i loro frutti: in tre anni il numero di elefanti in Kenya è aumentato quasi del 15 per cento (14,7 per la precisione).
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya sta pensando a condannare con la pena capitale i bracconieri che uccidono le specie protette della savana.
Il Ministro keniano del Turismo e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ventisei esemplari di elefanti morti per cause non naturali ma non legate direttamente al bracconaggio.
Questo il preoccupante bilancio redatto dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Elefanti in Kenya: i dati del Kenya Wildlife Service che riguardano l'anno che si sta per chiudere sono confortanti per quanto riguarda il bracconaggio.
I casi ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Fortunatamente per gli elefanti, come pare per buona parte degli animali, non ci sono varianti delta che

LEGGI L'ARTICOLO

Era uno dei “Super Tusker” dello Tsavo. Anche Lugard, iconico elefante dalle enormi zanne e dal...

LEGGI L'ARTICOLO

Elefanti in trappole. 
Sembra una cosa impossibile, ma purtroppo non lo è. 
Una delle conseguenze della campagna in corso, per negare ai bracconieri l’uso delle armi da fuoco, e stata quella di indirizzarli all’uso dei metodi tradizionali, andati in disuso...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Almeno due famiglie di elefanti dello Tsavo Est e della Galana Conservancy sono usciti dal parco e hanno...

LEGGI L'ARTICOLO

La storia della matriarca Monsoon, una femmina di elefante della regione del Samburu, è di quelle da...

LEGGI L'ARTICOLO

Per chi ama l'Africa, la savana e la sua natura, ci sono emozioni ancora più profonde e indelebili della normale estasi dell'osservazione.
Sabato pomeriggio, 7 Febbraio, eravamo soli con la nostra macchina alla pipeline davanti allo Tsavo Lodge ed abbiamo...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Già un bel pienone a Malindi per la prima delle cinque serate di agosto del nuovo spettacolo a ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il parco nazionale dello Tsavo è stato inserito dal prestigioso quotidiano americano New York Times tra...

LEGGI L'ARTICOLO

Gli ambientalisti si muovono per evitare uno scempio che potrebbe riguardare "casa nostra", ovvero l'Arabuko Sokoke Forest, che si estende da Gede a Matsangoni, lungo la strada Malindi-Mombasa dove ci sono anche gli ingressi per i turisti, fino a buona...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Che la terra della savana sia lieve al più anziano elefante dello Tsavo Est che ha lasciato la sua terra per far parte, come...

LEGGI L'ARTICOLO

Gli elefanti africani stanno iniziando a nascere senza zanne, come protezione genetica per evitare...

LEGGI L'ARTICOLO