Ambiente

EMERGENZE

Ecovillaggi, soluzione keniana ai disastri climatici

Il progetto del Tana River potrebbe essere un esempio

05-11-2021 di Leni Frau

La situazione di sofferenza del Kenya, preso come esempio a livello internazionale di una nazione con grandi potenzialità e prospettive ma allo stesso tempo alle prese con uno sviluppo poco sostenibile, aggravato dalla crisi climatica e dalle emissioni, ha tenuto banco alla recente conferenza di Glasgow sulla salvaguardia del pianeta.
All’interno del paese vi sono molte diverse problematiche che appartengono alla geofisica del territorio, alle fonti d’acqua e soprattutto alla deforestazione in corso.
Una di queste regioni è senza dubbio la contea di Tana River, che ha sofferto nell’ultimo mezzo secolo di progressive calamità che hanno riguardato allo stesso modo siccità ed alluvioni, e che oggi hanno a che fare con la deforestazione e il contrabbando.
Il tasso di mortalità della contea abbinato al cambiamento climatico è uno dei più alti dell’intero continente.
Le perdite annuali di case e infrastrutture collegate all’inclemenza del tempo ammontano a circa 2 miliardi di scellini, di cui la stessa contea riesce a coprire solo un quarto per gestire i disastri e le emergenze.
Con una popolazione di oltre 370.000 persone, si stima che almeno 100.000 di esse vengano colpite ogni volta che una calamità climatica si abbatte sulla zona. Distruggendo raccolti e uccidendo bestiame, si stima che ogni disastro riduca la stabilità economica delle famiglie colpite di oltre il 60%, relegando ogni volta almeno 2.000 nuove famiglie a sopravvivere con meno di un dollaro al giorno.
Una delle soluzioni possibili per tamponare questo fenomeno è stato recentemente introdotto dal Governatore Dhadho Godhana. Si tratta del concetto di ecovillaggio.
Gli ecovillaggi sarebbero insediamenti di circa 6 mila cittadini, dei moderni “cluster” che comprenderanno alloggi sicuri, scuole, dispensari sanitari, aree di produzione alimentare e industriali, un mercato all’aperto con pozzi in ogni area. Vere cittadine, forse un po’ asettiche, ma sicuramente propedeutiche.
“Si tratta di un insediamento a misura d'uomo e completo in cui le attività umane sono ben integrate in modo da sostenere un sano sviluppo umano – ha spiegato il Governatore al quotidiano Daily Nation – l’obbiettivo degli ecovillaggi è quello di sradicare la povertà e garantire l'integrazione di tutti i bisogni umani di base”.
La sostenibilità del progetto dovrebbe basarsi sull’utilizzo di materiali di provenienza locale, utilizzando tecnologie e infrastrutture sostenibili e dirigendo l’opera verso il ripristino e la protezione dell’ambiente naturale.
Potrebbero essere da 14 a 18 i villaggi da spostare dalle zone a rischio in ecovillaggi, per proteggere le circa 100 mila anime sotto scacco climatico.
Ovviamente la contea, come conferma Godhana, non ha i fondi per sostenere l’intero progetto, ma sta valutando la fattibilità di un villaggio-pilota, Handampia, dove sono già iniziati lavori di strade, piccoli schemi di irrigazione, collegamento all’elettricità e sistemi di approvvigionamento idrico.
“Aspettiamo che possibili partner privati e organizzazioni si rendano conto della bontà del nostro progetto in prospettiva”. ha detto Godhana.

 

TAGS: eco kenyavillaggi kenyaclima kenyadisastri kenyatana river

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Le prime piogge dopo molti mesi di siccità sono sempre le peggiori. Questo la gente del Kenya lo sa...

LEGGI L'ARTICOLO

Cambio climatico e pandemia, un mix letale che ha creato 400 mila nuovi affamati sulla costa del...

LEGGI L'ARTICOLO

L’inizio di questa stagione delle piogge ha evidenziato una netta differenza tra il Kenya nord orientale e...

LEGGI L'ARTICOLO

Più di quattro giorni di silenzio, di attesa, di ricerche e operazioni coordinate del Governo italiano con le forze speciali del Kenya, di arresti e mandati di cattura da parte della polizia della costa.
Questo il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' stato inaugurato a Malindi l'ufficio della Commissione Etica e Anticorruzione (EACC) per la Costa Nord del Kenya. 
E' stato il Vice Direttore Generale della Commissione, Michael Mubea, ad aprire formalmente la sede, dopo una settimana di sensibilizzazione a Kilifi,...

LEGGI TUTTO

Una settimana di silenzio: quello sacrosanto di chi indaga sul rapimento di Silvia Romano a Chakama, datato ormai 20 giorni fa, quello rispettoso di chi, come noi, ha scelto di scrivere solo i fatti veri dal Kenya o le notizie...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono stati rilasciati e già in viaggio per Malindi i due ragazzi italiani fermati ieri dalla polizia del villaggio di Ngao, nella regione keniana del Tana River, dove a loro...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mentre sulla costa keniana sembra finalmente tornato il sole, per restarci e salutare...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mentre anche ieri il Ministero della Salute ha annunciato i dati ufficiali delle ultime 24 ore che...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono due le attività di bar e ristorante già chiuse a tempo indeterminato a Malindi, dopo il primo giorno di operazioni incrociate di controllo da parte di diversi uffici governativi sulla costa keniana.
L'autorità...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Silvia Romano è ancora in Kenya, non può essere stata portata in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da troppi giorni non si hanno più novità riguardo alle ricerche di Silvia Romano, la volontaria ventitreenne dal 20 novembre scorso in mano ai suoi rapitori, che l'hanno...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' una disperata operazione per salvare un centinaio di ippopotami nella regione del fiume Tana, centocinquanta chilometri a nord di Malindi.
Siamo nel distretto di Lamu, dove il fiume più importante del Kenya forma un delta che include anche due...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono momenti importanti, forse decisivi, per la risoluzione della drammatica vicenda del rapimento di Silvia Romano, da ormai una settimana nelle mani di una banda di criminali nascosti nella foresta di Dakacha, nel profondo entroterra della costa keniana.
Secondo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministero degli Esteri britannico, alle porte dell'alta stagione e delle feste natalizie, ha dichiarato le mete turistiche del Kenya più battute dai propri connazionali, luoghi sicuri (consigliando la solita dovuta cautela da rispettare per chi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Alla luce degli ultimi avvenimenti per cui dal Kenya siamo tutti in ansia e pena, con notizie più o meno fondate che si susseguono e spifferi che alimentano solo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO