Ambiente

ANIMALI

Il potere non logora i babbuini keniani

Uno studio nell'Amboseli rivela che...

22-05-2022 di Freddie del Curatolo

L’adagio andreottiano “il potere logora chi non ce l’ha” sembra piacere molto anche ai babbuini kenioti. Nella comunità di babbuini della riserva dell’Amboseli, infatti, i maschi che occupano le posizioni dominanti godono di migliore salute rispetto agli altri, grazie alla capacità di recuperare più in fretta da malattie e infortuni, evidentemente sentendosi immuni dallo stress di "non essere nessuno". 
La ricerca, opera degli scienziati dell’Universita’ di Notre Dame in Indiana, pubblicata sulla rivista ”Proceedings of the National Academy of Sciences” ha mostrato che i maschi delle posizioni maggiori e quelli delle posizioni minori condividevano gli stessi livelli di stress, cosa che debilita il sistema immunitario, ma la migliore posizione sociale dei primi sembrava riuscire a contrastare questi effetti dannosi. I biologi hanno infatti scoperto che la posizione sociale poteva essere ad esempio, un predittore del sanguinamento in seguito a ferite, contando di più addirittura dell’età dell’animale. Gli scienziati hanno raccolto dati relativi ad adulti fino a 27 anni, scoprendo che i maschi più in alto nella gerarchia sociale avevano minori probabilita’ di ammalarsi e in generale recuperavano più rapidamente da infortuni e malattie, rispetto agli altri babbuini. Da questi studi, parte dei quali sono stati pubblicati sulla rivista "Science Advances" si evidenzia ad esempio che le femmine di babbuino con alti livelli di glucocorticoidi, gli ormoni coinvolti in chi deve battagliare per la sua vita a causa di soprusi da simili che detengono il potere, oltre che dai maschi, hanno un rischio maggiore di morire rispetto a quelle con livelli più bassi, ovvero chi non si deve preoccupare del pericolo. I glucocorticoidi  infatti sono un gruppo di ormoni che aiutano a preparare l'organismo ad affrontare una sfida. Sebbene questi ormoni abbiano molte funzioni nell'organismo, livelli persistentemente elevati di glucocorticoidi nel sangue possono essere un indicatore di stress.

TAGS: babbuiniamboselisavanaanimaliambiente

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Non sempre le cattive notizie ne portano altrettante, a volte piove sull'asciutto e non sul bagnato. L'inevitabile progresso che sta arrivando anche nelle cittadine turistiche costiere di Malindi e Watamu, con i relativi problemi di deforestazione per costruire nuove abitazioni...

LEGGI TUTTO

L’Amboseli National Park è tra i parchi più popolari del Kenya e possiamo asserire che...

LEGGI L'ARTICOLO

Uno dei più grandi e famosi elefanti del Kenya, conosciuto come Tim, è morto ieri ...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono 64 i parchi e le riserve nazionali del Kenya, che è il Paese del mondo con la più ampia varietà di specie animali in libertà.
Anche la vegetazione varia da parco a parco e con essa il microclima e...

LEGGI TUTTO

Si chiama "Virry VR: Wild Encounters" (incontri selvaggi), ed è un nuovo videogame per Playstation che sta per essere lanciato in tutto il mondo.
La particolarità è che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le cifre presentate dall'ICEA, Lion General Insurance Company al Kenya Wildlife Service parlano chiaro, anche quest'anno è stata raggiunta quota 100 leoni uccisi nella savana del Kenya. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nuovi cartelli di avviso in tre lingue per non sporcare la savana del Parco Nazionale keniota dello Tsavo.
Sotto l'egida "Amici dello Tsavo" agiscono i fautori di queste iniziative per la tutela dell'ambiente e della fauna, Adriano e Giovanna Ghirardello,...

LEGGI TUTTO

A poche ore di automobile da Nairobi, c’è uno dei gioielli più preziosi dell’incredibile diadema delle riserve naturali del Kenya.
Un ...

LEGGI L'ARTICOLO

(foto di Paolo Torchio) Dopo il divieto totale dei sacchetti di polietilene, il Ministero dell'Ambiente del Kenya sta pensando seriamente di vietare le bottiglie di plastica su tutto il territorio nazionale per proteggere l'ambiente.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una svolta nel look delle banconote del Kenya.
La Central Bank del Paese africano ha annunciato che presto verranno immesse sul mercato le nuove banconote da 1000, 500, 200, 100 e 50 scellini che avranno...
 

CLICCA QUI E GUARDA LE NUOVE BANCONOTE

Niente turisti, più tempo e privacy per “fare sesso”.
Questo...

LEGGI L'ARTICOLO

Una stagione fantastica per i safari in Kenya, e specialmente per i Parchi Nazionali di Tsavo Est e Ovest e dell'Amboseli.
Il direttore della Kenya Association of Hotelkeepers and Caterers...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Fognature fallate trasportavano acque piene di rifiuti e chissà cosa altro all’interno del...

LEGGI L'ARTICOLO

Che bello il safari in Kenya accompagnato da un gesto di solidarietà. 
A far vivere ai turisti questa doppia emozione Luca Macrì ci ha sempre tenuto ...

LEGGI TUTTO

Lo avevamo annunciato in anteprima poco più di un anno fa: la Banca Centrale del Kenya era pronta al restyiling delle banconote e delle monete del Paese. Lo scellino...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE NUOVE BANCONOTE

Una tassa a fin di bene per le aziende di tutto il mondo che utilizzano animali per promuovere le loro...

LEGGI L'ARTICOLO