Ambiente

AMBIENTE

Kenya, banco di prova per l'economia green

Dopo Glasgow, in tanti vogliono investire qui

10-11-2021 di Leni Frau

La presenza mediatica rilevante del Kenya all’ultimo convegno sul clima di Glasgow, con il Presidente Kenyatta che si è speso in prima persona e ha chiesto sostegno all’occidente per tutta l’Africa “che paga in gran parte le colpe del resto del mondo”, si sta facendo sentire all’atto pratico.
La giovane avvocato Elizabeth Wathuti, che ha raccontato episodi di cui è stata testimone di come la mancanza d’acqua e di piogge stanno creando danni permanenti in Kenya, la piccola Ian Gunga Mzee che ha presentato un manifesto sulla decarbonizzazione, hanno fatto luce sul Kenya come la nazione africana più sensibile sull’ambiente e sulla necessità di cambiare rotta per salvare il mondo.
Così ora l’attenzione di multinazionali e di aziende “green” si è spostata su Nairobi e dintorni.
Dopo i processi già iniziati riguardo al riciclo della plastica e all’abolizione delle bottiglie che dopo l’esperimento positivo nei parchi e nelle riserve potrebbe essere applicata a tutto il paese, si sta pensando ad abbassare le emissioni che portano inquinamento.
L’energia pulita del Kenya è ormai la principale fonte di corrente, ma il trasporto su ruota ancora crea grandi problemi. Così dopo l’ingresso nel mercato della società scandinava Nopea, che ha portato auto elettriche per il noleggio e per il servizio taxi Uber, e altre due aziende (Opibus e Kiri)che convertono i fuoristrada diesel da safari in auto elettriche, un altro brand sta per operare una vera rivoluzione: trasformare i matatu diesel in servizi di trasporto pubblico totalmente elettrici.
“Green Bus” a Nairobi, Mombasa e nelle principali città del Kenya, questa la scommessa di BasiGo, una start-up che vuole trasformare il mondo dei trasporti in Kenya e in tutta l’Africa. Si stima che in Kenya operino oltre 30 mila matatu diesel. La loro trasformazione in portatori sani di energia pulita, ricaricando i mezzi ogni 250 km, sarebbe un'incredibile boccata d'ossigeno per le città.
Questo solo per i motori, ma anche per il riciclo si sono mossi imprenditori privati, come un tycoon dello Zimbabwe che vuole dare lavoro a migliaia di povera gente dello slum di Kibera per creare il più grande punto di raccolta e riciclo del continente.
Allo stesso tempo bisognerà pensare a quella che è la sfida maggiore del paese, lo smaltimento dei rifiuti. Non solo la plastica riciclabile, ma tutto il resto. Ormai l’aria delle città e cittadine è impestata da fumi tossici di ogni tipo e la crescita economica del Kenya non può più permettere discariche a cielo aperto. Anche per questo vi sono società pronte ad operare, ma mancano fondi e sponsorizzazioni importanti. Ogni giorno piccole realtà keniane aprono raccolte fondi, “crowdfunding” con progetti più o meno seri e realizzabili.
Certo è che la frontiera ecologica del Kenya è quantomai aperta ed appetibile per chi vuole fermare la morte lenta della terra, ci tiene al futuro dei suoi figli (di ogni nazionalità e luogo) ed allo stesso tempo sa di poter avere anche un guadagno. Per tutto questo l’Africa è il giusto ambiente e il Kenya è uno dei paesi che ha già iniziato a muoversi.

TAGS: kenya greenecologia kenyaemissioni kenyaambiente kenyaclima kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Un altro passo avanti del Kenya nella tutela dell'ambiente e contro l'inquinamento: l'Aeroporto Daniel Arap Moi di Mombasa è il primo di tutto il Continente africano ad essere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Festival Musicale di Kilifi di quest’anno sarà il primo evento ad emissioni zero di sempre nel ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il grattacielo di Watamu "Palm Exotjca", prossimo alla posa delle fondamenta, ha...

LEGGI L'ARTICOLO

18 anni prima della fine di un magnifico spettacolo che significa anche speranza.
Questo...

LEGGI L'ARTICOLO

A causa delle forti piogge che da questa notte imperversano su Malindi e la costa keniana, i...

LEGGI L'ARTICOLO

A Nairobi arrivano i taxi elettrici finlandesi per combattere l’inquinamento e ridurre...

LEGGI L'ARTICOLO

Come ogni mese, i cittadini responsabili di Malindi guidati dal Movimento Malindi Green...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Un “Recycle Education Centre” in uno dei quartieri più disagiati di Malindi, Soweto di Muyeye.
Questa...

LEGGI L'ARTICOLO

La vocazione “green” del Kenya non si ferma e anzi, con l’accelerazione dei programmi della Convenzione...

LEGGI L'ARTICOLO

Un gruppo sostanzioso di residenti di Malindi ieri si sono ritrovati alla foce del fiume Sabaki per una ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Bastano trenta minuti al giorno da dedicare alla raccolta di rifiuti davanti alla propria attività, hotel o negozio che sia, ma...

LEGGI L'ARTICOLO

Riforestare per il clima e allo stesso tempo ovviare alla fame e alla carenza vitaminica di migliaia di keniani...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Movimento Malindi Green And Blue, coordinato dalla Progress Welfare Association of Malindi, è ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Per il settimo mese di seguito i cittadini responsabili di Malindi riuniti sotto l’egida del movimento...

LEGGI L'ARTICOLO

Come ogni mese, i cittadini responsabili di Malindi guidati dal Movimento Malindi Green And Blue fondato da...

LEGGI L'ARTICOLO