Ultime notizie

COMMERCIO

Kenya nel tunnel dei rincari dei prodotti d'importazione

Roberto Miano: "Situazione contingente non sia un alibi"

09-02-2024 di Freddie del Curatolo

E’ un periodo quantomai difficile per gli importatori di prodotti dall’Italia e dall’Europa in Kenya, tra problematiche attuali che riguardano il transito dei cargo commerciali dal Mar Rosso, ma anche per altre situazioni legate al prezzo del carburante e alla svalutazione dello scellino keniota rispetto al dollaro. All’aumento dei prezzi su beni che abbiamo sempre considerato “di prima necessità”, sia per i residenti europei in Kenya, sia per il turismo e la ristorazione, come ad esempio la pasta, il riso, l’olio d’oliva e il vino, fanno riscontro i ritardi sull’arrivo dei container e quelli dovuti alle nuove regole del governo keniano per contrastare la corruzione, che prevedono diversi passaggi per ottenere le necessarie autorizzazioni, attraverso piattaforme online.

Tutto ciò si traduce in prezzi decisamente più alti nei supermercati o direttamente dagli importatori, oltre che in disservizi e mancanza di prodotti.
Ieri l'Associazione degli Agenti Marittimi del Kenya (KSAA) ha messo infatti in guardia l’opinione pubblica da un'incombente carenza e aumento dei prezzi delle merci importate a causa delle operazioni dei militanti lungo il canale di Suez e il Mar Rosso. Nel loro comunicato trasmesso ai media, il KSAA ha denunciato la problematica delle compagnie di trasportatori via mare che hanno aumentato le loro spese, per via delle scorte armate che occorrono per attraversare il Mar Rosso ma anche le coste al largo dello Yemen, alle prese con gli attacchi dei ribelli Houthi.

Altre navi hanno deciso di transitare dal Capo di Buona Speranza, ma in questo caso aumenta sia il tempo di percorrenza e di consegna delle merci, sia quello del carburante impiegato.
“Le nostre compagnie chiaramente hanno bisogno di sicurezza, anche se per adesso sono particolarmente a rischio soprattutto quelle americane – spiega l’importatore Roberto Miano di Gourmet Master - non vorremmo che le autorità keniote approfittassero della situazione, in quanto contemporaneamente è aumentato il novero delle licenze da ottenere attraverso i nuovi sistemi online”.
La congiuntura in questo periodo è sfavorevole in tutti gli aspetti, perché oltre alla svalutazione dello scellino, sono aumentati anche i prezzi dei prodotti in Italia.

“Bisognerebbe uscire da questa logica che è sempre colpa delle guerre o delle situazioni contingenti internazionali, quando sarebbe decisiva una presa di posizione del governo locale, per considerare prodotti importati dall’Europa come beni di prima necessità, pensiamo alla pasta o all’olio d’oliva, e non di lusso” spiega Miano. E’ interesse di tutti, tranne dei pochi che se ne vogliono approfittare e non fanno né il gioco deli governi, né quello del mercato e né tantomeno quello del turismo, che si trovi una soluzione per non portare il sistema delle importazioni, che alimenta guadagni per tante categorie di keniani ed imprenditori residenti nel paese, al collasso.

TAGS: importazioniprodotticargo

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Un’ottima notizia riguarda il territorio marittimo del Kenya e le sue coste: l’Organizzazione Marittima...

LEGGI L'ARTICOLO

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 

LEGGI TUTTO

L’aumento esponenziale dell’inflazione dall’inizio dell’anno in Kenya ha portato ad un’anarchia dei prezzi dei...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya ha esteso la chiusura delle proprie frontiere per altri trenta giorni a partire da questa ...

LEGGI L'ARTICOLO

Un'ottima notizia per l'economia e per il turismo del Kenya. 
Dopo anni di attesa, l'aeroporto internazionale Jomo Kenyatta di Nairobi ha ottenuto la certificazione di Categoria A per poter effettuare e ricevere voli diretti dagli Stati Uniti, compresi cargo ed...

LEGGI TUTTO

La compagnia Mediterranean Shipping Company (MSC) ha siglato nei giorni scorsi un accordo con il presidente della Repubblica del Kenya, Uhuru Kenyatta, per ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La guerra della Russia di Putin all’Ucraina potrebbe creare al Kenya molti più problemi di quanto...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Ministero del Commercio e dell’Industria del Kenya ha deciso la chiusura di tutti i negozi che vendono ...

LEGGI L'ARTICOLO

Tra un paio d'anni si potrà viaggiare con la ferrovia veloce SGR da Mombasa fino alla più...

LEGGI L'ARTICOLO

Per chi arriva in Kenya nei prossimi giorni, una pacchia. Per chi ci vive ed in particolare per i cittadini...

LEGGI L'ARTICOLO

Il grande giorno dell'inaugurazione ufficiale della nuova linea ferroviaria Mombasa-Nairobi è arrivato.
Domani, con il viaggio inaugurale del Presidente Uhuru Kenyatta da Nairobi alla seconda città del Kenya e primo porto marittimo, si darà il via alla linea veloce che era...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Dollaro americano ieri ha raggiunto il nuovo record nei confronti dello scellino keniota, che è...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya chiude le frontiere a tempo indeterminato.
Da mercoledì...

LEGGI L'ARTICOLO

Un nuovo negozio a Malindi per gli amici a quattro zampe a Malindi.
Al Vera Cruz Complex in Lamu Road (di fronte al Malindi Complex) ha aperto "Cat & Dog Food", un rivenditore autorizzato "Skinner’s", leader inglese nella produzione di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO