Ambiente

AMBIENTE

Troppe cornacchie in Kenya, progetto per eliminarle

Donazioni per reintrodurre un prodotto vietato dal Governo

05-04-2021 di Freddie del Curatolo

I corvi aumentano a dismisura sulla costa e i residenti tornano ad organizzarsi, come già accaduto una ventina d’anni fa, per ristabilire il giusto equilibrio biologico controllandone la riproduzione.
La cornacchia indiana, conosciuta come Indian House Crow, ama vivere dove l’uomo produce rifiuti e non li smaltisce. Per questo motivo, lo sviluppo poco sostenibile di Mombasa prima, e di Malindi, Watamu e Kilifi ultimamente, hanno rappresentato l’ambiente ideale per questi uccelli che sono pericolosi per la trasmissione di malattie, per cacciare altri esemplari autoctoni più gradevoli, cibandosi delle loro uova sulle piante, oltre che per il fastidio che recano specialmente nelle prime ore dall’alba con il loro gracchiare.
Senza contare la minaccia per il turismo, essendo spesso presenti in hotel e ristoranti dove ci sia cibo sui tavoli e in giro. La loro presenza sempre più evidente non è affatto una bella cartolina della costa keniana.

Anche se non sono indigeni dell'Africa orientale (arrivarono a Mombasa dalle navi che sbarcavano dall’Asia negli anni Quaranta) ormai hanno trovato le coste swahili come ambiente ideale per riprodursi ed alimentarsi.

Sono veri parassiti invasivi che si nutrono prevalentemente di spazzatura, ma anche di altri animali morti o di carcasse e resti di pesci sulle spiagge, essendo praticamente onnivori.

Così ora per fronteggiare l’aumento esponenziale dei corvi, è stato creato un piano nazionale per eradicarli dal Kenya, che prevede la reintroduzione di un prodotto, Starlicide, che ne limita le nascite uccidendo le uova.
Tra il 1999 e il 2005, A Rocha Kenya, un'organizzazione di conservazione, ha sperimentato l'uso di questo veleno speciale progettato per uccidere i parassiti aviari.

Secondo il direttore dell’organizzazione, Starlicide ha funzionato bene per controllare la popolazione degli uccelli in quel periodo. Il Governo, tuttavia, ha vietato il veleno nel 2005, una mossa che da allora ha visto un aumento della popolazione e della diffusione degli uccelli.

"Starlicide ha funzionato bene in altri paesi nell'eradicazione degli uccelli invasivi –spiega Jackson - Il veleno è progettato solo per sradicare gli uccelli invasivi e non ci sono morti secondarie dopo. Il veleno è costoso e da allora abbiamo fatto una proposta di finanziamento per sradicare gli uccelli”.

La reintroduzione dello Starlicide è un processo in corso, che coinvolge anche enti governativi che già in tempi non sospetti si sono schierati contro la propagazione delle cornacchie indiane, che ora stanno puntando all’entroterra, approfittando del popolamento lungo l’autostrada Mombasa-Malindi, dopo che per tanti anni il parco nazionale dello Tsavo ha fatto da filtro, essendo scarsamente popolato ed ecologicamente intatto.
“Siamo ora nel processo finale di importazione e test dell'avicida Starlicide in modo che possa essere formalmente approvato come metodo di controllo delle cornacchie in Kenya – spiega il coordinatore nazionale del progetto Nick Trent - Stiamo lavorando per raccogliere il maggior numero di fondi per un programma quinquennale di eradicazione, che speriamo diventi una realtà nel prossimo futuro una volta che avremo superato l'incertezza che il Covid 19 ha gettato sul mondo dei donatori internazionali.

Nel frattempo, con l'interesse e l'incoraggiamento dei residenti della costa, ora ci rivolgiamo particolarmente a loro per unirsi a noi nel raccogliere collettivamente i fondi necessari per la prossima fase del programma di eradicazione, che è quella di importare, testare e ottenere l'approvazione ufficiale per Starlicide da utilizzare in Kenya per sradicare e controllare gli House Crows. Il nostro obiettivo è che con l’aiuto di tutti possiamo completare il processo di approvazione dello Stalicide mentre continuiamo a cercare finanziamenti per il programma quinquennale di eradicazione. Quando arriveranno i finanziamenti quinquennali, saremo un passo avanti e pronti a passare direttamente al programma principale”.
Per aiutare il National House Crow Eradication Project, cliccate sul link qui sotto che vi porterà al sito di 'Crows No More', dove, attraverso la piattaforma di donazioni M-Changa, collegata anche con il servizio M-Pesa, potrete donare direttamente e condividere il progetto con i vostri contatti, e prenderne visione.  Link per donare a M-Changa: https://secure.changa.co.ke/myweb/share/41236

TAGS: corvi kenyacornacchie kenyaprogetto kenyaambiente kenyasostenibilità kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

In un periodo in cui per molti l’Africa è lontana e le letture dovrebbero essere una compagnia fondamentale...

LEGGI LA RECENSIONE

Una della cose che purtroppo colpisce in negativo, quando cominci a vivere in Africa, lontano dai luoghi turistici, è che è difficile trovare una “coscienza civica” tra gli africani ed in particolare tra i kenioti. 
Alcune area di Mtangani e...

LEGGI TUTTO

L’organo esecutivo del Ministero dell’Ambiente del Kenya, la NEMA, ha rifiutato di approvare il piano...

LEGGI L'ARTICOLO

Un “Recycle Education Centre” in uno dei quartieri più disagiati di Malindi, Soweto di Muyeye.
Questa...

LEGGI L'ARTICOLO

La National Environment Management Authority, braccio esecutivo del Ministero dell'Ambiente keniano, ha presentato la sua proposta per vietare la produzione e la distribuzione delle bottiglie di plastica nel Paese, a partire dal prossimo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un progetto che abbina aiuti al femminile con la tutela dell'ambiente nell'entroterra di Kilifi e di Malindi.
L'associazione italiana Africa Milele, che può contare su un numero crescente di appassionati volontari e opera principalmente a Chakama, sulla strada per il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Evviva, anche in Kenya non sempre gli interessi economici hanno la meglio sul buon senso e sulla salvaguardia del pianeta e dei suoi abitanti, dell'ecosistema e...

LEGGI L'ARTICOLO

C’è anche l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) tra quelle che ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Ministero dell'Ambiente del Kenya ha proibito, con termine ultimo il prossimo 31 marzo, l'utilizzo, la vendita e l'importazione dei sacchetti di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Un altro passo avanti del Kenya nella tutela dell'ambiente e contro l'inquinamento: l'Aeroporto Daniel Arap Moi di Mombasa è il primo di tutto il Continente africano ad essere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo un anno e mezzo dalla presentazione del progetto, avvenuta ad aprile 2018, sembra vicino il momento della...

LEGGI L'ARTICOLO

Un anno di Malindi Green And Blue, dodici mesi di pulizia ogni secondo sabato del mese, una ...

LEGGI L'ARTICOLO

La tutela dell'ambiente marino del Kenya e del suo ecosistema ha ricevuto l'importante appoggio di una star del cinema hollywoodiano.
Leonardo...

LEGGI L'ARTICOLO

A causa delle forti piogge che da questa notte imperversano su Malindi e la costa keniana, i...

LEGGI L'ARTICOLO

Fino a cinque anni di prigione più sanzioni pecuniarie a chi non termina costruzioni di...

LEGGI L'ARTICOLO

Avevamo presentato la splendida e originale iniziativa della Onlus "Flipflopi Expedition" (LEGGI QUI IL PRECEDENTE ARTICOLO) che illustrava la costruzione a Lamu di un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO