Ultime notizie

ECONOMIA

Anche l'Italia sospende il debito del Kenya

Club di Parigi aiuta Kenyatta, solo la Cina si oppone

12-01-2021 di redazione

Dieci Paesi internazionali che fanno parte del cosiddetto “Club dei Creditori di Parigi”, che comprende anche l’Italia, hanno deciso di sospendere fino al prossimo 30 giugno il debito del Kenya, dopo che il Presidente Kenyatta aveva presentato ai suoi creditori una richiesta di sospensione del servizio citando una serie di motivazioni derivate dalla pandemia di Covid-19 che ha seriamente danneggiato l’economia del Paese. 
I 10 paesi di cui il Kenya è debitore, oltre all’Italia, includono il Belgio, il Canada, la Danimarca, la Francia, la Germania, il Giappone, la Repubblica di Corea, la Spagna e gli Stati Uniti d'America.
“Il Governo della Repubblica del Kenya si è impegnato a dedicare le risorse liberate da questa iniziativa per aumentare la spesa al fine di mitigare l'impatto sanitario, economico e sociale della crisi Covid-19 - si legge in parte nella dichiarazione - il Kenya è anche impegnato a cercare da tutti gli altri creditori ufficiali bilaterali un trattamento di servizio del debito che sia in linea con il “term sheet” concordato”.
Altri 12 Paesi infatti hanno accettato di concedere al Paese più tempo per la restituzione di 69 miliardi di scellini kenioti di debito. Si tratta di Australia, Austria, Brasile, Finlandia, Finlandia, Irlanda, Israele, Paesi Bassi, Norvegia, Federazione Russa, Svezia, Svizzera e Regno Unito.
I 22 creditori totali hanno deciso di venire incontro al Kenya dopo che, invertendo la sua decisione, si è unito alle politiche internazionali del G20.
Solo la Cina, tra i grandi creditori, ed anche il maggiore del Kenya, ha respinto la richiesta del Kenya, criticando la decisione del Paese di aderire al G20 solo per poter accedere alla “Debt Service Suspension Initiative”.
Il Club di Parigi rappresenta una delle più importanti sedi multilaterali all’interno delle quali si discute la problematica del debito estero e, più precisamente la sua ristrutturazione. Nato nel 1956 per far fronte a una crisi finanziario-debitoria dell’Argentina, il Club di Parigi riunisce oggi 19 Stati che sono i principali creditori dei Paesi poveri più indebitati e costituisce un importante forum d’incontro e di negoziato tra i Paesi partecipanti. Utilizzato come strumento sovranazionale per le trattative fra creditori pubblici, come i Governi, e debitori, il Club ha curato personalmente tutti gli ultimi accordi che hanno avuto come oggetto un default sovrano. Esso si riunisce periodicamente per considerare la specifica situazione debitoria di un determinato Paese. Dal 1956 il Club ha effettuato circa 429 ristrutturazioni debitorie a favore di circa 90 Paesi. Dal 1983 al dicembre 2013 il Club ha ristrutturato debiti per oltre 573 miliardi di dollari.
 

TAGS: debito kenyaeconomia kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Secondo la ricerca "Africa Risk-Reward Index", pubblicata da Nkc African Economics, il Kenya e l'Etiopia sono i Paesi leader del prossimo futuro nel Continente Nero.
Il rapporto, che mette a confronto investimenti, PIL, sicurezza e molti altri fattori di supporto all'economia,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli esperti di economia mondiale prevedono un 2019 al top per il Kenya.
Questi i dati e di conseguenza l'augurio di grandi società internazionali come, tra le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Costa Nord del Kenya, da Magarini a Kilifi di nuovo in ambasce per la chiusura dei rubinetti dell'acqua da parte del Coast Water Service Board, che amministra la centrale idrica di Baricho da cui proviene la quasi totalità del rifornimento...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo più di una settimana di disagi, l'azienda regionale dell'acqua Mawasco, che distribuisce nell'intera Contea di...

LEGGI L'ARTICOLO

“Non prestate più soldi al Kenya!”
L’accorato e solo apparentemente autolesionista...

LEGGI L'ARTICOLO

Cinque milioni di keniani non riescono a pagare i debiti contratti con gli istituti bancari o di credito a cui...

LEGGI L'ARTICOLO

Durante un'intervista rilasciata in Kenya al noto giornalista televisivo americano Richard Quest per la CNN, il Presidente della Repubblica Uhuru Kenyatta ha risposto a domande anche scomode sulla politica e l'economia del Paese.
Buona parte delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una settimana senz'acqua a Malindi e Watamu, e non ci sono buoni segnali che i rubinetti possano essere riaperti a breve.
Il problema che da anni quasi ogni mese affligge la popolazione, i residenti stranieri e di conseguenza il comparto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Fondo Monetario Internazionale ha considerato nei giorni scorsi la svalutazione dello Scellino keniota e considerato che la moneta del Kenya rimarrà su valori bassi, rispetto a dollaro ed euro, almeno per 4 mesi.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono due milioni i nuovi poveri del Kenya dall’inizio dell’emergenza Covid-19.
E’ un rapporto...

LEGGI L'ARTICOLO

Convegno a Nairobi sul Referendum Costituzionale organizzato in collaborazione con Senza Bavaglio Centro Studi per il Giornalismo.
Parteciperanno il costituzionalista Lorenzo Spadaccini, professore all’università di Brescia, il professore di economia Giovanni La Torre ed il senatore del Movimento Cinque Stelle...

LEGGI TUTTO

Una decisione storica, quella della compagnia di bandiera keniana Kenya Airways, di tornare a volare da Nairobi a Mogadiscio.
Annunciata nelle scorse settimane, la rotta dalla capitale del Kenya a quella della travagliata nazione confinante, sarà operativa da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una settimana intensa per rafforzare i rapporti con due pilastri dell'economia occidentale e della Repubblica del Kenya.
Per Uhuru Kenyatta, impegnato in un'importante battaglia di moralizzazione del Paese, l'appoggio di Donald Trump e di Theresa May è fondamentale.
Dall'altra parte...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E’ stato arrestato questa mattina, poche ore dopo che il Procuratore Generale Noordin Haji aveva...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'annoso problema della mancanza saltuaria d'acqua nei condotti non è ancora risolto.
Ed è sempre in bassa stagione che crea problemi alla popolazione della Contea di Kilifi ed al settore turistico.
Da venerdì scorso residenti e villeggianti sono completamente

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

All'indomani della sentenza della Corte Suprema, che ha messo legalmente la parola "fine" sulla questione delle elezioni e sul nuovo mandato quinquennale di Kenyatta, atteso da tre mesi e mezzo, la reazione dell'ambiente economico...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO