Ultime notizie

VACCINI

I dubbi del Kenya tra vaccini nei parchi e dosi in scadenza

La risposta tiepida dei giovani non fa alzare le percentuali

10-02-2022 di Freddie del Curatolo

Il furgone della Croce Rossa del Kenya percorre la strada semivuota domenicale del lungomare di Mombasa. Sul tetto un megafono che ripete in loop il messaggio in kiswahili: “Oggi giorno speciale di vaccinazioni nel parco. Ci sono due punti di vaccinazione, sentitevi liberi di andarci. E’ completamente gratuito e non avrete problemi. Vi ricordiamo che con senza il doppio vaccino non potrete accedere ad uffici pubblici, ferrovia ed altri servizi”.
Non c’è la coda, ma qualche adulto si mette in coda. I ragazzi passano indifferenti e si siedono sulle panchine che si affacciano sull’oceano indiano, acquistano un gelato dai carretti della Creambell e ovviamente gettano a terra la confezione, che va a far compagnia a sacchetti di patatine, bicchieri di plastica ed altre schifezze che adornano il parco tempestato di baobab secolari, utilizzati come latrine. Sono loro il blocco che non fa lievitare le percentuali: all'indifferenza generazionale e al vivere alla giornata tipico di queste zone, si aggiunge la poca fiducia nei governanti e la tendenza a sentirsi un po' ribelli, nel rifiutare qualcosa che peraltro non è obbligatorio.
Questa dovrebbe essere la stretta sui vaccini annunciata dal Governo qualche giorno fa. E’ possibile che altrove nel Paese stia funzionando, non certo sulla costa. L’obbiettivo sarebbe quello di superare a breve i 20 milioni di vaccinati (10 milioni di vaccinati in 10 giorni, è lo slogan).
Dalle inchieste dei media locali, nei depositi del Ministero della Salute languono infatti quasi 10 milioni di dosi di AstraZeneca, Pfizer e Moderna. Molte di queste hanno scadenze in avvicinamento.
Gli ultimi arrivi sono datati fine novembre e il Governo ha garantito che non avrebbe importato vaccini con scadenza minore di 90 giorni. Tra pochi giorni, da accordi già presi con l’Unione Africana, dovrebbero arrivarne altri 4 milioni, che porteranno il totale delle dosi ricevute a 28 milioni e mezzo, di cui meno della metà sono state somministrate.
Le prime dosi sono quasi sette milioni, meno di sei e mezzo le persone completamente vaccinate e dall’inizio dell’anno sono 200 mila i cittadini che hanno chiesto e ricevuto il booster.
Il Ministro della Salute Mutahi Kagwe prima dello scorso Natale ha anche aperto alle vaccinazioni per i minori di 18 anni e maggiori di 15, anche considerando che le scuole private non avrebbero accettato alunni senza almeno un vaccino e l’appuntamento per il secondo. Hanno risposto in 300 mila circa, più o meno quelli che erano obbligati a farlo. Meglio hanno risposto gli anziani, i dati del Ministero evidenziano che negli ultimi due mesi il numero di persone sopra i 58 anni completamente vaccinate è raddoppiato, dal 20 al 40%.
"Se non pensiamo a modi efficaci per accelerare il processo vaccinale e non agiamo in fretta – ha ammonito Kagwe - rischiamo di vedere sprecate le enormi risorse pubbliche e quelle dei nostri partner di sviluppo che sono state spese per assicurare i vaccini. Anche con le migliori strutture di conservazione, questi vaccini hanno una durata di conservazione oltre la quale la loro scadenza e lo smaltimento saranno inevitabili. Un’evenienza altamente inconcepibile considerando il gran numero di kenioti non vaccinati che ne hanno bisogno”.
L’Unione Africana ha già sollevato la questione africana a livello internazionale: i vaccini donati ai paesi del continente hanno breve durata e già molte nazioni hanno dovuto buttare via vaccini, nonostante in media l’Africa abbia vaccinato il 10% dei suoi 1.3 miliardi di abitanti.
Il ministero keniano ha finora installato congelatori per rafforzare il sistema della catena del freddo del paese per garantire la somministrazione dei vaccini Pfizer e Moderna, ha formato ed equipaggiato oltre 8.000 operatori sanitari e aperto oltre 3.000 posti di vaccinazione in tutto il paese.
Il piano, sinceramente non facile da realizzare, è quello di vaccinare completamente almeno 19 milioni di keniani entro la fine di giugno e l’intera popolazione adulta, stimata in circa 27 milioni e mezzo di persone, entro la fine del 2022.

TAGS: vaccini kenyadosi kenyacroce rossa kenyasalute kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Da questa mattina, lunedì 23 agosto, in Kenya sono disponibili anche 880 mila dosi del vaccino...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono arrivate 1 milione di dosi di vaccino Pfizer in Kenya, dagli...

LEGGI L'ARTICOLO

Un palazzo nel centro di Malindi è collassato durante le forti piogge della notte.
Una struttura...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya ha deciso che da oggi, venerdì 28 maggio, inizieranno i richiami per i vaccinati con...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo AstraZeneca, Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson in Kenya arrivano anche...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya si prepara ad una campagna vaccinale potente per dare una decisa inversione di marcia alla...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Ministero della Salute ha deciso che il richiamo dei vaccini somministrati fino a qui, che sono...

LEGGI L'ARTICOLO

Da una settimana a questa parte è iniziata la corsa delle potenze mondiali a vaccinare il Kenya...

LEGGI L'ARTICOLO

Almeno 350.000 dosi di vaccino Astrazeneca sono attese nel paese entro venerdì, ha detto il Ministero della...

LEGGI L'ARTICOLO

E’ stata donata da una Onlus italiana, la prima clinica mobile di Malindi, che ora appartiene alla Croce Rossa Keniana. 
Totalife Onlus ha presentato ufficialmente la clinica mobile lo scorso...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Mentre quasi tutte le strutture sanitarie delle contee sono alle prese con la mancanza di vaccini, il...

LEGGI L'ARTICOLO

La proposta di decreto legge del Ministro della Sanità keniana Mutahi Kagwe sembra aver messo...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo l’evidenza che l’India non riuscirà ad inviare il secondo lotto dei vaccini AstraZeneca previsti...

LEGGI L'ARTICOLO

La levata di scudi del settore dell’ospitalità della Contea di Kilifi sembrerebbe essere servita...

LEGGI L'ARTICOLO

La situazione dei vaccini messi fino ad oggi a disposizione dei 55 stati africani attraverso l’ente...

LEGGI L'ARTICOLO

La Croce Rossa Keniana, all'indomani della paurosa esondazione del fiume Galana che ha allagato migliaia di ettari di campi coltivati e sommerso interi villaggi nell'entroterra di Malindi, dai primi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO