Ultime notizie

NEWS

Il programma del Kenya per vaccinare la popolazione

Cambia vaccino prioritario, strategie diverse da zona a zona

27-08-2021 di redazione

Il Kenya, dal mese di settembre, entrerà nella fase operativa del programma nazionale che punta a vaccinare 10 milioni di adulti entro la fine dell’anno.
Si tratta di un programma già annunciato da più di due mesi, dal Ministro della Sanità Mutahi Kagwe e dal Presidente Uhuru Kenyatta e messo in condizioni di essere dal responsabile della Task Force dell’emergenza Covid-19 e referente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Dr. Willis Akhwale.
La campagna vaccinale entra nel vivo con una prima novità, annunciata dallo stesso Akhwale: il tipo di vaccino prioritario per il Kenya non sarà più l’inglese AstraZeneca come avvenuto fino ad oggi, con quasi tre milioni di dosi già utilizzate, ma il vaccino americano Johnson & Johnson.
Il motivo di questa conversione è presto spiegato: si è visto nel caso delle prime vaccinazioni pubbliche ai maggiori di 58 anni, iniziate ad aprile di quest’anno, come in molti non si siano presentati per i richiami e soprattutto come nelle aree rurali, dove vengono richiesti anche sacrifici alla povera gente per presentarsi al più vicino punto vaccinale, ci sia stata scarsissima affluenza.
Questo è anche dovuto al fatto che il vaccino AstraZeneca, come peraltro Pfizer e Moderna che da queste settimane sono disponibili in Kenya, sia da inoculare due volte. Il personale sanitario in varie sedi ha espresso la sua difficoltà a convincere le persone e rintracciarle per il richiamo.
Il vaccino Johnson & Johnson invece, com’è noto, viene somministrato in un’unica dose.
Ci saranno strategie di distribuzione differenti da regione a regione, a seconda delle problematiche riscontrate nei mesi precedenti.
“Daremo la priorità del vaccino unico J&J per le zone difficili da raggiungere – ha confermato Akhwale – oltretutto avendo meno requisiti logistici, sarà facile da distribuire nelle aree remote, dove i tassi di vaccinazione sono deludentemente bassi. Questo ci permetterà anche di risparmiare soldi. Oltre al fatto che il vaccino J&J ha una durata di due anni”.
Questo è il motivo che ha spinto il Governo del Kenya a formulare il suo primo vero acquisto di vaccini presso la multinazionale americana: 13 milioni di dosi che arriveranno a partire da fine settembre.
Per adesso si punta ad esaurire i richiami di AstraZeneca, mentre nel Paese sono già arrivati 880 mila vaccini Moderna che saranno distribuiti in alcune contee più sicure e abitate da residenti stanziali, in modo da rifornirle tre settimane più tardi con lo stesso tipo di vaccino.
“Non abbiamo intenzione di mischiare vaccini – ha aggiunto il direttore della Task Force dei vaccini – chi avrà ottenuto AstraZeneca come prima dose, dovrà attendere lo stesso tipo di vaccino per la seconda”.
Questo potrà avvenire grazie alle donazioni da parte di paesi europei che hanno scorte del vaccino di Oxford e le stanno distribuendo alle nazioni in via di sviluppo. A metà mese sono previste altre 400 mila dosi di AstraZeneca e più di un milione di Pfizer, frutto di una donazione degli Stati Uniti.
Anche il programma Covax si è attivato per ulteriori donazioni.
Se all’arrivo di tutte queste dosi verrà effettivamente attivata una campagna seria, metodica e aggressiva, il Kenya potrà finalmente iniziare ad allinearsi con i paesi più avanti nell’immunizzazione del proprio popolo.

TAGS: vaccini kenyaprogramma kenyapandemia kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il Ministero della Salute ha deciso che il richiamo dei vaccini somministrati fino a qui, che sono...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo AstraZeneca, Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson in Kenya arrivano anche...

LEGGI L'ARTICOLO

Arriva dagli Stati Uniti la speranza che le popolazioni africane possano essere quasi totalmente immunizzate...

LEGGI L'ARTICOLO

A colpi di poche centinaia di dosi alla settimana non si può fare molto per vaccinare più cittadini...

LEGGI L'ARTICOLO

L’Unione Europea continua a non riconoscere il vaccino AstraZeneca “Covishield” utilizzato in Kenya ed...

LEGGI L'ARTICOLO

Da questa mattina, lunedì 23 agosto, in Kenya sono disponibili anche 880 mila dosi del vaccino...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya si prepara ad una campagna vaccinale potente per dare una decisa inversione di marcia alla...

LEGGI L'ARTICOLO

La levata di scudi del settore dell’ospitalità della Contea di Kilifi sembrerebbe essere servita...

LEGGI L'ARTICOLO

Nel giorno in cui il Kenya riceve ufficialmente i primi vaccini dal programma africano Covax che...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya ha deciso che da oggi, venerdì 28 maggio, inizieranno i richiami per i vaccinati con...

LEGGI L'ARTICOLO

Le terapie intensive si svuotano, i vaccini finiscono, la percentuale cala e ci si affretta a chiudere le...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya ad agosto potrebbe dare una grossa “botta” alla sua campagna vaccinale, attuando un...

LEGGI L'ARTICOLO

La situazione dei vaccini messi fino ad oggi a disposizione dei 55 stati africani attraverso l’ente...

LEGGI L'ARTICOLO

Un milione e duecentocinquanta mila vaccini in Kenya entro il prossimo giugno.
Dopo...

LEGGI L'ARTICOLO

Mentre quasi tutte le strutture sanitarie delle contee sono alle prese con la mancanza di vaccini, il...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche la Sanità keniana ha fatto i conti di questi primi dieci mesi di pandemia nel...

LEGGI L'ARTICOLO