Ultime notizie

NEWS

Come la guerra Russia-Ucraina può danneggiare il Kenya

Petrolio, import-export con il paese già in inflazione

23-02-2022 di Freddie del Curatolo

Il conflitto armato tra Russia e Ucraina rischia di avere ripercussioni negative anche sull’economia keniana che già di per sé non sta attraversando un buon periodo, per usare un eufemismo, sia per gli strascichi della pandemia sia per il “raschiabarile” politico per le campagne elettorali e la relativa ritrosia degli investitori locali sul mercato.
I keniani risentiranno come molti altri paesi dell’aumento dei costi energetici e del petrolio, di cui la Russia è il terzo esportatore in assoluto in Africa, e della perdita di transazioni date dal probabile blocco che il governo di Putin riceverà dalle Nazioni Unite (nonostante l’opposizione della Cina e di poche altre nazioni che si sono schierate con Mosca, mentre il blocco NATO è saldo nel sostenere le ragioni di Kiev). Mosca è stata infatti minacciata di sanzioni se invade l'Ucraina dalle potenze occidentali, che includono la negazione della possibilità di commerciare usando il dollaro, paralizzando la sua capacità di commerciare con paesi come il Kenya.
E non è poco: il Kenya infatti acquista grano sia dai russi che dagli ucraini, l’importazione arriva a soddisfare il 75% della sua domanda annuale che è di circa 1,2 milioni di tonnellate.
La farina di mais rimane la prima fonte di sostentamento per la popolazione. L’aumento della “polenta” (sima) nel paese è già stato sensibile da un anno a questa parte, il pacco di “maize flour” è passato da 90, prezzo di un blocco imposto dopo un anno di pandemia, a 126 scellini, mettendo in ginocchio mezzo paese. Pensare ad un ulteriore aumento vorrebbe dire portare almeno la metà dei keniani alla fame, considerando che già con i prezzi attuali, aggravati dalla siccità e dai cambi climatici, è cresciuto del 33% il numero dei cittadini che non possono permettersi più di un pasto al giorno. Anche il pane, altro alimento quotidiano dei keniani, dipende dall’importazione di farina dai paesi dell’est europeo e così, scendendo ancora di categoria sociale ed economica, la povera gente dipende anche dall’aumento di 5 scellini di una samosa o di un chapati, che costituiscono spesso i sostentamenti base della giornata.
All’aumento dei costi del petrolio, oltretutto, sono collegati i costi dei trasporti e dell’elettricità, quindi prodotti che viaggiano su gomma (ma anche aerei cargo) e bollette della luce potrebbero ulteriormente rincarare.
Per quanto riguarda l’economia nazionale, la Russia è da poco diventato il maggior acquirente di té dal Kenya ed il blocco dei commerci, per via della guerra e dell’impossibilità di trattare in dollari, sarebbe un danno importante per la filiera della piccola foglia verde.
Per quanto riguarda i rapporti diplomatici invece, la crisi sul fronte ucraino non mette più di tanto in difficoltà Nairobi che ha sempre intessuto buoni rapporti commerciali (e contraendo debiti) sia con gli Stati Uniti che con la Cina, ma che ha una lunga storia di collaborazioni e intese economiche anche con la Russia di Vladimir Putin. Ciononostante il delegato keniano alle Nazioni Unite, Martin Kimani, ha dichiarato che i confini Ucraini non dovrebbero essere discussi e la Russia dovrebbe rispettarli. Una presa di posizione che conferma il ruolo del Kenya nell'orbita dei paesi occidentali.

TAGS: kenya russiakenya petroliokenya importazioni

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

La guerra della Russia di Putin all’Ucraina potrebbe creare al Kenya molti più problemi di quanto...

LEGGI L'ARTICOLO

L’aumento esponenziale dell’inflazione dall’inizio dell’anno in Kenya ha portato ad un’anarchia dei prezzi dei...

LEGGI L'ARTICOLO

Il razionamento di carburante in Kenya sta causando mancanze in particolare di gasolio e cherosene nelle...

LEGGI L'ARTICOLO

Nonostante l’ottimismo dell’ente nazionale del petrolio, in Kenya da oggi molti distributori sono chiusi e altri...

LEGGI L'ARTICOLO

La Russia punta l’Africa per diventare il secondo polo commerciale dopo il gigante cinese.
Questo è...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya ha venduto il primo carico di greggio prodotto nel suo territorio.
Ieri il ...

LEGGI L'ARTICOLO

Ne avevamo annunciato pochi giorni fa la possibilità, oggi è ufficiale: il Kenya è alle prese con una...

LEGGI L'ARTICOLO

L’emergenza carburante in Kenya che ha creato parecchi disagi in tutto il paese, tra razionamento, distributori...

LEGGI L'ARTICOLO

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 

LEGGI TUTTO

Sarà una pasqua imbenzinata?
L’emergenza carburante che ha 

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo Wolkswagen e Peugeot, anche la giapponese Nissan ha annunciato la sua intenzione di investire circa 20 milioni di dollari nella creazione di un impianto di assemblaggio di veicoli in Kenya.
Jim Dando, Direttore...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La casa automobilistica francese Peugeot ha iniziato l'assemblaggio in Kenya dei suoi veicoli presso la sede di Thika della Kenya Vehicle Manufacturers (KVM). Peugeot è di fatto la più recente multinazionale che produrrà veicoli nello stabilimento vicino a...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da oggi la benzina, il diesel e il cherosene costano di più in...

LEGGI L'ARTICOLO

Un altro treno merci deragliato a Mombasa, sulla linea ferroviaria che dal porto della città porta verso la vecchia linea per Nairobi, quella oggi utilizzata solamente dai convogli commerciali.
Anche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L’edizione 2022 del 7 Islands Festival racconta una storia unica nel suo genere che è già mito...

LEGGI L'ARTICOLO

Un’ottima notizia riguarda il territorio marittimo del Kenya e le sue coste: l’Organizzazione Marittima...

LEGGI L'ARTICOLO