Ultime notizie

KENYA NEWS

Il Kenya si calma, ma i giovani non abbassano la guardia

Le richieste e le aspettative della Generazione Z al governo

07-07-2024 di Freddie del Curatolo

Il Kenya torna pacifico, i suoi giovani non allentano la morsa contro questo governo ma trasformano la rabbia iniziale per la legge finanziaria e le risposte non all’altezza delle loro aspettative, in stato di attenzione e “monitoraggio” delle nuove mosse promesse dal presidente William Ruto, prima tra tutte la lotta alla corruzione tra i politici del suo governo e in generale tra i parlamentari.
Ieri il paese ha passato una domenica tranquilla, nonostante certe avvisaglie sui social network che prevedevano altre manifestazioni non esclusivamente pacifiche.

In realtà l’evento più eclatante ed aggregativo è andato in scena nel parco centrale della capitale Nairobi, Uhuru Park. Gli attivisti in prima linea della Generazione Z, con il blogger Boniface Mwangi in testa, hanno organizzato un concerto pomeridiano che ha radunato alcune migliaia di giovani, che hanno ballato e fatto festa, senza dimenticare di essersi riuniti per commemorare le 41 vittime delle proteste antigovernative delle settimane precedenti.

Le croci piantate nell'erba con i loro nomi, scanditi dal palco da ognuno degli artisti che si sono esibiti, tra cui alcuni dei rapper più famosi del Paese, da Kaligraph Jones a Juliani, con l'esibizione di un "veterano" della canzone sociale, Eric Wainaina, autore dell'inno "Daima mimi Kenya", cantato a squarciagola dalle migliaia di ragazzi. Un "primo maggio" di Nairobi, una primavera in una nazione che non ne ha mai avute.

Un'atmosfera lontana dai tumulti delle proteste degenerate in violenza per alcune concause, tra cui la risposta inadeguata della polizia e l’infiltrazione tra i dimostranti di teppisti e malviventi che hanno approfittato della situazione per saccheggiare negozi ed ingaggiare scontri con le forze dell’ordine, con pietre e bastoni. Tutto questo ha portato a ritorsioni, azioni punitive e 272 arresti in tutto il Paese. Allo stesso tempo hanno convinto Ruto a scegliere la via del dialogo e di alcune modifiche alle decisioni prese dai suoi ministri. Ora si apre una nuova stagione, fatta di risposte alle richieste dei giovani che, non dimentichiamolo, rappresentano l’ottanta per cento del Kenya e della sua forza lavoro, oltre che il suo futuro. La Generazione Z si aspetta un rimpasto di governo, con alcuni ministri sulla graticola per le loro ricchezze inspiegabili (o meglio, spiegabili con appropriazioni indebite), tagli significativi a spese inutili (già promessa da Ruto la chiusura degli uffici della First Lady, della First Lady del vicepresidente Gachagua e di sua figlia). Dall’altra parte ci sarà da accettare altri tagli alla spesa pubblica, l’aumento di prezzi che andranno a sostituire le tasse cancellate e nuovi prestiti che porteranno inflazione e sudditanza nei confronti dei grandi creditori internazionali.

Una situazione non facile che bisognerà spiegare al popolo, mostrando buona volontà ed onestà.
L’importante però è che il Paese torni ad essere tranquillo e che accolga al meglio il turismo che sta per riversarsi sulle spiagge e in savana e che può portare valuta contante e rimesse che possono aiutare le casse dello Stato e la distensione tra i suoi funzionari e l’onda giovane che ne vorrebbe la testa.

TAGS: giovani generazioneprotesteaspettative

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Un incontro virtuale con i giovani della generazione Z che hanno dato il là alle proteste di piazza...

LEGGI L'ARTICOLO

Oggi potrebbe rivelarsi un giorno decisivo per il proseguo delle proteste della Generazione Z in Kenya: quell’insieme...

LEGGI L'ARTICOLO

“Che gli stranieri sappiano che il Kenya è e resta un Paese democratico” ha detto ieri il presidente...

LEGGI L'ARTICOLO

Lo ha detto, in serata quando finalmente si è palesato, anche il presidente William Ruto: è...

LEGGI L'ARTICOLO

I giovani keniani tornano in piazza oggi, soprattutto per commemorare le vittime delle...

LEGGI L'ARTICOLO

Le proteste antigovernative in Kenya sembrano sfuggite di mano a tutti e finite nelle mani più...

LEGGI L'ARTICOLO

Dagli studenti disoccupati, gli artisti e il mondo digitale della generazione Z che le avevano lanciate, ieri...

LEGGI L'ARTICOLO

La polizia keniana ha dichiarato di aver arrestato almeno 272 teppisti e malviventi, mascherati da...

LEGGI L'ARTICOLO

Il settore del turismo può aiutare il Kenya ad uscire dalla crisi economica che ha attivato le proteste.
Mai come...

LEGGI L'ARTICOLO

Con un comunicato trasmesso ai media nazionali, il ministro degli Interni e della Sicurezza...

LEGGI L'ARTICOLO

Il secondo lunedì di proteste contro il carovita da parte dell’opposizione al governo del presidente William...

LEGGI L'ARTICOLO

Una buona notizia per il Kenya, per il suo ordine pubblico, l’incolumità della sua gente e in...

LEGGI L'ARTICOLO

Lui si chiama Roy Allela, ha 25 anni ed è uno dei tanti giovani di cui il Kenya deve andare fiero.
Programmatore di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Alla fine di un martedì nero per la storia del Kenya democratico e di un mercoledì in cui si sono ...

LEGGI L'ARTICOLO

Questa mattina l’opposizione in Kenya torna in piazza per protestare contro il governo del presidente William Ruto e...

LEGGI L'ARTICOLO

Nella stagione turistica che entra nel vivo, con tanti giovani e una clientela internazionale che...

LEGGI L'ARTICOLO