Libri sul Kenya

LIBRI SUL KENYA

Il Kenya nei viaggi del chirurgo D'Onofrio, come una danza indimenticabile

“Anatomia del viaggio” è il diario appassionato del medico che ha vissuto 7 anni a Nairobi e frequenta ancora la costa

02-02-2017 di Freddie del Curatolo

Il ritmo e le melodie del viaggio e l’impossibilità di volgere lo sguardo altrove, quando non è solo l’etica professionale a chiamarsi in aiuto al prossimo.
C’è tanto amore, tanta poesia e molta Africa, in “Anatomia del viaggio”, atipico “diario di bordo” del medico italiano Crescenzo D’Onofrio, tra affreschi di Natura, introspezione, liriche, evocazioni e la cruda realtà di miseria, sanità inesistente e guerre.
D’Onofrio ha girato il mondo per mezzo della sua professione, ma soprattutto collaborando con missioni ed NGO non solo nel continente nero. Ha poi vissuto e lavorato per sette anni come chirurgo plastico a Nairobi, creando nel 2006 la prima unità di chirurgia plastica e ricostruttiva al Karen Hospital ed insegnando all’Aga Khan University.
Tuttora frequenta assiduamente la costa keniana.
Tra tutti i terzi mondi possibili e vissuti ad abbracci e morsi dal medico-scrittore, l’Africa sub sahariana è quella che, tra le mille vicende umane ed esperienze di volontariato e solidarietà, regala l’emozione eterna della bellezza dei luoghi, che si erge sulle miserie umane.
Così si apre l’avventura africana di D’Onofrio.
“Africa! Finalmente l’Africa! Distese sconfinate, dipinte e scolpite dalla mano di Dio. Anacardi maestosi, piante di manioca, palme, papaie, e poi mangrovie, acacie, baobab, coltivazioni di cotone, si offrono allo sguardo in rapida successione, intervallate qua e là da bizzarre forme rocciose. Una natura predominante
e padrona, scalfita appena da capanne e villlaggi. La terra, di un caratteristico colore rosso, spicca con forza ed efficacia in mezzo alla vegetazione”.
E’ un viaggio tra l’arretratissimo Mozambico, il maestoso Kenya, il Senegal e una martoriata Sierra Leone (in cui il medico ha coordinato il progetto Unicef per la rimozione dei tatuaggi di guerra dei bambini soldato). Una danza tra scenografie ora incantevoli, ora tragiche, dove il Maasai Mara regala le sue distese infinite e richiama alla memoria le romantiche descrizioni di Karen Blixen, ma anche le lucide osservazioni di Alberto Moravia, per cui il Kenya si iniziava ad amare dall’alto, scendendo dalle sue nuvole.
Anche per il chirurgo romano, che si è appassionato anche all’antropologia seguendo le appassionate ricerche di David Leakey, il Kenya ha l’ancestrale calamita della culla dell’umanità e, nonostante il lavoro e la passione di essere d’aiuto agli indifesi lo abbia fatto rotolare come pietra in altri remoti angoli del globo, la sua vita danzante, appassionata e piena di sentimenti contrastanti, sempre lo riporta in Africa.
Perché, come enuncia lui stesso, il viaggio è la modalità più coraggiosa di prendere tra le braccia la propria vita e farla ballare a un ritmo dapprima sconosciuto, poi sempre più familiare e travolgente. Un ritmo di cui molti di noi non possono fare a meno.
“Il viaggio è un modo, un mezzo, per accedere al ritmo, attraverso lo spostamento
fisico. Il movimento ondulatorio del cammino attiva le cellule, le fa entrare
in risonanza con più ampi universi. Il ritmo è l’essenza del viaggio, la vibrazione che lo rende vivo, comunque appagante: è la porta d’accesso ad altre dimensioni. Ma le cause che spingono a cercarlo sono molteplici. L’irrequietezza, l’insoddisfazione, il desiderio di fuga,
sono solo alcuni possibili sintomi del male più grande che è genetico, è la condizione umana stessa, il bisogno, inscritto nelle cellule, nel DNA, di realizzare fino in fondo la Traccia biologica, la Ricerca, il Cammino”.
Parole di un vero indagatore dell’animo umano e del suolo terrestre.
“Anatomia del Viaggio” è scaricabile gratuitamente in lingua italiana da ITUNES IBOOKS.

TAGS: Crescenzo D'OnofrioChirurgo plastico KenyaPlastic surgeon KenyaAnatomia del VIaggio

(foto di Paolo Torchio) Dopo il divieto totale dei sacchetti di polietilene, il Ministero dell'Ambiente del Kenya sta pensando seriamente di vietare le bottiglie di plastica su tutto il territorio nazionale per proteggere l'ambiente.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come preavvertito dal medico, la resa dei conti con "l’impianto idraulico" avvenne il 15 maggio 2008. 
Dopo una nottataccia, si dovette ricorrere a quello strumento che alcuni definiscono pestifero, ossia il telefonino. Il chirurgo locale (africano) accettava di operare il...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Ecco l'elenco completo delle compagnie aeree di linea o charter che a tutto il 2017 volano da Italia ed Europa (anche tramite collegamenti, scali e code-sharing) verso il Kenya, con arrivo negli aeroporti internazionali di Mombasa (Moi International Airport) e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu la bella.
Malindi la magica.
Watamu la giovane e frizzante.
Malindi antica ma ancora interessante.
 

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Qualora il cittadino italiano si trovi in una situazione di emergenza (ad esempio un turista in transito che deve ripartire ed ha smarrito o è stato derubato del proprio passaporto) e non si faccia in tempo ad esperire la necessaria...

LEGGI ATTENTAMENTE LE INDICAZIONI CLICCANDO QUI

Sono state da poco pubblicate le tariffe della tratta Mombasa-Nairobi della nuova ferrovia SGR che verrà inaugurata domani, mercoledì 31 maggio, dal Presidente Kenyatta. La prima classe costerà Kshs. 3000 (circa 27 euro) e la classe economica Kshs. 950 (circa...

I cambiamenti repentini in Kenya non esistono.
Stiamo parlando della culla dell'umanità, dove tutto semmai si evolve, muore e rinasce, si ricrea.
Ma cambiare, è una parola grossa.
 

LEGGI TUTTO L'EDITORIALE

I residenti se la godono. 
A cena con i ristoratori di Malindi o nella piscina degli hotelier di Watamu esprimono solidarietà di comodo, fingono di preoccuparsi per la situazione ed elargiscono gratuite pacche sulla spalla: “vedrai, il Kenya si riprenderà”,...

LEGGI L'EDITORIALE COMPLETO

Quest'anno sarà il Kenya il punto di partenza della fortunata trasmissione di Rete 4 "Donnavventura", il reality-reportage di viaggio a cui partecipano giovani e belle ragazze che coltivano il sogno di essere reporter di viaggio e d'avventura.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una "rete" di operatori, aziende e privati che vogliono aiutare il Kenya a risollevare il proprio turismo e l'economia derivata da questo settore che sulla costa è fondamentale per tutti.
Questo noi di Malindikenya.net e Watamukenya.net abbiamo deciso di creare,...

LEGGI TUTTO

L'alta stagione di Malindi porta musica, incontri e buone bevute insieme.
Proseguono gli appuntamenti in musica dell'Osteria "di terra" a partire dall'ora dell'aperitivo.

LEGGI TUTTO

Sono sempre tanti gli italiani che frequentano il Kenya e non voltano lo sguardo altrove quando si trovano di fronte alla dura realtà del Paese africano ed ai rovesci della medaglia di luoghi turistici come Malindi e Watamu.
E' il...

LEGGI TUTTO

Persona pragmatica all’apparenza, ho avuto sempre un certo scetticismo per queste sensazioni inspiegabili……poi, per caso, un viaggio in Kenya.
L’Africa non mi ha mai attirato veramente, era uno di quei viaggi che avrei voluto fare in coda, solo dopo averne...

LEGGI TUTTA LA TESTIMONIANZA

Il sabato sera all'Olimpia Club di Casuarina a Malindi riserva sempre qualche sorpresa speciale, e tanto divertimento. Non sono soltanto la cena e l'arrivo delle ostriche fresche da Kilifi i protagonisti della serata.

LEGGI TUTTO

Galeotto fu il volontariato a Chakama, con la Onlus Africa Milele. 
Per Antonio Di Guida, fiorentino di 24 anni, laureato in design industriale e appassionato di cucina e fotografia e viaggi, il primo viaggio in Africa nel 2013 ,significava soprattutto...

LEGGI TUTTO

La storia del primo cinese che approdò sulle rive dell'Oceano Indiano ha seicento anni.
Era infatti il 1417, secondo gli studiosi di Pechino che hanno recentemente pubblicato un volume sui viaggi dei grandi navigatori orientali, quando Zang He con una...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO